Risultato finale

24 Ottobre 2021 20:45

Inter
17' Dzeko
1 - 1
Juventus
44' (2t) Dybala (R)
arbitro Maurizio Mariani / guardalinee Meli, Peretti / 4° uomo Ayroldi / assistenti Guida, Passeri
Guarda gli highlights

Minuti Cronaca
48' Su un corner pericoloso per i nerazzurri si chiude la prima frazione di gioco al "Meazza": Inter in vantaggio 1-0 grazie al gol messo a segno da Edin Dzeko al 17'!
45' Segnalati tre minuti di recupero
44' Cartellino rosso per Inzaghi, espulso per proteste
44' Durissimo intervento di Alex Sandro su Barella. Primo cartellino giallo anche tra le file bianconere
42' Mischia nell'area nerazzurra dopo qualche rimpallo: ci prova Bonucci che svirgola però la conclusione da posizione defilata
40' Ammonizione per Barella dopo un intervento in ritardo su Alex Sandro
35' Perisic e Barella scambiano sul vertice dell'area: il numero 23 nerazzurro cerca poi il destro a giro ma colpisce male il pallone, che termina altissimo sopra la traversa
32' Darmian guadagna rimessa laterale rubando palla a Bentancur poi Lautaro trova il corner con un cross deviato da Chiellini. Inter aggressiva alla ricerca del raddoppio
29' Spettacolare filtrante di Calhanoglu per Dzeko che tutto solo in area cerca l'assist per Brozovic di testa anzichè stoppare palla e concludere. Sfuma una grossa chance per il 2-0!
25' Tentativo velleitario di Alex Sandro sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto dalla destra. Contollo a seguire con la fronte poi conclusione al volo con il mancino. Palla in Curva
23' Destro dalla distanza di Cuadrado. Palla fuori alla destra di Handanovic
18' Bernardeschi costretto ad uscire, al suo posto Bentancur
17' GOL! GOOOOOOOL! GOOOOOOOOOOOOOOL! Dzekoooooooo! Calhanoglu calcia e colpisce l'incrocio, ma il numero 9 nerazzurro sulla respinta non può fallire il tap-in dell'1-0!!!
17' Incrocio clamoroso di Calhangolu su appoggio di Darmian...
14' Problema fisico per Bernardeschi, dolorante a una spalla
11' Calcio di punizione per la Juventus dai 35 metri. Ci prova Danilo, conclusione da dimenticare e palla sul fondo
7' Gran destro di Morata, Handanovic respinge, Alex Sandro prova a ribadire in rete ma Skriniar copre per la presa del capitano nerazzurro
6' Inter ancora pericolosa sull'asse Calhanoglu, Barella, Dzeko. La palla del numero 9 nerazzurro viene letta dalla difesa della Juventus che libera l'area
4' Calhanoglu batte dalla bandierina, Skriniar sale in cielo e incorna. Palla alta sopra la traversa
3' Doppio tentativo di Perisic da sinistra: prima Bonucci respinge di testa poi Chiellini si rifugia in corner. Primo calcio d'angolo del match per i nerazzurri!
1' Si parte! Comincia Inter-Juventus: primo pallone giocato dalla formazione ospite. Forza ragazzi, FORZA INTER!
1' Simone Inzaghi perde in extremis Vidal (sindrome influenzale) ma recupera Hakan Calhanoglu e conferma l'ormai consolidato 3-5-2 con Dzeko-Lautaro come coppia d'attacco. Tra pochi istanti il calcio d'inizio del match!
1' È il derby d'Italia n.177 in Serie A a chiudere la 9^ giornata del campionato 21/22. L'Inter campione d'Italia ospita al "Meazza" la Juventus di Allegri. In questo istante le squadre fanno il loro ingresso sul terreno di gioco
Minuti Cronaca
50' Triplice fischio al "Meazza": finisce 1-1 tra Inter e Juventus, con Dybala che risponde nel finale su rigore a Dzeko
49' Cartellino giallo per Chiellini
45' Segnalati cinque minuti di recupero
45' Cambio nell'Inter: dentro Vecino per Barella
44' Dybala dal dischetto non sbaglia e batte Handanovic per l'1-1
42' Dopo on field review, Mariani concede calcio di rigore alla Juventus per un fallo di Dumfries su Alex Sandro
38' Doppio cambio nella formazione ospite: Arthur per McKennie e Kaio Jorge per Locatelli
35' Cross di Alex Sandro, ma Morata commette fallo su Handanovic
30' Un quarto d'ora al novantesimo: risultato ancora sull'1-0 a San Siro, con i ritmi che si abbassano
27' Fa il suo ingresso in campo anche Sanchez al posto di Lautaro
27' Doppio cambio per l'Inter: dentro Dumfries per Perisic
25' Fallo di Perisic su Chiesa. Cartellino giallo per l'esterno nerazzurro
23' Sinistro da fuori di Alex Sandro che non inquadra la porta
21' Doppia occasione per l'Inter prima sul pallone tagliato di Lautaro, poi sul tiro di Darmian. In entrambi i casi Dzeko non riesce ad arrivare sul pallone per la deviazione vincente
20' Nella Juventus Dybala prende il posto di Kulusevski e Chiesa rileva Cuadrado
18' Grande ripartenza di Perisic, che prima ferma Cuadrado poi si fa lanciare verso la porta da Dzeko: finta e ingresso in area ma il destro non prende il giro voluto
16' Cambio nell'Inter: Gagliardini prende il posto di Calhanoglu
15' Pennellata dalla trequarti di Barella per il colpo di testa di Dzeko, che sale in cielo e vince il duello con Chiellini ma non riesce a inquadrare la porta
12' Lautaro manda al tiro Calhanoglu: rasoiata con il destro deviata in scivolata da Chiellini
8' Palla tagliata di Kulusevski dal lato corto dell'area, ma c'è solo Darmian in quella zona
5' Barella accelera sulla trequarti poi cerca un pallone al centro per Lautaro ma sbaglia la misura del passaggio
1' Si riparte senza novità nelle due formazioni. Inizia il secondo tempo del derby d'Italia! Forza ragazzi, FORZA INTER!

Handanovic
4.72
4.72
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Brozovic
6.5
6.5
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Perisic
7.15
7.15
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Gagliardini
4.76
4.76
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Skriniar
5.89
5.89
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Vecino
5.17
5.17
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Martínez
3.83
3.83
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
de Vrij
6.2
6.2
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Barella
6.57
6.57
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Bastoni
5.53
5.53
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Sanchez
5.15
5.15
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Darmian
6.78
6.78
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Calhanoglu
5.61
5.61
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Dzeko
6.91
6.91
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Dumfries
2.9
2.9
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Media squadra 5.58 INVIA VOTI
2 tiri porta 4
5 tiri fuori 7
14 falli fatti 15
5 angoli 2
1 fuorigioco 3
49% possesso 51%

L’Inter è la squadra che la Juventus ha battuto più volte in Serie A, in 85 occasioni, con 44 pareggi e 47 successi nerazzurri a completare il bilancio.

L’Inter ha vinto l’ultima partita casalinga contro la Juventus e non arriva a due successi interni consecutivi contro i bianconeri nella competizione dal 2010, quando sulla panchina nerazzurra c’era José Mourinho.

L’Inter non perde due gare consecutive in Serie A da marzo 2020: curiosamente in quell’occasione i due KO furono contro Lazio e Juventus.

La Juventus ha vinto le ultime quattro partite di campionato e in questo mini parziale ha recuperato cinque punti sull’Inter: i bianconeri non collezionano almeno cinque successi di fila in Serie A da luglio 2020 (striscia di sette con Maurizio Sarri in panchina). Escludendo la Lazio, affrontata una sola volta proprio nell’ultimo

turno, la Juventus è la squadra contro cui Simone Inzaghi ha perso più partite da allenatore in Serie A (otto) e quella contro cui vanta la peggior media punti (0.64 a match); il tecnico nerazzurro ha perso tutte e tre le gare casalinghe di massimo campionato disputate contro Massimiliano Allegri.

Nicoló Barella e Arturo Vidal sono andati a segno nell’ultimo match casalingo di Serie A contro la Juventus: l’ultimo centrocampista dell’Inter ad andare a referto in due stagioni consecutive contro i bianconeri a San Siro è stato Lothar Matthäus (nel 1989/90 e nel 1990/91).

Tra le 13 squadre affrontate almeno 10 volte in Serie A, la Juventus è una delle due contro cui l’attaccante dell’Inter Edin Dzeko ha partecipato a meno gol (l’altra è il Torino): solo tre, frutto di due reti e un assist.

L’Inter è la vittima preferita in Serie A di Juan Cuadrado, che ha segnato cinque gol contro i nerazzurri: il colombiano della Juventus ha realizzato una doppietta nella sua ultima sfida contro la squadra lombarda, garantendo alla Juventus un successo per 3-2 a maggio.

L’Inter ha segnato 78 gol (in 32 partite) nell’anno solare 2021 in Serie A: nei maggiori cinque campionati europei ha fatto meglio solo il Bayern Monaco (89 in 29 partite); la Juventus è a 64 in 33 incontri.

Sfida tra la squadra che ha segnato più gol nei secondi tempi di questo campionato (l’Inter, 14) e una delle cinque che ne hanno segnati di meno (la Juventus quattro, come Sassuolo, Salernitana, Empoli e Venezia).

Edin Dzeko ha segnato sette gol in nove partite di questo campionato, tanti quanti in tutta la scorsa stagione di Serie A (in 27 match).

Prima di Edin Dzeko, l'ultimo giocatore dell'Inter che aveva segnato almeno sette gol nelle prime nove gare del club in Serie A nella stagione d'esordio con l'Inter era stato Ronaldo nel 1997/98.

Solo Erling Haaland (sette) e Robert Lewandowski (sei) hanno segnato più di Edin Dzeko (cinque) in gare casalinghe in questa stagione nei 5 maggiori campionati europei.

Paulo Dybala ha trasformato in gol 18 dei 20 rigori calciati in Serie A, inclusi gli ultimi 5.

L'Inter ha segnato 24 gol in questo campionato, l'ultima stagione in cui i nerazzurri avevano realizzato altrettante reti nelle prime nove partite stagionali risaliva al 1960/61.

Paulo Dybala è il 1° giocatore della Juventus a segnare in tre match di fila contro l'Inter in Serie A nell'era dei tre punti a vittoria.

vittorie(44) pareggi(33) sconfitte(25)

MILANO - L'amaro è nella coda. Un fischio a scoppio ritardato, dopo il check del VAR ed ecco che si materializza un pareggio che sembrava naturale fosse una vittoria. 1-1 a San Siro tra Inter e Juve. Al minuto 89', con l'Inter a protezione del vantaggio maturato nel primo tempo con il gol di Dzeko, ecco il rigore con cui i bianconeri acciuffano il pareggio. Un contatto Dumfries-Alex Sandro è l'episodio che consente alla squadra di Allegri di trovare il pari in un match che l'Inter ha controllato nel primo tempo. Nella ripresa non c'è stato un vero e proprio assalto ospite, solo sporadiche iniziative che non hanno impegnato più di tanto Handanovic. L'1-1 è risultato che lascia l'amaro in bocca per diversi motivi: la conduzione del match, i due punti che svaniscono, la grande voglia di regalare ai tifosi - meravigliosi - una grande gioia.

Un ruggito potentissimo. Vibrante, continuo. Quello che San Siro attendeva da tempo. Perché il ricordo della vittoria della passata stagione era vivido: la vittoria senza tifosi, il tocco che mancava a quel trionfo. La spinta giusta, la concentrazione altissima, i brividi immancabili per "C'è solo l'Inter". Che bella, la nostra casa, in partite così. Inter-Juve non da ultima chiamata ma da treno da prendere in corsa, per diversi motivi. 3-5-2 a confronto, con il ritorno di Calhanoglu per l'Inter. Allegri si mette a specchio: Kulusevski in appoggio a morata, ma in realtà lo svedese ha il compito tattico di marcare Brozovic. Il gioco delle coppie: Cuadrado-Perisic la sfida più rovente, con il croato reattivissimo e ispirato.

Il primo squillo è bianconero: girata di Morata al volo, respinta di Handanovic, poi lotta in area a difesa della porta. Non è una partita da occasioni a ripetizione, c'è tanta aggressività da entrambe le parti che a volte sporca le giocate. La Juve lascia all'Inter la costruzione del gioco e va poi a pressare con continuità nella trequarti. Al 17' l'esplosione di gioia di San Siro. Juve momentaneamente in 10 per l'infortunio a Bernardeschi: il cambio non arriva, i bianconeri giocano in inferiorità l'azione difensiva. Skriniar, in proiezione offensiva, propizia la conclusione da fuori di Calhanoglu. Un destro violentissimo che scuote il palo: sulla respinta Dzeko di destro deposita in rete

1-0, un delirio nerazzurro. L'attaccante bosniaco ritocca ancora una volta le statistiche di questo inizio di stagione: prima di Edin Dzeko, l'ultimo giocatore dell'Inter che aveva segnato almeno sette gol nelle prime nove gare del club in Serie A nella stagione d'esordio con l'Inter era stato Ronaldo nel 1997/98. La reazione della Juve, con Bentancur per Bernardeschi, non si fa attendere, anche se in tutto il primo tempo Handanovic non dovrà compiere altri interventi. Il destro di Cuadrado dalla distanza e una mischia nell'area nerazzurra sono le chance più importanti per i bianconeri. Dall'altro lato l'Inter non accelera ma in un paio di occasioni costruisce con pazienza e bravura chance importanti. La più limpida è un'imbucata di Calhanoglu che Dzeko non controlla.

La ripresa sembra scorrere lenta, a dispetto della tensione che cresce, minuto dopo minuto. La Juve deve stringere i tempi ma non va all'assalto, l'Inter lavora il pallone ma non trova geometrie utili a mettere in difficoltà i bianconeri. Il lavoro, a partire da quello delle punte, è più che altro quello di sporcare le partenze della Juve. Il lampo che vivacizza la ripresa è quello di Ivan Perisic, assolutamente tra i migliori in campo: la sua corsa sulla sinistra fende in due la difesa, rientra e calcia di destro, alto.

Allegri pesca dalla panchina, giocandosi le carte pesanti: entrano Chiesa e Dybala, anche se il modulo resta il 3-5-2. Inzaghi cerca energie fresche in Gagliardini, Sanchez e Dumfries. Dybala su punizione impegna Handanovic, poi è un lungo trascinarsi a ridosso del novantesimo, perché nemmeno i nuovi entrati bianconeri sembrano in grado di spaccare la difesa nerazzurra. L'episodio che consegna il pareggio al match arriva attorno al minuto 87, con un contatto al limite dell'area tra Dumfries e Alex Sandro. Lo stadio non si accorge di nulla, Mariani richiamato dal VAR assegna il rigore dopo il check video. Dybala spiazza Handanovic per l'1-1 finale.

Moneta amara che porta l'Inter a quota 18, a meno 7 da Napoli e Milan. Ora i nerazzurri torneranno in campo mercoledì in casa dell'Empoli.

IL TABELLINO

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 37 Skriniar, 6 de Vrij, 95 Bastoni; 36 Darmian, 23 Barella (8 Vecino 90'), 77 Brozovic, 20 Cahlanoglu (5 Gagliardini 61'), 14 Perisic (2 Dumfries 72'); 9 Dzeko, 10 Lautaro (7 Sanchez 72').

A disposizione: 21 Cordaz, 97 Radu, 11 Kolarov, 12 Sensi, 13 Ranocchia, 32 Dimarco, 33 D'Ambrosio, 48 Satriano.
Allenatore: Simone Inzaghi

JUVENTUS (3-5-2):  1 Szczesny; 6 Danilo, 19 Bonucci, 3 Chiellini; 11 Cuadrado (10 Dybala 65'), 20 Bernardeschi (30 Bentancur 18'), 27 Locatelli ( 21 Kaio Jorge 83'), 14 McKennie ( 5 Arthur 83'), 12 Alex Sandro; 44 Kulusevski (22 Chiesa 65'), 9 Morata.
A disposizione: 23 Pinsoglio, 36 Perin, 2 De Sciglio, 4 De Ligt, 8 Ramsey, 17 Pellegrini, 24 Rugani.
Allenatore: Massimiliano Allegri.

Marcatori: 17' Dzeko (I), 89' Dybala (J) su rig.
Ammoniti: Barella (I), Alex Sandro (J), Perisic (I), Chiellini (J)
Note: espulso Simone Inzaghi (I) per proteste
Recupero: 3' - 5'.

Arbitro: Mariani.
Assistenti: Meli, Peretti.
Quarto Uomo: Ayroldi.
VAR: Guida.
Assistente VAR: Passeri.

in campo

Handanovic 1 1 Szczesny
Skriniar 37 6 Danilo
de Vrij 6 19 Bonucci
Bastoni 95 3 Chiellini
Darmian 36 11 Cuadrado
Barella 23 20 Bernardeschi
Brozovic 77 27 Locatelli
Calhanoglu 20 14 McKennie
Perisic 14 12 Alex Sandro
Martínez 10 44 Kulusevski
Dzeko 9 9 Morata

panchina

Radu 97 36 Perin
Cordaz 21 23 Pinsoglio
Dumfries 2 2 De Sciglio
Gagliardini 5 4 de Ligt
Sanchez 7 5 Arthur
Vecino 8 8 Ramsey
Kolarov 11 10 Dybala
Sensi 12 17 Pellegrini
Ranocchia 13 21 Jorge
Dimarco 32 22 Chiesa
D'Ambrosio 33 24 Rugani
Satriano 48 30 Bentancur

Scegli le azioni e rivivi la partita in ogni singolo dettaglio.