Mourinho: "Al 100%, loro sanno che sarà dura"

MOURINHO: "AL 100%, LORO SANNO CHE SARÀ DURA"

"E credo che il Manchester Utd cambierà molto; nessuna pressione in più per la Champions League"

APPIANO GENTILE - Finalmente ci siamo. Finita l'attesa, domani allo stadio "Giuseppe Meazza" di San Siro arriva il Manchester e l'Inter è pronta ad affrontare i Red Devils, nell'andata degli ottavi di finale della Uefa Champions League con grinta e determinazione. José Mourinho ha risposto alle domande dei giornalisti, molti dei quali provenienti dall'Inghilterra, sulla gara in programma domani sera.
L'allenatore nerazzurro non nasconde la fisionomia: "Ho guardato con molta attenzione tutte le partite precedenti giocate dal Manchester in Champions, la squadra ha cambiato il suo modo di giocare a seconda che giocasse in casa o fuori. So che loro non hanno paura di noi, ma sia io che loro sappiamo che si può perdere, loro lo sanno e siccome lo sanno cambieranno più di noi. Noi giocheremo come abbiamo fatto in campionato, 4-3-1-2, centrocampo con Cambiasso, Muntari e Zanetti, con Stankovic dietro alle due punte, Adriano e Ibrahimovic e non abbiamo paura di dirlo. Loro hanno dei grandi giocatori che possono giocare insieme, ma non penso che giocheranno insieme". In difesa anticipazioni solo su Maicon e Davide Santon.
Domani sera Josè Mourinho potrebbe tornare a vincere contro una squadra inglese, ma questo significa ben poco: "Per me cambia poco, anche se il mio avversario fosse stato di un altro paese diverso dall'Inghilterra per me sarebbe stata la stessa cosa. Una eventuale vittoria non mi regalerebbe un piacere speciale. E' stato molto facile per me preparare la partita, tutto è andato bene, la partita è nell'aria, l'adrenalina è nell'aria. E' tutto come mi aspettavo, in questo senso è stato un lavoro facile per me. Sono sicuro che possiamo farcela. Sono sicuro al cento per cento che anche loro sanno delle difficoltà che troveranno".

Infine, durante le interviste singole con le televisioni italiane che hanno acquistato i diritti della Uefa Champions League, Mourinho ha sottolineato: "Quando sono arrivato all'Inter nessuno mi ha messo una pressione particolare sulla coppa europea. Per questo motivo io posso pensare a lavorare giorno dopo giorno, gara dopo gara, manifestazione dopo manistefazione. Ora è Champions, ma domenica sarà ancora campionato e la prossima settimana anche Coppa Italia. Non sento nessuna pressione particolare per la Champions e se qualcuno me la vuole dare, tranquillo: non l'accetto". In merito alle passate avventure nerazzurre in Europa, il portoghese ha tagliato secco: "La storia è per il museo. Io lavoro per il presente e per il futuro. Ma ho visto le ultime stagioni in Europa dell'Inter, le sfide con il Valencia e con il Liverpool. Non credo che la squadra sia stata eliminata a causa di un blocco psicologico. E' stata eliminata da alcuni episodi, dai dettagli che in Champions fanno la differenza".

Fra pochi minuti, su www.inter.it, il resto delle dichiarazioni di Josè Mourinho.


Load More