Risultato finale

30 Ottobre 2001 13:00

Wisla Cracovia
3' Zurawski
Inter
arbitro Joaquim Pablo Paraty da Silva / guardalinee Da Silva Cardinal, Miranda / 4° uomo Lopes Ferreira
MinutiCronaca
45'Un minuto da recuperare.
43'Da fuori area, Cristiano Zanetti incrocia il tiro. Il pallone rimbalza davanti a Sarnat ed esce.
37'Farinos su punizione aggira la barriera, ma la conclusione è alta.
34'Punizione di Kaliciak: Fontana deve tuffarsi alla sua sinistra per togliere la palla dall'angolo basso della porta e deviare in angolo.
29'Intervento di Okan su Moscalewicz nella trequarti nerazzurra. L'arbitro lo ammonisce.
24'Scontro tra Moscalewicz e Fontana. Il portiere anticipa il polacco lanciato in contropiede.
23'Potentissima punizione di Dalmat: da 35 metri sfiora la traversa.
17'Wisla ancora pericolosissimo: Frankowski affonda in area sulla sinistra e incrocia il tiro. Fontana è bravo a deviare in angolo.
6'Combinazione Adriano-Kallon, il centravanti della Sierra Leone prova il tiro da trenta metri. Palla fuori.
3'Frankowski suggerisce per Zurawski che in contropiede supera Cordoba e tocca in porta rendendo inutile l'uscita di Fontana.
1'Partita iniziata, Inter subito all'attacco.
MinutiCronaca
50'Partita conclusa. Una sconfitta che qualifica comunque l'Inter: grande sofferenza, ma nerazzurri al terzo turno.
46'Assedio del Wisla: botta di esterno di Pater dalla destra, Materazzi respinge.
45'Quattro minuti di recupero assegnati.
44'Protesta di Cristiano Zanetti in barriera. L'arbitro lo punisce con un cartellino.
43'Di Biagio ammonito: fallo da dietro su Czrewiec che stava sfruttando un buco centrale.
41'J.Zanetti trova lo spazio per il cross, Ventola è anticipato di misura al momento della battuta.
35'Simic entra in campo al posto di Okan.
32'Smuda manda in campo il centrocampista Pater.
31'Entra per l'ultimo quarto d'ora Ventola. Adriano lascia il campo.
27'Czrewiec cerca la conclusione dal limite. Fontana ferma.
24'Adriano elude il fuorigioco, cerca di girarsi il pallone sul sinistro e concede il tempo al recupero del difensore. Il tiro del brasiliano risulta così errato.
23'Punizione di Materazzi: la palla attraversa tutta l'area, Di Biagio non arriva a deviare sotto porta.
23'Nicinski sostituisce Frankowski.
21'Adriano fugge verso la porta, Baszczynski lo ferma e viene ammonito.
19'Esce Farinos per dar spazio a Di Biagio.
18'Incredibile palo di Szymkoviak: la sua punizione colpisce il palo interno di Fontana, ormai battuto.
16'Ammonito Cordoba per un fallo al limite dell'area.
15'Dal vertice sinistro dell'area Szymkoviak libera il destro, Gresko devialeggermente, ma Fontana riesce a respingere.
14'Il capitano polacco Moskal interviene da ammonizione su Cristiano Zanetti.
9'A centrocampo, Farinos ferma irregolarmente Czrewiec: cartellino giallo.
8'Fallo su Materazzi a centrocampo: ammonito Czrewiec.
6'Dalmat tenta di servire in profondità Kallon infilatosi tra i due centrali polacchi. Glowaki riesce a deviare il pallone rendendo inutile lo scatto del centravanti.
3'Punizione dalla sinistra di Kaliciak e sforbiciata in area di Frankowski deviata in angolo da C.Zanetti.
1'Inizia il secondo tempo. Materazzi in un contrasto aereo prende una gomitata in volto. Piccolo infortunio, il giocatore riprende regolarmente dopo l'intervento dei medici.
Di Biagio
6.82
6.82
Simic
6.54
6.54
Ventola
6.46
6.46
Zanetti
7.7
7.7
Zanetti
7.55
7.55
Cordoba
6.24
6.24
Farinos
6.13
6.13
Gresko
6.65
6.65
Dalmat
6.59
6.59
Fontana
6.91
6.91
Materazzi
6.8
6.8
Okan
6.28
6.28
Kallon
6.58
6.58
Adriano
5.57
5.57
Media squadra6.63
I precedenti Wisla - Inter

Le prime squadre di Wisla Cracovia e Inter si affrontano per la seconda volta in assoluto in un confronto ufficiale dopo la gara di andata del 18 ottobre scorso, vinta a Trieste 2-0 dai nerazzurri con doppietta di Kallon.

I precedenti Wisla - Italia

Prima della gara di andata, perduta dai polacchi per 2-0 a Trieste, esisteva un solo precedente doppio confronto per il Wisla Cracovia contro formazioni italiane. La sfida risale alla coppa Uefa 1998/99 quando la squadra polacca affrontò il Parma pareggiando 1-1 in casa l’andata e perdendo poi 1-2 a Parma la partita di ritorno. Ricordiamo il grave episodio della gara di andata quando il calciatore Dino Baggio venne sfiorato da un coltello lanciato dalle tribune. Dunque dopo tre confronti ufficiali contro le italiane, il Wisla non ha mai vinto, avendo raccolto un pareggio e due sconfitte.

I precedenti Inter - Polonia

E’ il quarto doppio confronto tra Inter e formazioni polacche: nei tre precedenti i nerazzurri si sono sempre qualificati al turno successivo. Nella coppa Uefa 1985/86, contro il Legia Varsavia, pareggio 0-0 a Milano e poi vittoria 1-0 a Varsavia dopo i tempi supplementari. L’anno seguente, sempre in coppa Uefa e ancora contro il Legia, sconfitta 3-2 a Varsavia, successo 1-0 nel ritorno a San Siro. Poi il confronto dello scorso anno contro il Ruch Chorzow, ancora una volta in coppa Uefa, con l’Inter che ottenne una vittoria per 3-0 in trasferta nella gara d’andata, successo poi bissato nel ritorno in casa col risultato di 4-1. Il bilancio dei 7 singoli incontri, considerando anche la vittoria per 2-0 all’ andata sul Wisla, è di 5 vittorie nerazzurre, 1 pareggio ed 1 sconfitta.

Quel gol di De Biasi al Wisla

Se Inter-Wisla era, prima del match di andata a Trieste, un incontro inedito per quanto riguardava le prime squadre, esisteva gia’ un precedente ufficiale tra le formazioni “primavera” riferito al Torneo di Viareggio, datato 19 febbraio 1976: i nerazzurri si imposero 1-0 ai polacchi con rete di Gianni De Biasi, oggi allenatore del Modena capolista a sorpresa del campionato di serie B.

Polacche senza vittorie contro le italiane negli ultimi 16 euroconfronti

L’ultimo successo assoluto di una formazione polacca contro un club italiano nelle coppe europee risale al 16 settembre 1997 quando, in coppa Uefa, il Widzew Lodz sconfisse 1-0 l’Udinese con rete di Bogusz: da allora il bilancio dei club polacchi contro i nostri è di 3 pareggi (uno del Vicenza, uno del Parma e uno dell’ Udinese, tutti in Polonia) e 13 sconfitte (4 dall’ Udinese, 1 dal Vicenza, 2 dal Bologna, 1 dal Parma, 2 dalla Fiorentina, 3 dall’ Inter).

Cinque qualificazioni su sei per l’ Inter nelle coppe se parte da 2-0 interno

Per la settima volta nella storia delle sue partecipazioni alle coppe europee, l’ Inter affronta una gara di ritorno fuori casa partendo da un successo interno con il punteggio di 2-0. Cinque le qualificazioni nerazzurre, una sola volta la formazione milanese ha alzato bandiera bianca. Le qualificazioni si riferiscono alla coppa Campioni 80/81 (1-1 al ritorno contro l’ Universitatea Craiova), alla coppa Coppe 82/83 (sconfitta 2-1 a Bratislava dallo Slovan nel ritorno), alla coppa Uefa 86/87 (vittoria ad Atene 1-0 sull’ Aek al ritorno), alla coppa Uefa 90/91 (nella finale contro la Roma, persa nel ritorno 1-0 all’ Olimpico) ed infine alla coppa Uefa 97/98 (bissato il successo per 2-0 a Neuchatel nel ritorno). L’ eliminazione risale alla coppa Uefa 84/85, contro il Real Madrid, che si impose 3-0 nel ritorno al Santiago Bernabeu.

Wisla sempre eliminato se parte da 0-2 esterno

Il Wisla e’ sempre stato eliminato dalle coppe europee quando ha giocato in casa la gara di ritorno partendo da una sconfitta esterna con il punteggio di 2-0. Due i precedenti, riferiti alla coppa Uefa 81/82 contro il Malmoe (gli svedesi vinsero anche in Polonia per 3-1) e alla coppa delle Coppe 84/85 contro gli olandesi del Fortuna Sittard (in Polonia il Wisla vinse 2-1, ma non fu sufficiente).

Arbitro: Paraty Da Silva

Joaquim Paulo Paraty da Silva, portoghese, nato il 17 dicembre 1962, dirigera’ per la prima volta una formazione italiana, sia a livello di club che di nazionale. E’ internazionale dalla stagione scorsa

vittorie(0)pareggi(0)sconfitte(1)

in campo

Sarnat12 Fontana
Kaliciak4 Zanetti
Moskal2 Cordoba
Glowacki23 Materazzi
Baszczynski24 Gresko
Bogdan Zajac77 Okan
Szymkoviak6 Zanetti
Moscalewicz18 Dalmat
Czrewiec28 Adriano
Zurawski3 Kallon
Frankowski22 Moreau

panchina

Przybylski13 Simic
Pater14 Di Biagio
Kuzera10 Seedorf
Marek Zajac9 Ronaldo
Nicinski11 Guglielminpietro
Brozek78 Ventola
Sunday