Mourinho: "Bravi i miei ragazzi, grande gruppo"

MOURINHO: "BRAVI I MIEI RAGAZZI, GRANDE GRUPPO"

"Abbiamo meritato di vincere, ma ora dobbiamo dare tutto anche al ritorno: non finisce certo qui"

MILANO - Commenta la vittoria per 3-1 sul Barcellona José Mourinho: "Vincere contro il Barcellona non è facile, segnare contro di loro non è facile, difendere contro di loro non è facile, ma noi siamo riusciti a fare tutto questo, abbiamo vinto e meritato. Però siamo ancora lontani dalla finale, manca ancora una partita a Barcellona, contro una squadra di super qualità e un club che è un club tosto: dobbiamo fare attenzione. E poi ho anche visto delle cose nel tunnel che mi fanno già pensare cosa mi devo aspettare la prossima settimana... Quello che ho visto sono stati i giocatori del Barcellona arrabbiato con gli arbitri, e va detto che la loro memoria è molto corta, perché non posso dimenticare quando i 'miei' giocatori del Chelsea piangevano l'anno scorso per l'arbitraggio di Ovrebo, proprio nel match contro il Barcellona, mentre questa sera loro non sono stati capaci di dire che hanno perso contro una squadra che ha meritato di vincere. I giocatori dell'Inter, invece, meritano tanti complimenti questa sera, hanno dato davvero tutto. Che percentuale abbiamo ora di andare in finale? Ancora il 50%".

L'allenatore nerazzurro torna quindi sulla prestazione dei suoi uomini: "Abbiamo giocato molto bene, peccato per il gol subito, un gol al primo tiro in porta loro, peccato davvero, ma abbiamo saputo come rispondere, la squadra è stata bravissima. Adesso cerchiamo di ripeterci, non possiamo dimenticarci che mancano ancora 90 minuti e tutto può succedere, però - in ogni caso - siamo alla sesta vittoria consecutiva e da essere una squadra piccolina in Champions siamo passati a essere una squadra che adesso sa vincere in Europa".

Infine, a Mourinho viene chiesto un commento sul compartamento di Balotelli: "Io sono nell'Inter dal luglio 2008 e se vado a ricordare tutti i 'pali' che mi sono preso per cercare di educare un bravo talento, sono miliardi di 'pali': stasera è successa una cosa che è brutta. Siamo un gruppo, siamo uniti, abbiamo un sogno e idee per perseguire questo sogno. Alla fine della partita di Barcellona abbiamo due possibilità: andare a Madrid o tornare a casa, ma in ogni caso torneremmo a casa con la testa molto alta. Però ripeto, davvero: Madrid è ancora lontana...".


Load More