NAGATOMO: "IL DERBY, LO VINCIAMO NOI"

"Leonardo? E' stato molto determinante per il mio arrivo, è stato lui a chiamarmi. Gli sono grato"

APPIANO GENTILE - "Sono molto onorato di essere qui e di potermi allenare con tutti questi grandi campioni", sottolinea Nagatomo, cui viene poi ricordato che in passato aveva dichiarato di voler giocare contro Maicon, definito un terzino incredibile: "Lo ricordo, ma giocare con lui è ancora meglio, perché è davvero un giocatore incredibile, il più forte terzino al mondo".

I ringraziamenti del neo-acquisto nerazzurro vanno poi alla sua ex squadra, il Cesena: "Sono stato molto bene lì, le persone del Cesena e di Cesena mi sono sempre state molto vicine, porto con me un ricordo splendido dei mesi trascorsi lì".

"Leonardo è stato molto importante per il mio arrivo qui: lui conosce molto bene la realtà giapponese, il calcio giapponese, avendo anche giocato nel mio Paese. E poi è stato Leonardo a chiamarmi, a volere che venissi qui. Gli sono davvero molto grato", ha raccontato Nagatomo, che ora aspetta di conoscere a fondo tutto l'ambiente interista, stadio "Meazza" compreso: "Non vedo l'ora di scendere in campo nel mio nuovo stadio, l'idea di giocare a San Siro mi emoziona".

Poi Nagatomo - dopo aver svelato che con Leonardo parla un po' in giapponese e un po' in italiano - si prefigge degli obiettivi da campione: "Sogno prima di tutto di scendere in campo al più presto con la mia nuova maglia (sorride, ndr) e poi di diventare il numero uno nel mondo con i miei compagni".

"Ho parlato con Zaccheroni e mi ha fatto un grande in bocca al lupo, dicendomi 'Tu ce la farai'", ha raccontato il giocatore che proprio con l'ex tecnico nerazzurro è appena divenuto campione d'Asia.

"Mia madre ha pianto di gioia quando gli ho detto dell'Inter", ha poi svelato Nagatomo, per parlare quindi dei suoi gusti culinari: "Mi piace il sushi, ovviamente. Ma anche la pasta!", ha sorriso.

Infine, un'aspettativa che suona come un monito: "Dobbiamo vincere. Dobbiamo vincere il derby", ha dichiarato Nagatomo quando gli è stato chiesto se fosse a conoscenza dell'enorme e sentita rivalità con il Milan e che cosa pensasse di Zlatan Ibrahimovic: "Il Milan non è solo Ibrahimovic, ci sono tanti giocatori importanti e io cercherò di dare il meglio di me stesso contro di loro. E lo farò: dobbiamo vincere il derby". Una chiusura da perfetto nerazzurro.


English Version 

Load More