Società

19.02.16 / 13:46

Erick Thohir: "Domani dobbiamo vincere"


Parla il presidente nerazzurro, intervistato da Sky Sport: "Abbiamo un'ottima squadra e Roberto Mancini è il meglio per noi"

MILANO - Il presidente Erick Thohir è partito stamane alla volta di Londra per affari legati a Mahaka Group, la sua azienda indonesiana di media e comunicazione. Di seguito l'intervista rilasciata, prima di imbarcarsi, ai microfoni di Sky Sport:

Presidente Thohir, ci può dire qualcosa del suo viaggio a Parigi e di quello che sta per affrontare?

"Come sempre è una buona cosa incontrare gli altri presidenti. Mi è capitato lo stesso a Madrid con Florentino Perez e in Cina, dove avevamo incontrato anche Karl-Heinz Rummenigge. Nasser Al-Khelaifi ci ha invitato a Parigi. È stato un piacere andarci perché abbiamo già giocato due volte con il Paris Saint-Germain, la scorsa stagione e quest'anno. Potrebbero essere organizzati altri match in futuro. Allo stesso tempo, per esempio, l'altra sera ho cenato con il vice presidente del Monaco. È una cosa positiva essere in contatto con gli altri club. Non abbiamo parlato di giocatori e di mercato, è più una questione di relazioni. È importante che i grandi club abbiano dei buoni rapporti tra loro. È per questo che insisto sull'importanza di avere buone relazioni anche tra i club di Serie A, perché altrimenti avremmo strategie differenti. Confrontandoci, avremmo la possibilità di andare tutti nella stessa direzione". 

Perché ha deciso per un lungo ritiro della squadra? Cosa si aspetta per il match di sabato? 

"Il ritiro è stata una decisione presa da Roberto Mancini, insieme alla nostra dirigenza. Penso sia una cosa positiva, anche se non è molto frequente in altri paesi. È un bene per i giocatori avere l'occasione di restare insieme per tre-quattro giorni. In tranquillità, per fare gruppo. Domani dobbiamo vincere, abbiamo un'ottima squadra e Roberto Mancini è il tecnico migliore per noi. Penso che la nostra sia una rosa competitiva e l'abbiamo anche rinforzata nel mercato di gennaio. Abbiamo ancora tredici partite da giocare, la squadra deve rimanere tranquilla e combattere per gli obiettivi". 

Sappiamo dell'accordo con Pirelli. Ci può spiegare quali siano i piani per rendere l'Inter ancora più forte dal punto di vista finanziario, anche nel caso in cui non dovesse arrivare la qualificazione alla prossima Champions League? 

"Con Pirelli è una relazione che continua da tempo. L'accordo è un aspetto positivo per i nostri rapporti, abbiamo esteso di altri cinque anni la partnership. Diventa così la più lunga sponsorizzazione in Italia, in ambito calcistico, e tra le più lunghe d'Europa. Pirelli è un grande marchio, così come l'Inter. Lavorare insieme è un bene per entrambe le parti. Soprattutto ora collaboriamo guardando all'Asia come terra di possibili partnership future. È bene decidere insieme qual è la strategia migliore per penetrare il mercato asiatico. Comunque, a parte questo, abbiamo un piano per ogni situazione si presenti: uno in caso di qualificazione in Champions, uno per l'Europa League e uno da applicare nel caso in cui dovessimo rimanere fuori dall'Europa. Ovviamente, se ciò dovesse succedere, non andrebbe bene. I ricavi stanno crescendo e abbiamo costruito una squadra già competitiva. Ovviamente, andando in Champions League, avremmo la possibilità di investire ancora".

Per quanto riguarda il partner che sta cercando in Cina, ci sono novità? Si parla ad esempio della Hainan Airlines. Questo partner acquisirebbe parte delle sue quote?

"A questo proposito ho visto che è stata fatta un po' di confusione. Stiamo cercando degli sponsor a livello globale: in Indonesia, in Cina, ovunque. Non abbiamo tra i nostri sponsor una compagnia aerea, motivo per cui in passato è stato anche fatto, per esempio, il nome di Garuda. Sì, noi stiamo cercando dei partner, ma intesi come sponsor. Hainan sta cercando una collaborazione a livello di sponsorship, ma allo stesso modo abbiamo parlato con altre compagnie aeree, sempre come potenziali sponsor. In Cina ora la situazione sta cambiando: stanno infrangendo il record di denaro speso per comprare giocatori, stanno costruendo un campionato competitivo e come club è un bene creare connessioni con loro. Non abbiamo parlato con nessuno seriamente per quanto riguarda l'acquisizione di quote. In futuro non si sa mai, non possiamo chiudere gli occhi perché il mondo sta diventando sempre più globale e perché è positivo se troviamo partner che possano contribuire a far crescere l'Inter".

Ci saranno probabilmente Ronaldo e Mourinho a San Siro domani. Li ha mai incontrati?

"È una cosa bellissima che vengano al "Meazza". Ho incontrato Ronaldo a Parigi, sono un suo fan. Abbiamo affrontato tanti discorsi, è una cosa molto bella che venga a San Siro e forse, in giro per il mondo, lavoreremo anche con Ronaldo. Per quanto riguarda Mourinho, l'ho incontrato a Giacarta qualche anno fa, non ero ancora presidente dell'Inter. Lui è un grande allenatore, ha fatto la storia dell'Inter, ma noi adesso abbiamo Roberto Mancini, che a sua volta ha scritto la storia del nostro club ottenendo ottimi risultati. Nella sua carriera ha vinto quattro campionati e diverse coppe, credo fermamente che possa risollevare la squadra. Guardate quanto è già cambiata l'Inter rispetto all'anno scorso, ma naturalmente abbiamo bisogno ancora di tempo, anche se questa non deve essere una scusa. Mancini sa benissimo qual è il nostro obiettivo: vogliamo andare in Champions League. Ecco anche perché in questo momento è così serio e determinato nel voler stare vicino ai giocatori".

Icardi piace molto a Mourinho. Resterà all'Inter? 

"Icardi fa parte di un progetto. Murillo, Miranda, Medel, Kondogbia ad esempio, così come Icardi, fanno parte di un progetto. Lo stesso vale per Telles, Ljajic, Jovetic e gli altri. Abbiamo un piano che li include tutti. Palacio, per esempio, ha rinnovato, con Nagatomo ne stiamo parlando ora. Vogliamo costruire un blocco che possa rimanere per 2-3 stagioni. Non possiamo cambiare la squadra tutti gli anni. Quindi dobbiamo mantenere la struttura della rosa e magari comprare ancora 2-3 giocatori".

Rimarrete con questa squadra anche se non andrete in Champions League? 

"Sì. La Champions è il nostro obiettivo, poi chiaramente può capitare che a volte i risultati non siano quelli sperati. Ma per noi è davvero importante la partita contro la Sampdoria. Credo che mi incontrerò a pranzo anche con il presidente Ferrero nei prossimi giorni. Mi fa piacere tenere i rapporti. Adesso, però, pensiamo a domani. Sarà bello vedere i tifosi allo stadio e incontrare alcune delle nostre leggende".

Ora dove sta andando?

"Vado a Londra, non per questioni legate all'Inter ma per affari di Mahaka Group. Però torno... (sorride, ndr)".

 

 


 English version  Versión Española  日本語版  Versi Bahasa Indonesia 




Tag: societa, thohir

notizie correlate

Foto

28.11.16 / 23:28

Suning a San Siro per Inter-Fiorentina

Il Chairman Jindong Zhang, Steven Zhang e Jun Liu al "Meazza" hanno assistito al match in compagnia del presidente Erick Thohir, Javier Zanetti, Luis Figo e Dejan Stankovic

Foto

28.11.16 / 15:12

Verso Inter-Fiorentina, il Chairman Zhang e il management alla rifinitura

Proprietà e dirigenza dei nerazzurri al centro sportivo "Angelo Moratti" a poche ore dal match contro la formazione viola

Società

31.10.16 / 22:08

Teddy Thohir, il cordoglio di F.C. Internazionale

Tutto il club e i tifosi vicini al presidente Erick Thohir in questo momento di dolore per la scomparsa del padre

Copyright © 1995—2016 F.C. Internazionale Milano P.IVA 04231750151

[]

Non sei registrato? Registrati

Hai dimenticato la password? Clicca qui

Hai dimenticato la password?

Inserisci l'indirizzo e-mail associato al tuo Account a ti invieremo le istruzioni per creare una nuova password

indietro