EURO '04: ITALIA, VIERI, "BEL CLIMA"

EURO '04: ITALIA, VIERI, "BEL CLIMA"

FIRENZE - (ANSA) ''Lo chiamiamo Roman, assomiglia ad Abramovich: e anche lo stipendio non è così lontano...''. Christian Vieri è stato da subito il punto di riferimento di Antonio Cassano in azzurro. Non tanto sotto il profilo tecnico, quanto per un feeling personale nato in ritiro sin dalla prima convocazione del giovane attaccante della Roma.
Tutti erano in attesa, sin dalla trasferta in Polonia del novembre scorso, della prima 'cassanata' anche in azzurro. Fino a oggi, invece, da parte del piccolo genio ribelle della Roma, scherzi, risate e allegria. ''L'ambiente è allegro, ma non ho dubbi che i primi aneddoti arriveranno presto... '', ha detto il capodelegazione azzurro, Innocenzo Mazzini.
Intanto, Vieri ha stretto ancor più nel raduno di Coverciano, la sua amicizia con Cassano, spalleggiato anche dal milanista Gennaro Gattuso: ''E' vero, sembra di stare a Zelig - ha detto il centravanti di Inter e Nazionale -. Ci si diverte molto, in campo si ride di continuo. Lui mi sta sempre dietro, sin dal primo giorno: ce ne racconta di tutti i colori. Mi parla in barese stretto e io capisco poco: però gli rispondo in inglese... ''.
Scherzi, assicura Vieri, ancora non ce ne sono stati, ma quando stamani il gruppo dei 23 giocatori è entrato in campo per la foto in maglia da gioco, sfilando uno a uno davanti ai fotografi, è stato un continuo scambio di battute e risate, prima tra Cassano e Gattuso, poi tra il romanista e Vieri, che lo precedeva nella fila. (ANSA).


Load More