Risultato finale

2 Febbraio 2021 20:45

Inter
9' Martínez
1 - 2
Juventus
35' Cristiano Ronaldo
26' Cristiano Ronaldo (R)
arbitro Gianpaolo Calvarese / guardalinee Carbone, Peretti / 4° uomo Massa / assistenti Irrati, Paganessi
Guarda gli highlights

Minuti Cronaca
47' Si chiude la prima frazione di gioco al "Meazza": Juventus in vantaggio 2-1 grazie alla doppietta di Cristiano Ronaldo dopo il gol di Lautaro Martinez
47' Fallo di mano volontario di Cristiano Ronaldo su cross di McKennie. Cartellino giallo per il numero 7 della Juventus
45' Saranno due i minuti di recupero
44' Traversone di Bastoni, Buffon in presa alta anticipa Barella
41' Tentativo di Cristiano Ronaldo che parte da sinistra, si accentra e calcia. Pallone al primo anello
38' Cartellino giallo per Vidal dopo un intervento su Ronaldo. Il centrocampista cileno era diffidato e salterà il ritorno
35' Incomprensione tra Bastoni e Handanovic, che esce fuori dalla sua area e si fa beffare da Cristiano Ronaldo che deposita in rete a porta sguarnita
33' Colpo di testa di Skriniar sulla punizione battuta da Sanchez. Palla fuori di poco alla destra di Buffon
32' Fallo di Alex Sandro su Darmian, cartellino giallo per l'esterno della Juventus
26' Cristiano Ronaldo dal dischetto non sbaglia e batte Handanovic con una conclusione centrale
25' C'è anche cartellino giallo per il numero 15 nerazzurro
24' Calvarese dopo on field review concede calcio di rigore alla Juventus per un contatto tra Young e Cuadrado
18' Tentativo dalla distanza di Alex Sandro dopo una respinta della difesa nerazzurra. Palla lontana dalla porta di Handanovic
14' Intervento duro di Demiral, in ritardo su Sanchez. Cartellino giallo inevitabile per il difensore bianconero
11' Darmian cerca di servire il taglio di Sanchez, palla leggermente troppo lunga per il numero 7 nerazzurro
9' GOL! GOOOOOOL! GOOOOOOOOOOOOOOL! Lautaroooooooo! Accelerazione di Barella, palla al centro per il "Toro" che brucia De Ligt e batte Buffon con il destro: 1-0!!!
7' Pressing alto dei nerazzurri: Lautaro contrasta il rinvio di De Ligt, ma il pallone termina sul fondo
5' Barella per l'inserimento di Vidal, chiuso dalla coppia Demiral-De Ligt
4' Lancio per Darmian, che scappa alle spalle della retroguardia bianconera ma viene anticipato dall'uscita di Buffon al limite dell'area
1' Si parte! Primo pallone giocato dalla formazione ospite. Forza ragazzi, FORZA INTER!
1' Primo round delle semifinali di Coppa Italia per l'Inter di Antonio Conte, che ospita al "Meazza" la Juventus per il match d'andata del penultimo turno della competizione
Minuti Cronaca
49' Triplice fischio al "Meazza". Un'ottima Inter esce sconfitta per due errori nel primo tempo che penalizzano i nerazzurri dopo il vantaggio di Lautaro. Decisiva la doppietta di Cristiano Ronaldo nell'1-2 finale
48' Ammonito Morata per proteste
47' Ammonito Sanchez dopo un intervento in ritardo su Chiesa
45' Segnalati quattro minuti di recupero
44' Doppio cambio per la Juventus: Chiellini e Chiesa per McKennie e Kulusevski
39' Dentro anche Pinamonti per Bastoni
39' Ultimi due cambi per Conte: Sensi per Brozovic
37' Arthur in ritardo su Lautaro, cartellino giallo per lui
35' Punizione tagliata dalla trequarti di Eriksen, Demiral libera l'area di testa
32' Destro dal limite di Erisken dopo un recupero alto dei nerazzurri. Buffon para ancora!
31' Doppio cambio nella Juventus: Morata e Arthur per Bentancur e Cristiano Ronaldo
30' Cross di Perisic e spettacolare sforbiciata di Barella, palla fuori di un soffio
28' Cambio nell'Inter: Eriksen prende il posto di Vidal
26' Destro da fuori di Lautaro. Palla fuori di poco alla sinistra di Buffon
24' Cambio nella Juventus: Danilo per Bernardeschi
24' Miracolo di Buffon sulla conclusione ravvicinata di Darmian, servito splendidamente da Sanchez. Si salva la Juventus
22' Destro dal limite di Sanchez, De Ligt in spaccata mura la conclusione dell'attaccante nerazzurro
20' Cambio nell'Inter: Perisic prende il posto di Ashley Young
13' Cross di Sanchez, Buffon fa suoi il pallone in presa alta
12' Inter a un passo dal 2-2: Sanchez a porta spalancata conclude a botta sicura ma trova la deviazione fortunosa di Demiral quasi sulla linea
10' Tiro deviato di Bernardeschi, Handanovic accompagna il pallone in corner
5' Tante interruzioni in questo avvio di secondo tempo
3' Duro intervento di De Ligt su Barella. Cartellino giallo per il difensore della Juventus
1' Si riparte senza novità nelle due formazioni. Forza ragazzi, FORZA INTER!

Handanovic
2.69
2.69
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Brozovic
4.43
4.43
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Perisic
4.32
4.32
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Pinamonti
4.63
4.63
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Skriniar
5.74
5.74
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Martínez
6.36
6.36
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
de Vrij
5.93
5.93
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Sensi
4.75
4.75
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Barella
6.86
6.86
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Bastoni
3.84
3.84
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Sanchez
4.54
4.54
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Young
3.04
3.04
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Eriksen
5.58
5.58
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Vidal
4.25
4.25
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Darmian
4.72
4.72
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Media squadra 4.78 INVIA VOTI
5 tiri porta 6
4 tiri fuori 4
17 falli fatti 12
4 angoli 2
2 fuorigioco 1
48% possesso 52%

Inter e Juventus si sono affrontate finora 31 volte in Coppa Italia, per un bilancio che vede in vantaggio i bianconeri per 14 vittorie a fronte delle 10 nerazzurre; sette pareggi chiudono il parziale.

Sia l’Inter che la Juventus hanno nell’avversaria di turno la squadra incrociata più volte (31) nella storia della Coppa Italia.

Inter e Juventus si sono affrontate quattro volte nelle semifinali di Coppa Italia, nelle edizioni 1937/38, 1982/83, 2003/04 e 2015/16: i bianconeri hanno conquistato il pass per la finale in tutte le quattro occasioni (nelle due più recenti dopo la lotteria dei rigori).

L’Inter ha vinto tre delle ultime quattro sfide di Coppa Italia contro la Juventus (1P), tante quante nelle precedenti 14 contro i bianconeri nel torneo.

Negli ultimi 27 anni, solo una volta l’Inter ha vinto due match di fila contro la Juventus nella stessa stagione in tutte le competizioni: nel 2009/10 con José Mourinho.

Il match Inter-Juventus dello scorso 17 gennaio è quello in cui si sono contati giocatori titolari di più nazionalità diverse (17) in questo campionato.

L’Inter è stata eliminata nelle semifinali di Coppa Italia in tutte le ultime tre edizioni in cui le ha disputate (2012/13, 2015/16 e 2019/20), dopo che i nerazzurri avevano strappato il pass per la finale in sei delle sette precedenti (fa eccezione l’eliminazione subita contro la Sampdoria nel 2008/09).

La prima delle tre doppiette firmate da Marcelo Brozovic in Italia è arrivata proprio contro la Juventus nel match di ritorno dell’ultima semifinale di Coppa Italia andata in scena tra le due squadre nel marzo 2016 (nerazzurri eliminati ai rigori, dopo il 3-0 dei supplementari).

Milan Skriniar raggiunge le 150 presenze con l’Inter considerando tutte le competizioni.

Lautaro Martínez ha partecipato a tre gol (due reti, un assist) nelle sue ultime due presenze tra campionato e coppe.

Nicolò Barella ha preso parte a tutti i tre gol segnati dall'Inter contro la Juventus in questa stagione, tra Serie A e Coppa Italia (un gol e due assist).

Martínez ha segnato due gol nelle sue tre sfide da titolare contro la Juventus con l'Inter considerando tutte le competizioni.

Con questa rete Ronaldo diventa il giocatore di Serie A ad aver segnato più gol dal dischetto tra campionato e coppe in questa stagione (sette).

L’Inter ha subito gol per 10 gare consecutive in Coppa Italia per la prima volta dall’aprile 2000 (serie di 12).

vittorie(7) pareggi(5) sconfitte(5)

MILANO - Come ce la spieghiamo, questa sconfitta? Iniziamo con una domanda, un interrogativo che sembra obbligatorio al termine di un match che dice Inter 1 Juventus 2. Perché andando a ripensare a ri-analizzare, a riavvolgere il nastro di questa semifinale di andata, viene davvero da domandarsi dove e come i nerazzurri abbiano potuto uscire sconfitti. Andati in vantaggio all'8' con il gran gol di Lautaro, sono poi capitolati nel giro di nove minuti: prima un rigore per fallo di Young su Cuadrado, poi una incomprensione tra Bastoni e Handanovic che ha spianato la strada alla doppietta di Ronaldo. La ripresa all'arrembaggio è stata nel solco della sfortuna: Inter decisa e quasi arrembante, vicinissima in più occasione al gol del pareggio. Ci sono il tacchetto di Demiral e il guanto di Buffon a firmare l'1-2. A Torino, tra sette giorni, servirà l'impresa. Mancheranno Vidal e Sanchez, diffidati e ammoniti. 

La partita quasi perfetta dell'Inter dello scorso gennaio in campionato lascia i segni sulla preparazione del match: Pirlo cambia modulo e atteggiamento alla sua Juventus, che si presenta a San Siro con il 4-4-2 e con Kulusevski in marcatura a uomo su Brozovic. Il 3-5-2 di Conte ripropone appunto il croato al centro del centrocampo, con Darmian a destra al posto dello squalificato Hakimi e Sanchez in coppia con Lautaro.

Pressing alto, quasi asfissiante, aggressione a tutto campo: i bianconeri iniziano con il piede sull'acceleratore, soffocano i tentativi di uscita  e si piazzano nella metà campo nerazzurra. Non trovano varchi, e concedono in realtà il due contro due in campo aperto. A sfruttarlo è Sanchez, con i suoi consueti movimenti intelligenti a rientrare, gestire il pallone e smistare: Barella vola sulla destra, in quella posizione che aveva tanto fatto male alla Juve in campionato. Dal suo piede esce ancora un assist vincente: rasoterra, a chiamare l'anticipo del Toro. Lautaro è famelico e rabbioso nel bruciare De Ligt e nel battere Buffon, di destro.

 

L'1-0 mette l'Inter in condizione di vantaggio e costringe la Juve ad aumentare ulteriormente il ritmo. Handanovic non corre rischi e sono due episodi sfortunati a ribaltare, nel giro di nove minuti, il match. Prima il rigore dell'1-1, assegnato da Calvarese dopo la on-field-review per una trattenuta di Young su Cuadrado: Ronaldo non sbaglia dal dischetto. Al 35' il raddoppio, figlio di una indecisione tra Bastoni e Handanovic su una palla lenta nella metà campo nerazzurra: ad approfittarne è Ronaldo che da posizione defilata deposita in porta di sinistro.

È un colpo brutto e inaspettato, perché figlio di un regalo, di fatto. Non che l'Inter abbia punto spesso dalle parti di Buffon, ma la Juve stessa, nonostante il predominio territoriale, non aveva dato eccessivi segnali di pericolosità.

Ingeneroso, il risultato del primo tempo. L'Inter lo sa e, senza stravolgersi, alza baricentro, ritmi, intensità. La Juve, a dire il vero, va vicino al gol con Bernardeschi, con un grande intervento di Handanovic a dire no. Poi è solo Inter. Bella, reattiva, propositiva, pimpante. Una ripresa tutta giocata in avanti. La pressione cattiva costringe spesso la Juve a sbagliare: Vidal riconquista un pallone d'oro che Sanchez batte in porta, trovando il salvataggio incredibile di Demiral sulla linea.

Le trame sono buone, ma non premiano i nerazzurri, bravi a combinare ma costretti dalla densità della Juve nella propria metà campo. Ma l'Inter ha voglia, preme, costruisce. Brozovic sale di ritmo, i tempi per il pareggio sono maturi ed è sempre Sanchez a districarsi tra le maglie bianconere e a servire Darmian: il suo sinistro, in area, è parato da Buffon, un intervento che salva letteralmente la partita.

 

Non cessa la pressione anche se la stanchezza aumenta: Eriksen, da poco entrato, partecipa ai tentativi finali. L'Inter chiude con 9 conclusioni nella sola ripresa ma il muro bianconero regge, in un finale di grande intensità e anche nervosismo, con cartellini anche pesanti: Vidal e Sanchez, diffidati, salteranno il ritorno.

Ecco, il ritorno: martedì a Torino l'Inter avrà bisogno di una prova maiuscola per ribaltare questo 1-2 beffardo e ingiusto. La grinta mostrata nella ripresa e la voglia di questa squadra non possono far altro che caricarci. Ma prima c'è la Fiorentina: appuntamento a venerdì.

IL TABELLINO

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 37 Skriniar, 6 de Vrij, 95 Bastoni (99 Pinamonti 85'); 36 Darmian, 23 Barella, 77 Brozovic (12 Sensi 85'), 22 Vidal ( 24 Eriksen 73'), 15 Young (14 Perisic 66'); 7 Sanchez, 10 Lautaro.
A disposizione: 27 Padelli, 97 Radu, 5 Gagliardini, 8 Vecino, 11 Kolarov, 13 Ranocchia, 33 D'Ambrosio.
Allenatore: Antonio Conte.

JUVENTUS (4-4-2): 77 Buffon; 16 Cuadrado, 28 Demiral, 4 De Ligt, 12 Alex Sandro; 14 McKennie (3 Chiellini 90'), 30 Bentancur (5 Arthur 76'), 25 Rabiot, 33 Bernardeschi (13 Danilo 70');  44 Kulusevski (22 Chiesa 90'), 7 C. Ronaldo (9 Morata 76').
A disposizione: 1 Szczesny, 31 Pinsoglio, 19 Bonucci, 37 Dragusin, 38 Frabotta, 41 Fagioli, 51 Peeters.
Allenatore: Andrea Pirlo.

Marcatori: 9' Lautaro (I), 26' C. Ronaldo su rig. (J), 35' C. Ronaldo (J)
Ammoniti: Demiral (J), Alex Sandro (J), Vidal (I), Young (I) C. Ronaldo (J), De Ligt (J), Arthur (J), Sanchez (I), Morata (J).
Recupero: 1' - 4'.

Arbitro: Calvarese.
Assistenti: Carbone e Peretti
Quarto Uomo: Massa.
VAR: Irrati.
Assistente VAR: Paganessi.

in campo

Handanovic 1 77 Buffon
Skriniar 37 16 Cuadrado
de Vrij 6 28 Demiral
Bastoni 95 4 De Ligt
Darmian 36 12 Alex Sandro
Barella 23 33 Bernardeschi
Brozovic 77 30 Bentancur
Vidal 22 25 Rabiot
Young 15 14 McKennie
Martínez 10 44 Kulusevski
Sanchez 7 7 Cristiano Ronaldo

panchina

Radu 97 1 Szczesny
Padelli 27 31 Pinsoglio
Gagliardini 5 3 Chiellini
Vecino 8 5 Arthur
Kolarov 11 9 Morata
Sensi 12 13 Danilo
Ranocchia 13 19 Bonucci
Perisic 14 22 Chiesa
Eriksen 24 37 Dragusin
D'Ambrosio 33 38 Frabotta
Pinamonti 99 41 Fagioli
51 Peeters

Scegli le azioni e rivivi la partita in ogni singolo dettaglio.