Mancini al termine di Inter-Liverpool

MANCINI AL TERMINE DI INTER-LIVERPOOL

"Le eliminazioni fanno male e dispiace anche per la gente, che era davvero tanta"

MILANO - (ANSA) "Le eliminazioni fanno male e dispiace anche per la gente, che era tanta. Ma nelle due partite la differenza l'hanno fatta le espulsioni". Roberto Mancini non nasconde l'amarezza per l'uscita agli ottavi di Champions dell'Inter: il tecnico nerazzurro però sottolinea che le due gare, andata e ritorno con il Liverpool, sono state condizionate dal fatto che l'Inter è rimasto in dieci. "Ad Anfield abbiamo giocato 60 minuti in dieci, qui 35 minuti - dice rammaricato Mancini -, poi è difficile recuperare. Le eliminazioni fanno male, ma non dobbiamo fare drammi. Pensiamo al campionato". Il tecnico nerazzurro spiega che "facendo un gol cambiava tutto. Restare in dieci invece è un'altra partita. Il rammarico é non aver potuto finire in undici". Quanto a Figo che si stava scaldando e poi non è entrato, Mancini chiarisce che non c'é stato alcun rifiuto da parte del portoghese: "Figo viene fuori da infortunio e non aveva la condizione di giocare dal primo minuto. Se si è rifiutato di entrare? Assolutamente no, si stava scaldando poi c'é stata l'espulsione e ho dovuto cambiare". Anche la prestazione di Ibrahimovic non è stata brillante. "La difesa del Liverpool è forte e noi abbiamo creato tre quattro occasioni che potevano essere gol. Siamo stati anche un po' sfortunati. Nessuno deve avere rimorso" conclude. Ora in Champions resta solo la Roma: "E' stata più brava".
Al termine della conferenza stampa, quando ormai le domande dei giornalisti si erano esaurite, Mancini ha spiegato di voler dire lui qualcosa e ha dato questo annuncio: "Nonostante io abbia ancora quattro anni di contratto questi saranno gli ultimi due mesi e mezzo che passerò alla guida dell'Inter e alla guida di una squadra italiana. L'ho già detto ai ragazzi ed è giusto renderlo noto a tutti. E' una decisione che avevo già preso e non dipende dalla sconfitta di stasera".


Load More