MILITO LIVE SU FACEBOOK: "MADRID, PELLE D'OCA SOLO A PARLARNE"

Il Principe, eroe del 2010 e oggi Tour Ambassador nerazzurro in Cina e Singapore, ha risposto alle curiosità dei tifosi in diretta su Facebook

SINGAPORE - Un'ondata di affetto ha letteralmente travolto Diego Milito, oggi Tour Ambassador nerazzurro per l'Inter Summer Tour in Cina e Singapore, che ha risposto in diretta sulla pagina Facebook del club alle (tantissime) domande dei tifosi.

Inevitabilmente, sono molte le domande sulla notte del 22 maggio 2010: 'Difficile spiegare le emozioni provate a Madrid. Era un sogno che si realizzava per tutti noi e per tutti i tifosi interisti, solo parlarne mi fa venire la pelle d'oca. Quello che ho vissuto all'Inter, i trofei che ho vinto, l'affetto della gente... è qualcosa di molto più importante del Pallone d'Oro. Credo che il momento determinante per vincere quella Champions sia stato a Kiev: eravamo praticamente fuori ma nel secondo tempo giocammo benissimo e ribaltammo il risultato'.

Quella annata resta indimenticabile: 'Arrivai all'Inter che avevo 30 anni, in quel momento non potevo chiedere di meglio. Speravo di vincere trofei e per fortuna ci siamo riusciti. Sognavo di giocare a San Siro da quando ero ragazzino, dai tempi di Italia '90. Eravamo una squadra e un gruppo molto unito, formato da grandissimi giocatori: io, Sneijder, Pandev ed Eto'o eravamo davvero affiatati. Samuel è stato l'attaccante più determinante con cui ho giocato: aveva grandissima personalità, voglia e disponibilità. Zanetti è sempre stato un esempio per tutti e oggi è un mito del calcio mondiale, mentre Mourinho è stato uno degli allenatori migliori che ho avuto: mi diede fiducia e mi volle all'Inter, gli devo moltissimo. Penso che la vittoria negli ottavi di Champions a Londra, pochi giorni dopo il ko di Catania, ci diede lo slancio decisivo verso la conquista del Triplete'.

Il gol più bello segnato con la maglia dell'Inter? "Escludendo i due contro il Bayern Monaco, direi molto bello e importante quello in finale di Coppa Italia contro la Roma. Mi piace anche quello che segnai contro il Chievo, facendo un pallonetto a Sorrentino in una delle ultime giornate di campionato del 2010. Ricordo il coro che mi dedicavano i tifosi interisti: "Diego Milito, facci un gol...". Mi caricava tantissimo quando scendevo in campo. Devo ringraziare i sostenitori nerazzurri, mi hanno dato davvero molto".

Alcune considerazioni, doverose, sull'Inter del presente: 'Ci sono stati molti cambiamenti, serve pazienza. C'è una buona squadra, a centrocampo c'è tanta tecnica e un giocatore come Borja Valero sarà molto utile. Mi auguro che l'Inter possa tornare presto a competere ai più alti livelli in Italia e in Europa, lo spero sinceramente: questo club deve sempre lottare per il massimo, la sua storia lo impone. Un consiglio a Icardi? C'è sempre da imparare in allenamento, Mauro ha già fatto tanto e proseguirà cosi, ha grandi prospettive, ha segnato moltissimo e farà ancora molti gol'.

Le emozioni non mancano nemmeno oggi, nel ruolo di Tour Ambassador nerazzurro: 'E' un'esperienza prestigiosa, bellissima. Tutto quel che è legato all'Inter è per me motivo di orgoglio. Non mi aspettavo una accoglienza così in Cina e Singapore, ringrazio davvero tutti. Io allenatore dell'Inter? Non lo so, per ora sto semplicemente seguendo il corso in Argentina, vedremo. Intanto mi metto a disposizione per Inter Forever, c'è Francesco (Toldo, ndr) che mi mette pressione...'.

Infine, un pensiero per Milano: 'E' una città bellissima, speciale. Io mi sento un po' italiano, ci ho vissuto tanti anni, lì è nata mia figlia. L'Italia mi piace da morire, ci torno spessissimo, anche perché italiani e argentini sono molto simili'.


 English version  Versión Española  日本語版  Versi Bahasa Indonesia  中文版 

Notizie correlate

Buon compleanno, Jonk!

Inter forever Leggi

Buon compleanno, Julio!

Inter forever Leggi

Tanti auguri, Santiago!

Inter forever Leggi

Tanti auguri, Kallon!

Inter forever Leggi
Carica altri risultati