Benitez: "A loro è andato bene tutto"

BENITEZ: "A LORO È ANDATO BENE TUTTO"

"Vedere i miei ragazzi cercare un gol fino alla fine è stato l'unico aspetto positivo della partita"

ROMA - "La reazione della squadra nella ripresa è stata decisamente migliore rispetto alla prima parte di gara, ma con la situazione di difficoltà che abbiamo attualmente vedere i miei ragazzi cercare un gol fino alla fine è l'unico aspetto positivo del match. La Lazio ha giocato bene, ma a loro è andato bene tutto, a noi invece nulla è andato bene". Rafa Benitez commenta, ai microfoni di Sky Sport, la sconfitta subita questa sera allo stadio "Olimpico" ad opera della squadra di Edy Reja. "Sapevamo sarebbe stata una partita difficile, era difficile anche perchè la testa era già in parte al Mondiale per Club alle porte e stasera costruire pericolo in attacco non era facile perchè i due attaccanti che hanno fin qui realizzato più gol, cioè Eto'o e Milito, non sono disponibili. Siamo stati sfortunati".

Un gol di Biava e uno di Zarate, l'Inter è sotto e prova a reagire: "Se abbiamo delle situazioni che possono farci passare in vantaggio e non le sfruttiamo e normale che tocca a noi reagire per secondi. Certo, sarebbe meglio essere sempre i primi a passare in vantaggio. Squadra frenetica dopo lo svantaggio? No, direi piuttosto che andiamo avanti troppo in fretta e lasciamo spazio agli avversari per far gol", prosegue l'allenatore spagnolo a proposito dell'atteggiamento dell'Inter in campo.

"Con i giocatori che abbiamo dobbiamo trovare un equilibrio, oggi non abbiamo avuto tante occasioni, ma la Lazio non creava una situazione chiara e abbiamo anche subito un gol su una palla inattiva. Mancava un po' di forza in attacco", continua Benitez che passa poi a guardare al futuro: "Il Mondiale per Club è attualmente la competizione più importante, ma dobbiamo far bene anche a Brema perchè è sempre meglio un primo posto nel girone che un secondo". E a proposito della situazione degli infortunati: "Vedremo domani, insieme al dottore, le condizioni di Milito, con lui anche Chivu e Mariga, credo siano i più vicini al rientro. Stankovic? Ha sentito un po' di indurimento nella zona posteriore della gamba e ha preferito uscire dal campo".

Benitez prosegue poi ai microfoni di Mediaset Premium parlando dell'attuale posizione dell'Inter in classifica ("quando riavremo tutti i calciatori disponibili sarà diverso, le distanze ci sono, ma nel calcio può sempre cambiare tutto in poche partite") e dei singoli nerazzurri: "Natalino ha fatto un buon lavoro contro Zarate, se l'è cavata bene, sono soddisfatto. Santon ha avuto un problema con il Parma e non abbiamo voluto rischiarlo perchè martedì c'è il Werder Brema e poi il Mondiale. Sneijder? Le sue difficoltà nascono anche dal fatto che fatica a esprimere il suo gioco in una situazione nella quale le punte di riferimento cambiano continuamente e risentono dell'assenza di Milito ed Eto'o; il tutto, dopo una stagione pesante e un'estate durante la quale ha accelerato la preparazione per essere subito in gruppo, dovendo però anche rispondere alle convocazioni delle nazionali".

A Rai Sport, l'allenatore nerazzurro spiega inoltre che: "Mariga, Milito e Chivu potrebbero essere disponibili per il Werder, mentre tutti gli altri dovranno essere pronti per il Mondiale. Perchè Thiago Motta non era in campo dall'inizio? E' un giocatore di qualità, ma non ha ancora il passo e, sempre per questo motivo, siamo andati in difficoltà in mezzo al campo. Cambiare modulo o giocare più coperti? Non credo che il modulo sia un problema e all'inizio la squadra era più coperta, infatti abbiamo preso gol su calcio d'angolo. Non penso al mio destino, ma a quello della squadra. Ora, però, bisogna pensare al Werder, all'eventuale primo posto in classifica e poi al Mondiale che è un obiettivo importante per la società, per la squadra e per i tifosi. Sono questi ultimi i primi ad aspettare Antonio Cassano? Noi stiamo lavorando per il Mondiale".


English Version 

Load More