Squadra

07.02.16 / 08:00

Tutti i numeri di Hellas Verona-Inter


Precedenti e statistiche della sfida in programma allo stadio "Bentegodi" per la 24^ giornata di Serie A

MILANO - Una nuova trasferta vedrà l'Inter impegnata questo fine settimana. La squadra di Roberto Mancini affronta l'Hellas Verona alle 12.30, per l'anticipo della domenica, valevole per la 24^ giornata di Serie A.

In collaborazione con Opta, ecco tutti i numeri della sfida:

SCONTRI DIRETTI

54ª sfida in Serie A tra queste due squadre: 30 successi nerazzurri, appena quattro gialloblu, 19 pareggi.

L'Inter è l'avversaria contro cui il Verona ha pareggiato (19) e perso (30) più partite in Serie A.

L'Hellas non batte i nerazzurri in campionato da 13 gare (ultimo successo 1-0 nel 1992), ottenendo solo due punti; in questo parziale i veneti hanno sempre subito almeno una rete, restando a secco in ben otto occasioni.

12 match sono terminati a reti bianche: è il punteggio più frequente negli incroci tra queste due squadre, l'ultimo è però datato marzo 1990, a San Siro.

PRECEDENTI A VERONA

Tutti i quattro successi gialloblu contro i nerazzurri nella massima serie sono arrivati tra le mura amiche; 14 vittorie nerazzurre e otto pareggi completano il quadro.

Nelle ultime sei gare casalinghe di campionato contro i nerazzurri, l'Hellas ha raccolto solo un punto: in questo parziale i gialloblu hanno realizzato tre gol concedendone 13.

In particolare, i veronesi non hanno segnato alcun gol nelle ultime tre sfide di Serie A contro l'Inter al "Bentegodi".

ANTICIPO DOMENICALE

Il Verona ha mantenuto la propria porta inviolata in uno solo dei 10 match di Serie A disputati in anticipo domenicale. I gialloblu non hanno vinto nessuna delle ultime quattro partite alle 12:30 (due pareggiate, due perse).

Questa sarà la 16ª volta che l'Inter scende in campo all'ora di pranzo (8V, 3N, 4P): i nerazzurri non hanno incassato reti in sette delle 10 gare in trasferta, subendo tre gol in ognuna delle altre tre.

L'Inter ha già giocato due volte al "Bentegodi" alle 12.30 di domenica, battendo il Chievo in entrambe le occasioni per 1-0.

STATO DI FORMA

Mercoledì contro l'Atalanta il Verona ha trovato la prima vittoria dopo 23 giornate: nella storia della Serie A solo Varese nel 1971/72 e Ancona nel 2003/04 hanno fatto peggio (prima vittoria alla 29ª giornata).

I gialloblu subiscono reti al "Bentegodi" da 18 gare consecutive nella massima serie e hanno mancato l'appuntamento con il gol in cinque delle ultime otto giocate davanti al proprio pubblico.

12 delle 13 vittorie dell'Inter in questo campionato sono arrivate mantenendo la propria porta imbattuta (unica eccezione contro il Carpi); 10 volte si è imposta per 1-0.

I nerazzurri sono rimasti a secco di gol nel derby contro il Milan dopo 14 gare di fila in trasferta sempre a segno; l'Inter non manca l'appuntamento con la rete nella massima serie per due partite consecutive fuori casa da gennaio 2014.

STATISTICHE GENERALI

L'Hellas Verona è la squadra che ha pareggiato più partite in questo torneo, 11.

Di fronte, il peggior attacco della Serie A (Verona, 16 gol) contro la seconda miglior difesa (Inter, 17 reti subite).

Il miglior marcatore del Verona, Giampaolo Pazzini, ha segnato appena quattro gol: nessun'altra squadra ha un bomber meno prolifico.

Il Verona è, dopo l'Empoli (10), la formazione che ha subito più gol di testa in questo torneo (nove); l'Inter quella che ne ha presi di meno (uno).

Una sola rete per l'Hellas da fuori area, nessuna su azione - nessuna squadra ha fatto peggio.

Verona e Inter sono due delle tre formazioni (con l'Udinese) che non hanno segnato alcun gol nel primo quarto d'ora di partita in questa Serie A.

I nerazzurri sono andati in gol solo due volte sfruttando cross - meno di  qualunque squadra in Serie A.

Il 69% (11 su 16) delle marcature gialloblu sono arrivate sugli sviluppi di una palla inattiva - la più alta percentuale del campionato.

Il Verona è la formazione di Serie A che ha perso più punti in casa da situazioni di vantaggio (nove).

FOCUS GIOCATORI

Giampaolo Pazzini ha giocato in nerazzurro dal gennaio 2011 all'estate 2012 - 16 gol in 50 partite di campionato. Pazzini ha segnato all'Inter con le maglie di Atalanta, Fiorentina e Sampdoria (tre in totale), reti arrivate tutte prima della sua esperienza in nerazzurro. Tre degli ultimi quattro gol del Verona in campionato sono stati segnati da Pazzini, mentre tre degli ultimi cinque hanno visto l'assist di Wszolek.

Matteo Bianchetti e Luca Siligardi sono cresciuti nel vivaio dell'Inter, senza debuttare in Serie A con la prima squadra; per Siligardi due presenze in Coppa Italia in nerazzurro.

Luca Toni ha affrontato i nerazzurri 19 volte nella massima serie, realizzando sei gol, uno solo dei quali nelle ultime sette sfide. Nella passata stagione si è fatto neutralizzare due rigori da Samir Handanovic.

Mauro Icardi, tornato al gol contro il Chievo (50° in Serie A), ha rifilato tre reti nelle ultime tre sfide contro il Verona. Contro il Chievo, Icardi ha effettuato sei tiri (esclusi respinti), almeno il doppio rispetto a qualsiasi altra gara di questo torneo. Icardi, a quota nove reti, ha determinato quattro vittorie stagionali dell'Inter per 1-0, tre delle quali fuori casa.

Éder, attuale vicecapocannoniere del campionato con 12 gol, non ha segnato nelle sue prime due uscite in nerazzurro; non manca l'appuntamento con la rete per tre partite di fila in Serie A dallo scorso ottobre. Éder ha trovato sia il gol che l'assist in entrambi gli ultimi due match contro il Verona, giocati in maglia Samp.

Rodrigo Palacio ha firmato tre gol e altrettanti assist in quattro sfide di Serie A contro i gialloblu.

Adem Ljajic ha esordito in nerazzurro nella gara di andata contro l'Hellas; non segna da otto giornate, contro i veneti ha trovato il gol in entrambe le sfide della stagione 2013/14,  tra cui la sua prima rete (all'esordio in giallorosso) con la Roma.

Vangelis Moras ha segnato il suo primo gol in Serie A, nell'ottobre 2008, in Inter-Bologna 2-1; contro i nerazzurri ha rimediato anche la sua prima e finora unica espulsione nella massima serie, a San Siro nell'ottobre 2013.

Eros Pisano ha esordito nella massima serie in Palermo-Inter 4-3 del settembre 2011.

ALLENATORI

Roberto Mancini ha battuto Luigi Delneri in metà dei precedenti nella massima serie (sei su 12), tre vittorie dell'allenatore friulano e altrettanti pareggi completano il quadro.

Nessun pareggio per Mancini nei confronti col Verona in Serie A: due sconfitte ai tempi della Fiorentina, seguite da altrettante vittorie sulla panchina dell'Inter.

Delneri affronta i nerazzurri per la 21ª volta nella massima serie (6V,6N,8P): non perde in campionato contro l'Inter da cinque sfide (2V, 3N), disputate alla guida di Sampdoria, Juventus e Genoa.

ARBITRO E DISCIPLINA

63ª direzione nella massima serie per Piero Giacomelli, 11ª nel campionato in corso, tra gli arbitri scesi in campo più di una volta in questa stagione è, dopo Massimiliano Irrati, quello che estrae di media meno cartellini (uno ogni otto falli).

Nelle 10 gare stagionali dirette da Giacomelli, per sei volte ha vinto la squadra di casa; due i successi esterni, altrettanti i pareggi.

Equilibrio nei sei precedenti dell'Hellas con Giacomelli come arbitro (2V,2N,2P): in questa stagione ha diretto Verona-Lazio 1-2, in cui ha concesso un rigore contro i veneti che però hanno concluso la gara in superiorità numerica.

L'Inter incrocia il fischietto di Trieste per la prima volta fuori casa in Serie A; nei tre precedenti - tutti a San Siro - i milanesi hanno collezionato una vittoria (lo scorso dicembre, 1-0 vs il Genoa, espulso D'Ambrosio), un pareggio ed una sconfitta.

SQUALIFICATI:
Verona: -
Inter: Miranda (1).

DIFFIDATI:
Verona: Marrone, Moras, Pazzini, Souprayen.
Inter: Kondogbia, Medel, Melo.


 English version  日本語版  Versi Bahasa Indonesia 




Tag: squadra, campionato

notizie correlate

Squadra

03.12.16 / 09:00

Napoli-Inter, all you need to know

Le statistiche della partita giocata al "San Paolo" dai nerazzurri per la 15^ giornata di campionato

Squadra

02.12.16 / 23:45

Ranocchia: "Dobbiamo migliorare sotto tanti aspetti"

Il difensore nerazzurro al termine di Napoli-Inter: "È un passo falso, ma la strada è lunga e il gruppo ha qualità"

Squadra

02.12.16 / 23:22

Pioli: "È mancato l'approccio giusto"

Per il tecnico nerazzurro: "Deve essere una lezione importante per il nostro futuro"

Copyright © 1995—2016 F.C. Internazionale Milano P.IVA 04231750151

[]

Non sei registrato? Registrati

Hai dimenticato la password? Clicca qui

Hai dimenticato la password?

Inserisci l'indirizzo e-mail associato al tuo Account a ti invieremo le istruzioni per creare una nuova password

indietro