Squadra

21.01.14 / 00:26

Walter Mazzarri ospite in esclusiva a "Tiki Taka"


L'allenatore intervenuto, da Empoli, nella trasmissione di Italia Uno condotta da Pierluigi Pardo: "La vita è fatta di momenti positivi e negativi e anche il calcio è così"

COLOGNO MONZESE (MI) - Walter Mazzarri è intervenuto in esclusiva nel programma "Tiki Taka - Il calcio è il nostro gioco", il talk show sportivo condotto da Pierluigi Pardo in onda su Italia 1.

L'allenatore nerazzurro, a proposito del momento della squadra nerazzurra, dichiara: "Sportivamente parlando il mio morale non è tanto buono, quando si perde noi allenatori non siamo mai felici. Quando siamo partiti sapevo che poteva essere difficile allenare un club come l'Inter, specialmente con i presupposti di questa estate. Invece siamo partiti benissimo, anche oltre le aspettative, poi c'è stata una flessione: per colpe nostre, per meriti degli avversari che hanno imparato a conoscerci e affrontarci e anche per via di un po' di sfortuna. La vita è fatta di momenti positivi e negativi e anche il calcio è così. Momenti storti li hanno avuti anche squadre come il Barcellona: può averne anche l'Inter, se alla base c'è comunque fiducia nell'allenatore e nel progetto. Dopo tutto siamo sempre quinti, davanti a squadre come il Milan e la Lazio che avevano una struttura di squadra già consolidata dalla stagione scorsa. Se è il mio momento più difficile in carriera? Non so se è questa la percezione dei media: io continuo a fare l'allenatore finché mi piace, quello che c'è intorno non mi preoccupa".

A Mazzarri viene poi chiesto un commento sulle ultime notizie di mercato che vedrebbero Mirko Vucinic vicino all'Inter, dichiara: "Parlo solo dei giocatori dell'Inter: è un mese che si dice di tutto a proposito di mercato, non vorrei che una delle cause della flessione che stiamo vivendo sia proprio questo parlare. La squadra ha bisogno di rimanere concentrata sul campo".

A proposito dei casi arbitrali a sfavore dell'Inter, l'allenatore ripete: "Da un paio di settimane abbiamo deciso di smettere di parlare degli arbitri perché poi si corre il rischio di diventare stucchevoli: certo, ci sono dei fatti oggettivi che ovviamente seguiamo, ma poi si scatenano dei discorsi che mettono in ulteriore difficoltà anche la stessa classe arbitrale. Noi dobbiamo pensare alle partite, poi un bilancio, anche da questo punto di vista, lo faremo solo a fine stagione".

Palando poi del'ipotesi che ci sia bisogno di maggiore vicinanza alla squadra da parte del Presidente Erick Thohir, Mazzarri dichiara: 'Ma non credo che questo abbia influito nella nostra flessione. Non vedo una grande necessità che Thohir venga qui: abbiamo Branca, Ausilio, Cordoba e tante persone della società che stanno dietro a questo gruppo. Poi la presenza del Presidente, soprattutto in momenti di difficoltà come questo, fa piacere, ma non deve diventare un problema qualora non accadesse. Io non mi sento solo, il supporto c'è, poi se per solo intendete la non possibilità di fare le stesse operazioni che l'Inter faceva nel passato è un altro discorso. Ma finora sia Thohir sia Moratti e altri componenti della dirigenza hanno mostrato di avere fiducia nel mio lavoro, anche in ottica futura. Già il fatto che il cambio di società sia avvenuto a stagione in corso fa capire che naturalmente delle difficoltà ci sono state. Io ho firmato sapendo che c'era Moratti. Forse il cambio ha dato uno scossone alla squadra, ha fatto distogliere l'attenzione dall'aspetto prettamente calcistico e chi fa calcio sa che queste situazioni sono difficili da gestire. Noi però dobbiamo continuare a lavorare: dobbiamo dare una svolta con una vittoria. Quando siamo partiti, sapevo sarebbe stato difficile allenare l'Inter partendo dai presupposti estivi. Critiche? Nel mirino io ci sono dal primo giorno nel quale ho iniziato a fare l'allenatore".

Mazzarri parla poi dell'addio da Napoli e commentando l'arrivo di Seedorf sulla panchina del Milan: 'La scelta di lasciare Napoli e quella di andare all'Inter sono maturate in momenti diversi: ho deciso di lasciare il Napoli prima di decidere quale sarebbe stata la mia successiva destinazione, ma di Napoli ricordo tutto con piacere. Seedorf è un campione, già da calciatore si vedeva avesse personalità: sono convinto che possa fare bene anche da allenatore".

In conclusione spazio anche a Mauro Icardi: "Il talento lo ha fatto vedere anche l'anno scorso, il problema è stato non averlo mai avuto a disposizione perché non si è allenato con continuità nemmeno per due settimane per permettergli di giocare almeno settanta minuti. Il problema è che non l'ho mai avuto".







Tag: mazzarri

notizie correlate

Squadra

19.04.14 / 17:45

Mazzarri "Andiamo avanti, partita per partita"

"Handanovic è molto bravo, si prepara moltissimo. Guarin? Sono contento per lui, se lo meritava davvero. Voglio che la squadra migliori ancora"

Squadra

13.04.14 / 17:53

Mazzarri "Se i risultati arrivano, siamo sulla strada giusta"

"Bisogna avere continuità di rendimento, di mentalità di un certo tipo e non abbassare mai la guardia. Icardi? Se continua così e riusciremo a togliergli alcune cose superflue diventerà un grande giocatore"

Squadra

12.04.14 / 13:02

Mazzarri "Lavoriamo soprattutto su noi stessi, dobbiamo essere più cinici"

"L'andamento della partita lo abbiamo spesso deciso noi con un atteggiamento buono o meno buono. Ma io sono fiducioso, abbiamo lavorato sugli errori"

Ricerca


Tessera Siamo Noi

[vacanza nerazzurra]
[Vivi un'ESTATE INDIMENTICABILE all'insegna del grande calcio negli INTER SUMMER CAMP]

Copyright © 1995—2014 F.C. Internazionale Milano P.IVA 04231750151

[]

Non sei registrato? Registrati

Hai dimenticato la password? Clicca qui

Hai dimenticato la password?

Inserisci l'indirizzo e-mail associato al tuo Account a ti invieremo le istruzioni per creare una nuova password

indietro