Risultato finale

25 Aprile 2021 15:00

Inter
31' (2t) Darmian
1 - 0
Hellas Verona
arbitro Rosario Abisso / guardalinee Galetto, Rossi L. / 4° uomo Prontera / assistenti Nasca, Valeriani
Guarda gli highlights

Minuti Cronaca
45' Si chiude senza recupero la prima frazione di gioco al "Meazza": 0-0 il parziale tra Inter ed Hellas Verona all'intervallo
42' Lukaku scappa a Magnani che lo tira giù trattenendolo. Cartellino giallo per il difensore dell'Hellas Verona
38' Ripartenza nerazzurra innescata da Eriksen con Barella che si invola verso l'area avversaria ma poi sbaglia la misura dell'assist per Lukaku. Chiude Magnani
34' Cross di Lazovic, Lasagna anticipa tutti di testa ma il suo tentativo finisce lontanissimo dalla porta di Handanovic
32' Tutto di prima: Barella, Lukaku, Erisken, che cerca ancora l'inserimento di Barella in area, ma il filtrante è troppo lungo. Silvestri fa suo il pallone
29' Punizione di Eriksen, che supera la barriera ma non inquadra la porta
28' Durissimo intervento di Ceccherini, in ritardo su Lautaro. Punizione per l'Inter e cartellino giallo per il numero 17 dell'Hellas Verona
24' Prima occasione per l'Hellas Verona: Handanovic respinge con il piede il tentativo di Bessa, poi il tiro-cross di Dimarco termina sul fondo sfiorando il palo
21' Colpo di testa di Perisic sul corner battuto da Eriksen dalla destra: terzo tempo perfetto dell'esterno nerazzurro ma l'impatto con il pallone non è quello giusto. Palla fuori
17' Rasoterra insidioso di Hakimi dal limite dopo la sponda di Lukaku: Silvestri si distende e salva i suoi deviando il destro del numero 2 nerazzurro
16' Cross dalla destra di Hakimi, Magnani di testa svetta ancora al centro dell'area e respinge il pallone
13' Buona manovra dell'Inter: palla in verticale per Lukaku che protegge palla spalle alla porta e cerca il filtrante per Hakimi. Chiude Lazovic in ripiegamento
12' Punizione dalla trequarti di Eriksen, Magnani libera l'area di testa
7' Altra chance per i nerazzurri: Hakimi punta Dimarco, si porta palla sul sinistro e conclude dall'interno dell'area. Il suo mancino a giro termina però a lato
3' Prima grande occasione per l'Inter con Lautaro che brucia la difesa gialloblu sulla spizzata di Lukaku ma, da solo davanti a Silvestri, il "Toro" sbaglia la misura del pallonetto
1' Si parte! Primo pallone giocato dai nerazzurri: inizia Inter-Hellas Verona a San Siro! Forza ragazzi, FORZA INTER!!!
1' Conte conferma l'undici visto mercoledì al "Picco" contro lo Spezia: Handanovic in porta, Skriniar-de Vrij-Bastoni il terzetto difensivo, Hakimi-Barella-Brozovic-Eriksen-Perisic in mediana e Lautaro-Lukaku in avanti
1' Allo stadio "Giuseppe Meazza" è tutto pronto per il calcio d'inizio di Inter-Hellas Verona, match valido per la 33^ giornata di Serie A
Minuti Cronaca
48' Tripliceeee fischiooooo al "Meazza"! L'Inter bissa l'1-0 casalingo contro il Cagliari e ritrova il successo a San Siro ancora grazie alla firma di Matteo Darmian!!!
45' Saranno tre i minuti di recupero
43' Colpo di testa di Ilic sul cross di Barak. Palla alta sopra la traversa
40' Cinque minuti al novantesimo, poi solo il recupero al "Meazza"
37' Faraoni mette dentro di spalla su un campanile al limite dell'area piccola ma c'è fallo su Handanovic
34' Dentro anche D'Ambrosio per Hakimi
34' Ultimi due cambi per Conte: Gagliardini rileva Brozovic
32' Cambio nell'Hellas Verona: Colley per Bessa
31' GOL! GOOOOOOL! GOOOOOOOOOOOOOOOOOL! Darmiaaaaaaaaan! Assist perfetto di Hakimi e Darmian davanti a Silvestri non sbaglia con il destro: 1-0!!!
30' Mischia dopo il corner battuto dall'Hellas Verona, Barak si ritrova la palla al limite dell'area piccola ma conclude alto in girata
27' Nell'Hellas Verona dentro Udogie per Dimarco
26' Terzo cambio per l'Inter: Conte inserisce Sanchez per Lautaro
24' Palo clamoroso di Hakimi, che calcia la punizione magistralmente ma a Silvestri fermo si vede negare l'eurogol dal legno
23' Fallo tattico di Barak, che trattiene Lautaro, bravo a rubargli palla: cartellino giallo per il numero 7 dell'Hellas Verona
21' Dentro anche Darmian per Perisic sulla corsia di sinistra
21' Doppio cambio per l'Inter: Sensi prende il posto di Eriksen
20' Nell'Hellas Verona Salcedo prende il posto di Tameze
19' Grande azione di Lautaro, che spezza da solo in due la difesa dell'Hellas Verona poi calcia con il destro trovando la risposta con i piedi di Silvestri
15' Destro di Faraoni dopo il dribbling su Lautaro. Deviazione di Brozovic e calcio d'angolo per l'Hellas Verona
10' Mischia nell'area gialloblu sul cross tagliato di Eriksen, ma prima Perisic poi Lautaro non trovano l'impatto giusto con il pallone
7' Cross dal limite di Eriksen per Lukaku, che per un soffio non arriva sul pallone per la deviazione vincente
6' Lukaku per Hakimi, che cerca il filtrante in area per Lautaro, chiuso al momento del tiro da Dawidowicz
3' Corner per l'Hellas Verona: Faraoni anticipa tutti sul primo palo ma di testa trova solo l'esterno della rete
1' Si riparte. Inizia la ripresa: forza ragazzi, FORZA INTER!
1' Inizia con un doppio cambio nell'Hellas Verona il secondo tempo: Juric sostituisce i due ammoniti, fuori Ceccherini e Magnani, dentro Gunter e Dawidowicz

Handanovic
3.66
3.66
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
D'Ambrosio
5.58
5.58
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Brozovic
5.18
5.18
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Perisic
4.78
4.78
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Gagliardini
5.1
5.1
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Skriniar
6.63
6.63
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Martínez
5.84
5.84
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
de Vrij
6.7
6.7
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Sensi
5.45
5.45
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Barella
4.97
4.97
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Bastoni
6.41
6.41
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Lukaku
5.27
5.27
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Sanchez
5.59
5.59
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Eriksen
5.39
5.39
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Hakimi
7.21
7.21
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Darmian
7.75
7.75
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Media squadra 5.72 INVIA VOTI
3 tiri porta 1
8 tiri fuori 8
7 falli fatti 13
3 angoli 8
1 fuorigioco 0
49% possesso 51%

L'ultimo successo del Verona contro l'Inter in Serie A risale al febbraio 1992: 1-0 grazie alla rete di Ezio Rossi - da allora 15 successi nerazzurri e quattro pareggi.

L'Inter è rimasta imbattuta in tutte le 29 partite interne di campionato contro il Verona (18V, 11N): potrebbe registrare il suo record di numero di gare totali in casa senza sconfitta contro una singola avversaria in Serie A (zero sconfitte in 29 gare anche contro il Palermo).

L’Inter viene da 12 successi casalinghi di fila in Serie A: solo una volta nella sua storia è arrivata a 13, nel maggio 2011.

Il Verona può eguagliare il suo miglior rendimento in trasferta dal punto di vista di successi in una stagione di Serie A: attualmente a cinque (5N, 6P), ha fatto meglio solo nel 1984/85 e 2013/14 (sei).

Dopo una striscia di 11 successi di fila, l’Inter non ha trovato i tre punti nelle ultime due gare di Serie A (2N); solo una volta con Antonio Conte in panchina, i nerazzurri hanno giocato tre incontri consecutivi in campionato senza vincerne neanche uno, nel gennaio 2020.

Romelu Lukaku è a quota 14 gol in casa in questo campionato - solo tre giocatori dell’Inter hanno messo a segno almeno 15 reti in incontri domestici in una singola stagione di Serie A negli ultimi 45 anni: Christian Vieri (19 nel 2002/03), Diego Milito (17 nel 2011/12) e Mauro Icardi (16 nel 2016/17 e nel 2017/18).

Per la terza volta in questo campionato, l'Inter non ha cambiato nessun titolare rispetto al precedente match di Serie A.

Due dei tre gol di Darmian in questa Serie A sono arrivati su assist di Hakimi.

Solo due difensori nei top-5 campionati europei 2020/21 hanno fatto almeno 6 gol e almeno 6 assist (Achraf Hakimi e Robin Gosens).

L’Inter ha vinto 13 incontri casalinghi di fila in Serie A per la seconda volta nella sua storia: in precedenza ci era riuscita nel maggio 2011.

Era da gennaio 2020 che un subentrato dell'Inter non segnava un gol in Serie A sullo 0-0 (in quell'occasione Bastoni contro il Lecce).

vittorie(25) pareggi(12) sconfitte(0)

MILANO - Ci sono dei film che non decollano, ma che per una ragione o per l'altra meritano comunque una chance, fino alla fine: in attesa, magari, di un colpo di scena, di un eroe inaspettato. Inter-Hellas Verona per lunghi tratti sembrava davvero un film di quelli, e soprattutto, già visto. Pareva quell'Inter-Cagliari di qualche settimana fa. Partita bloccata, scarsa lucidità in avanti, una squadra che non concedeva nulla. Poi era arrivato, benedetto, al 77' il gol di Darmian, su assist di Hakimi.

Certe sceneggiature si assomigliano così tanto da lasciare impressionati: minuto 76', Hakimi per Darmian, di nuovo lui. Ancora eroe di giornata, ancora uomo del destino. Inaspettato? Fino ad un certo punto, ormai. Quando Antonio Conte lo ha inserito nella ripresa forse avrà pensato proprio a quell'Inter-Cagliari e a come si era data la svolta a quel film che pareva avviato ai titoli di coda: temevamo uno 0-0, si è tramutato in un 1-0 bellissimo, pesantissimo.

E il finale è stato lo stesso - al netto della sofferenza -: quel meraviglioso abbraccio di gruppo, quella panchina esplosa per aria con Darmian sommerso da tutti, mister compreso. Vinciamo, 1-0. Il nostro film si arricchisce: siamo a quota 79, mancano cinque partite.

Le 6 sconfitte nelle ultime 7 partite non ingannano nessuno: tutti consapevoli che quella con il Verona sarebbe stata partita tostissima, impegnativa, per nulla scontata. Gli stessi 11 di La Spezia per Conte, con Juric che propone il  suo classico 3-4-2-1 che si modula, ruota, a seconda delle situazioni di gioco. Con Ceccherini su Lautaro e Magnani a uomo su Lukaku in uno scontro tra giganti a tutto campo, Dimarco spesso prende la fascia sinistra con Faraoni che scala basso sulla destra. La realtà è che i meccanismi del Verona sono consolidati: la squadra si muove all'unisono, sia nella pressione alta sia nella capacità di rinculare. L'Inter costruisce dal basso: Handanovic fa partire l'azione e Brozovic-Eriksen hanno il compito di dare il là alle famose costruzioni che spesso hanno fatto la fortuna di questa Inter.

Il primo sussulto dopo 2 minuti, con Lautaro solo davanti a Silvestri: tocco sotto alto e scontro con il portiere. Un inizio promettente per l'Inter, con Hakimi galoppante sulla destra in una delle sue specialità: la fuga senza possibilità di replica. Due tiri del marocchino, di sinistro e poi di destro, portano l'Inter a un passo dal gol: Silvestri è bravissimo sul diagonale rasoterra del nostro numero 2.

Non è però un assedio, e il Verona - bravo ad appoggiarsi sul mobilissimo Lasagna - costruisce una chance davvero clamorosa: Bessa viene murato da Handanovic in uscita, poi Dimarco a botta sicura sfiora il palo. Un campanello di allarme per l'Inter, che però in realtà concede pochissimo dietro, denotando però una certa lentezza nella costruzione offensiva. Lukaku blindato, Lautaro ingabbiato, Perisic che spesso viene rimontato da Faraoni, Barella meno preciso del solito: il primo tempo si chiude con la consapevolezza che una ripresa differente è obbligatoria.

Ti aspetti l'Inter, invece spunta un bel Verona: giallo come il sole di questo pomeriggio quasi caldo. Si alza e di tanto il baricentro della squadra di Juric: inizia un lavoro a ridosso della trequarti che toglie all'Inter il pallino del gioco. Un po' di tensione e un gioco un po' compassato: l'Inter non riesce a premere, si affida più che altro a iniziative personali e verticalizzazioni sulle punte.

Al 64' Lautaro si mette in proprio e corre scatenato: sembra Pamplona nel giorno di San Firmino, arrivato nell'arena trova però Silvestri a negargli la gioia finale. è il momento più caldo: 5 minuti più tardi solo il palo salva il portiere ospite, su una bellissima punizione a giro da oltre 25 metri di Hakimi. Segnali, ma non definitivi. Perché il Verona non molla un centimetro e anzi va vicino al gol con Barak. 

Al minuto 76' il momento del destino: l'azione che finalmente si distende in campo aperto, Hakimi che prende il centro del campo e spalanca il pallone per la discesa di Darmian. La freddezza di Matteo è pari alla sua letalità: 100%. Silvestri spiazzato, gol, delirio generale. Non è però la parola fine. I 20 minuti finali, recupero compreso, sono una lunga lunghissima apnea. Palloni respinti, salvataggi, duelli, anticipi di nervi e cuore. 

Finisce al minuto 93: 93 minuti di un film che pareva scialbo, e che si è trasformato in un thriller. Hanno vinto i nerazzurri.

IL TABELLINO

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 37 Skriniar, 6 de Vrij, 95 Bastoni; 2 Hakimi (33 D'Ambrosio 79'), 23 Barella, 77 Brozovic (5 Gagliardini 79'), 24 Eriksen (12 Sensi 65'), 14 Perisic (36 Darmian 65'); 9 Lukaku, 10 Lautaro (7 Sanchez 71').
A disposizione: 27 Padelli, 97 Radu, 8 Vecino, 13 Ranocchia, 15 Young, 99 Pinamonti.
Allenatore: Antonio Conte.

HELLAS VERONA (3-4-2-1): 1 Silvestri; 17 Ceccherini (27 Dawidowicz 46'), 23 Magnani (21 Gunter 46'), 3 Dimarco (13 Udogie 72'); 5 Faraoni, 61 Tameze (9 Salcedo 65'), 14 Ilic, 8 Lazovic; 7 Barak, 40 Bessa (90 Colley 77'); 92 Lasagna.
A disposizione: 22 Berardi, 25 Pandur, 11 Favilli, 15 Çetin, 19 Rüegg, 20 Zaccagni, 29 Kalinić.
Allenatore: Ivan Juric.

Marcatori: 76' Darmian (I)
Ammoniti: Ceccherini (V), Magnani (V), Barak (V)
Recupero: - , 3'.

Arbitro: Abisso.
Assistenti: Galetto, Rossi.
Quarto Uomo: Prontera.
VAR: Nasca.
Assistente VAR: Valeriani.

in campo

Handanovic 1 1 Silvestri
Skriniar 37 17 Ceccherini
de Vrij 6 23 Magnani
Bastoni 95 3 Dimarco
Hakimi 2 5 Faraoni
Barella 23 61 Tameze
Brozovic 77 14 Ilic
Eriksen 24 8 Lazovic
Perisic 14 7 Barak
Martínez 10 40 Bessa
Lukaku 9 92 Lasagna

panchina

Radu 97 22 Berardi
Padelli 27 25 Pandur
Gagliardini 5 9 Salcedo
Sanchez 7 11 Favilli
Vecino 8 13 Udogie
Sensi 12 15 Cetin
Ranocchia 13 19 Ruegg
Young 15 20 Zaccagni
D'Ambrosio 33 21 Gunter
Darmian 36 27 Dawidowicz
Pinamonti 99 29 Kalinic
90 Colley

Scegli le azioni e rivivi la partita in ogni singolo dettaglio.