LEONARDO: "HA VINTO LA VOGLIA DEI RAGAZZI"

"L'Inter c'è e ha un'anima,ora bisogna mantenere la soddisfazione di una squadra che ha vinto tutto"

MILANO - "Sono ancora nel clima partita e quella di questa sera era una molto sentita", l'ho dice scusandosi con un sorriso Leonardo al termine del match davanti ai microfoni di Sky Sport e continua spiegando: "Non voglio fare discorsi belli perchè stasera abbiamo vinto la partita, ma questa vittoria viene dalla voglia dei ragazzi. Non voglio fare una sviolinata, ma tutti i giocatori di questa squadra si sono resi disponibili dal primo secondo dopo il mio arrivo. Mi ha colpito la loro umiltà immediata e il loro sacrificio in allenamento. Davvero straordinario". Non poteva esserci esordio migliore per Leonardo, alla prima sulla panchina nerazzurra in un esame difficile come poteva esserlo un confronto con il Napoli terzo in classifica.

"Nella partita di questa sera ci sono stati due tempi diversi - spiega l'allenatore nerazzurro -. Nei primi 45 minuti, il Napoli ha aggredito ogni spazio con due esterni molto veloci e ha cerca il contropiede. Noi abbiamo cercato anche di contenerli e di non consentire molto cambi di gioco e questo è stato fatto perfettamente da persone come Chivu e Stankovic, ad esempio. Abbiamo verticalizzato molto velocemente con Milito e Pandev, nel primo tempo la squadra era un po' spaccata, mentre nella ripresa abbiamo tenuto meglio la palla cercando sempre il compagno e creando tantissime occasioni".

Leonardo dopo Benitez: è cambiata l'Inter o forse solo il suo carattere. "Questa squadra c'è e ha un'anima, è presente in ogni cosa e si conosce al suo interno perfettamente. Benitez ha fatto bene in qualunque squadra sia stato, ma tante volte non scatta l'empatia. Non si devono fare paragoni, d'ora in poi bisogna mantenere la soddisfazione di una squadra che ha vinto tutto nell'anno appena concluso, una squadra è diventata campione del mondo. Oggi questa stessa squadra si è divertita giocando".

Leonardo spiega poi come è arrivato a diventare allenatore nerazzurro: "E' stato tutto molto veloce e bello. E' una situazione molto particolare, ma non vorrei analizzarla troppo perchè è una situazione che non si può capire facilmente. Io non voglio capire questa situazione, voglio viverla".
Si parla poi di Thiago Motta: "Se c'è lui al centro di quest'Inter? Potrei solo dire che al centro di quest'Inter c'è l'Inter, una squadra che sta attraversando nel momento più bello della storia della società".

La risalita dell'Inter nella classifica della serie A è partita. Non sarà semplice, ma possibile, perchè come spiega Leonardo "bisogna pensare partita dopo partita, facendo un passo alla volta".

Ai microfoni di Mediaset Premium, Leonardo prosegue parlando del rapporto con la sua nuova squadra: "Molti di questi giocatori li conoscevo già e in questi giorni abbiamo vissuto grandi emozioni insieme. Le cose vanno naturalmente: accadono, si vivono e questa squadra deve saper vivere quello che ha vinto in questi anni, deve saper godere dei successi e divertirsi giocando. Questa squadra ha un cuore troppo forte, non c'è solo un centro, una sola priorità".

Infine, una domanda sul coro dei tifosi dedicati a Leonardo ("ho provato una sensazione molto forte"), sulla richiesta di un salto tutto in nerazzurro ("ero concentrato sulla partita, ma ciò non toglie che devo avere rispetto per me stesso e per quello che ho fatto. Ma le cose non sono meccaniche") e su Mourinho ("è molto presente, è stato vicino a me anche oggi").


English Version 

Load More