MONDIALI: SERBIA-MONTENEGRO, LA SCHEDA

MONDIALI: SERBIA-MONTENEGRO, LA SCHEDA

MILANO - ANSA - La scheda della Serbia-Montenegro, la nazionale del nerazzurro Dejan Stankovic:


Storia :


Storia della federazione e palmares La Federazione calcistica di Serbia-Montenegro, che ha assunto questa denominazione dal 2002, e' stata fondata nel 1919, nota come ex Jugoslavia. E' stata affiliata alla Fifa sempre nel 1919, alla Uefa una prima volta nel 1954 ed una seconda nel 1993, all'indomani del disgregamento della ex Jugoslavia. L'ultimo incontro che vide protagonista la nazionale jugoslava unificata fu un'amichevole di preparazione agli Europei di Svezia, disputata ad Amsterdam il 25 marzo 1992. La squadra venne sconfitta dall'Olanda con il risultato di 0-2. Poco dopo la Fifa escluse la Jugoslavia da tutte le competizioni internazionali, a causa della guerra in Bosnia, proprio quando la nazionale si era qualificata per gli Europei eliminando la Danimarca, che venne poi ripescata, diventando tra la sorpresa generale addirittura campione continentale. La nazionale, che ha disputato la sua prima gara il 23 dicembre 1994, in amichevole, perdendo in trasferta con il Brasile con il risultato di 0-2, ha preso parte tre volte alle eliminatorie per i Mondiali e due volte per gli Europei, dove ha centrato la qualificazione nell'edizione di Belgio-Olanda 2000, quando si fermo' ai quarti di finale, superata 1-6 dai padroni di casa dell'Olanda. Per quanto riguarda invece i Mondiali si tratta della prima qualificazione alla fase finale. La nazionale A di Serbia-Montenegro non ha vinto alcun titolo. Neppure la ex Jugoslavia vanta titoli nel proprio palmares, con massimo risultato raggiunto nel 1960 e nel 1968 agli Europei, quando perse la finalissima nel primo caso 1-2 dopo tempi supplementari dall Unione Sovietica, nel secondo dall'Italia: 1-1, dopo tempi supplementari, nel primo match, 0-2 nella ripetizione. Nessun titolo vinto neppure per le selezioni giovanili serbo-montenegrine. Selezioni ex jugoslave hanno vinto il titolo di campione europeo under 21 (1978), campione europeo juniores (1951 e 1979), i Giochi Olimpici (1960), i Mondiali juniores (1987), e 2 volte i Giochi del Mediterraneo (1971 e 1979). A livello internazionale, i club serbo-montenegrini non hanno riportato alcuna vittoria nelle coppe continentali. Ex formazioni jugoslave si sono affermate in tornei internazionali per 11 volte, con un successo ciascuno in coppa Campioni (la Stella Rossa nel 1991), coppa Intercontinentale e coppa Fiere-Uefa, ben 8 in Mitropa Cup. - Cosi nei precenti Mondiali: La Serbia-Montenegro sara' una delle tre nazionali del continente europeo a partecipare per la prima volta alla competizione iridata durante Germania 2006, alla pari di Ucraina e Repubblica Ceca, considerando come diverse nazionali tutte quelle nuove federazioni nate dal disgregamento dell'ex Jugoslavia, dell'ex Unione Sovietica e dell'ex Cecoslovacchia. Sono finora 30 le nazionali europee che hanno preso parte almeno una volta ai Mondiali di calcio; il cosidetto 'vecchio continente' e' quello che ha dato piu' squadre alla competizione. Il massimo risultato di una squadra europea ai Mondiali e' la conquista del titolo finale: 3 ciascuno sono andati a Germania ed Italia, 1 a testa a Francia ed Inghilterra. - Cosi' nelle qualificazioni a Germania 2006: Serbia-Montenegro qualificata a Germania 2006 dopo aver vinto il proprio raggruppamento, che comprendeva anche San Marino, Bosnia, Belgio, Spagna e Lituania. Il bilancio nelle 10 gare disputate dalla nazionale serbo-montenegrina e' stato di 6 vittorie (su San Marino, 3-0 in trasferta e 5-0 in casa; Belgio, 2-0 in trasferta; Lituania, 2-0 sia in casa che in trasferta; Bosnia, 1-0 in casa). e 4 pareggi (con: Bosnia, 0-0 in trasferta; Spagna, 0-0 in casa ed 1-1 in trasferta; Belgio, 0-0 in casa). 16 i gol segnati, appena 1 quello subito. La Serbia-Montenegro ha schierato 29 calciatori nelle 10 partite di qualificazione a Germania 2006; due i sempre presenti: il difensore Goran Gavrancic ed il portiere Dragoslav Jevric. Sette i calciatori serbo-montenegrini autori delle 16 reti utili a centrare la storica qualificazione a Germania 2006. Goleador, con 5 centri, Mateja Kezman, attaccante, classe 1979. La nazionale di Serbia-Montenegro ha realizzato due primati tra tutte le 31 nazionali impegnate nelle qualificazioni a Germania 2006. Ha chiuso imbattuta il suo ciclo di gare, primato condiviso con Arabia Saudita, Croazia, Francia, Olanda, Portogallo, Spagna. La Serbia-Montenegro vanta anche la miglior difesa assoluta, avendo subito, un solo gol in 10 partite disputate. - Le partite dal sorteggio ad oggi: Due le amichevoli giocate dal giorno del sorteggio all'inizio del Mondiale per la nazionale serbo-montenegrina, con un bilancio di una vittoria, 1-0 in casa della Tunisia, e di un pareggio, 1-1 sabato scorso a Belgrado contro l'Uruguay. (A cura di Football Data).


Punti di Forza :


Una difesa d' acciaio ed impenetrabile. E' questo il punto di forza della Serbia-Montenegro sul quale si incentrano le speranze dei tifosi del Paese balcanico di fare bella figura in Germania. Il reparto arretrato, infatti, e' un vero e proprio gioiello, tanto che la nazionale serba-montenegrina e' quella meno battuta di tutta l' Europa. Nelle dieci partite di qualificazione al mondiale ha concesso un solo gol, alla Spagna, in occasione del pareggio per 1-1 ottenuto a Madrid. Una difesa che e' imperniata sul portiere Dragoslav Jevric e sul quartetto guidato dal capitano Mladen Krstajic dello Schalke 04. E' la prima volta che la nazionale si presenta alla competizione iridata con il nome di Serbia-Montenegro, ma come Jugoslavia ha gia' collezionato sette partecipazioni ai mondiali, riuscendo anche ad arrivare terza nel 1930 e quarta nel 1962. Sara' anche l'ultima, visto che il referendum tenutosi in Montenegro ha sancito l'indipendenza di questa regione, che presto avra' anche una nazionale di calcio tutta sua. Intanto ha perso l'unico suo giocatore che avrebbe potuto disputare questo Mondiale: il bomber del Lecce Mirco Vucinic si e' infortunato durante gli Europei under 21 (era stato convocato anche per quelli), e dovra' quindi saltare l'appuntamento iridato in Germania. Quella del Mondiale 2006 sara' quindi, un realta', una nazionale tutta serba, ma guidata da un ct nato in Croazia. La Serbia-Montenegro e' stata una delle sorprese delle qualificazioni europee. I serbo-montenegrini si sono imposti con autorevolezza, superando la dura concorrenza di Spagna, Bosnia-Erzegovina e Belgio nel Gruppo 7 e conquistando uno dei posti riservati ai vincitori dei gruppi. Non solo. La squadra e' uscita imbattuta dal girone al pari di sole altre sette nazionali, vincendo sei partite e pareggiando le altre quattro. La nazionale di Ilija Petkovic e' uscita indenne dal doppio confronto con gli spagnoli pareggiando entrambe le gare. Lo stesso risultato lo ha ottenuto in casa della Bosni-Erzegovina ed ha conquistato il diritto alla qualificazione diretta alla fase finale dei mondiali nell' ultima partita, grazie ad una vittoria casalinga contro i vicini della Bosnia. Determinante per il raggiungimento dell' obiettivo e' stato l' attaccante dell' Atletico Madrid, Mateja Kezman, che con il suo quinto gol nelle qualificazioni ha dato il via ai festeggiamenti. L' ultima apparizione alla fase finale del Campionato del Mondo risale a Francia 1998. Nell' occasione mise in campo una squadra elegante che pero' non riusci' a superare, negli ottavi, l' ostacolo rappresentato dall' Olanda che si impose per 2-1. La svolta della nazionale serba e' arrivata nel giugno del 2003, quando usci' sconfitta dal confronto con l' Azerbaigian nelle qualificazioni ad Euro 2004. L' insuccesso porto' all' allontanamento dell' ex stella del Milan, Dejan Savicevic (montenegrino, ora potrebbe tornare da ct della sua nuova nazionale), ed all' arrivo sulla panchina di Petkovic. Un cambio che si e' dimostrato subito vincente. La Serbia-Montenegro ha cominciato ad inanellare successi ed ha centrato la qualificazione rimanendo imbattuta. Oltre alla difesa di ferro, la nazionale puo' contare su alcuni elementi di spicco quali lo stesso Kezman, il centrocampista dell' Inter Dejan Stankovic e l' esperto attaccante dell' Osasuna Savo Milosevic, ex Parma, uno di quelli che ha meno gradito la decisione del popolo montenegrino di separarsi dalla Serbia. Sono loro gli avversari piu' insidiosi per Argentina e Olanda che dovranno vedersela con la Serbia-Montenegro per poter aspirare al superamento della prima fase.

La Rosa :


Questa la lista dei 23 convocati della Serbia-Montenegro: - portieri: 1 Dragoslav Jevric (AnkaraSport/Tur), 12 Oliver Kovacevic (Cska Sofia/Bul), 23 Vladan Stojkovic (Stella Rossa); - difensori: 5 Nemanja Vidic (Manchester United/Ing), 20 Mladen Krstajic (Schalke 04/Ger), 6 Goran Gavrancic (Dynamo Kiev/Ucr), 15 Milan Dudic (Stella Rossa), 3 Ivica Dragutinovic (Siviglia/Spa), 13 Dusan Basta (Stella Rossa), 14 Nenad Djordjevic (Partizan); - centrocampisti: 4 Igor Duljaj (Shakhtar Dontez/Ucr), 17 Albert Nadj (Partizan), 2 Ivan Ergic (Basilea/Svi), 10 Dejan Stankovic (Inter/Ita), 11 Predrag Djordjevic (Olympiakos Pireo/Gre), 18 Zvonimir Vukic (Partizan), 7 Ognjen Koroman (Portsmouth/Ing), 22 Sasa Ilic (Galatasaray/Tur). Attaccanti: 9 Savo Milosevic (Osasuna/Spa), 8 Mateja Kezman (Atletico Madrid/Spa), 21 Daniel Ljuboja (Stoccarda/Ger), 19 Nikola Zigic (Stella Rossa), 16 Dusan Petkovic (Ofk Belgrado). C.t.: Ilija Petkovic.


Load More