UEFA: FACCHETTI, ESEMPIO PER SEMPRE

FIRENZE - Commovente, coinvolgente, sincero. L'Uefa ha ricordato questa mattina, nell'aula magna del centro tecnico di Coverciano, Giacinto Facchetti. Un tributo profondamente vero, offerto non solo al dirigente, ma soprattutto all'uomo, all'amico di tutti i massimi dirigenti delle grandi istituzioni internazionali, "sempre leale e corretto anche quando doveva difendere la sua amata Inter. Un esempio per tutti e per sempre".
Giovanna e Barbara Facchetti, sedute in prima fila al fianco di Walter Gagg, arrivato a Firenze in rappresentanza della Fifa, hanno raccolto l'applauso degli oltre 140 partecipanti al 16° stage per allenatori del settore giovanile provenienti da tutto il mondo - per l'Inter sta partecipando ai lavori Marco Monti e per giovedì è previsto l'intervento di Vincenzo Esposito, entrambi impegnati in questa stagione con la Primavera - dopo aver ascoltato le parole e i ricordi, mai retorici, di Andy Roxburgh (direttore tecnico), Gerard Aigner (membro del comitato esecutivo), William Gaillard (direttore relazioni esterne) e Marcello Lippi. I filmati, le fotografie e le testimonianze raccolte dall'Uefa (da Platini a Figo, da Mazzola a Mancini) hanno chiuso la toccante cerimonia.
Oltre al tributo a Giacinto Facchetti, l'Uefa questa mattina ha ricordato un altro dirigente che ha scritto pagine importanti del calcio italiano ed europeo e che, a Coverciano, aveva la sua seconda casa: Guido Vantaggiato.

Inter.it, per una cronaca più completa dell'avvenimento, vi propone la lettura dell'articolo realizzato dall'Ansa.

FIRENZE - (ANSA) "In un Paese come l'Italia dove la rivalità sportiva rasenta la cattiveria, Giacinto Facchetti é sempre stato apprezzato, sempre seguito e senza mai una critica. Per questo, anche se credo ancora che nella vita la totalità dei consensi non ce l'abbia nessuno, nel suo caso mi sono sbagliato. Giacinto Facchetti è stato il ministro degli Esteri del calcio italiano". Marcello Lippi è l'ospite d'onore allo stage tecnico dell'Uefa organizzato a Coverciano, all'interno del quale l'organismo europeo ha deciso di ricordare le figure di Guido Vantaggiato, ex direttore del centro tecnico federale alle porte di Firenze, e Giacinto Facchetti.
Una commemorazione di un'ora, durante la quale sono stati consegnati riconoscimenti alla famiglia Vantaggiato e alla famiglia Facchetti, dopo la proiezione di filmati inediti preparati dall'Uefa, contenenti il saluto ai due grandi dirigenti da parte di autorevoli colleghi quali l'ex direttore generale dell'Uefa Gerhard Aigner, Dino Zoff, Michel Platini, Sandro Mazzola e - per l'Inter - Roberto Mancini e Luis Figo.
'Cipe' aveva amici sparsi in tutta Europa. Emerge chiaramente dalle parole (e dalle lacrime) di alcuni dei tanti dirigenti ed ex calciatori intervenuti all'appuntamento. Fra questi, lo stesso Aigner che ricorda: "Facchetti era un monumento, un vero esempio di classe sul campo e fuori, di eleganza, vigore, velocità e fair-play". Di Marcello Lippi, al termine, il saluto alla famiglia dell'ex presidente dell'Inter, in particolare alla moglie Giovanna che successivamente ha ringraziato: "Sono sempre rimasta fuori dalla vita pubblica di mio marito. Per questo essere qui è per me un fatto insolito, anche se necessario per tener viva la memoria. Dopo tutto quello che è stato detto, credo abbia un senso e un significato".
Si avvicina, intanto, l'appuntamento fissato dalla Federcalcio per il 15 novembre, a Bergamo, amichevole internazionale tra Italia e Turchia per celebrare il leggendario difensore azzurro, scomparso lo scorso 4 settembre.


Carica altri risultati