MATCH REVIEW: INTER-EMPOLI 2-1. È CHAMPIONS LEAGUE!!!

Torniamo a rivedere le stelle e lo facciamo dopo una partita dalle mille emozioni, come in un film nerazzurro dal finale dolcissimo

MILANO - E ora andate pure a raccontare che il calcio è noioso, che non regala emozioni. Che non connette le persone. San Siro ruggiva e in giro sparsi per tutti i continenti gli interisti fratelli del mondo hanno potuto assistere ad una partita che poteva essere tranquillamente una sceneggiatura di un film.

L'analisi di questa ultima gara della stagione è tutta emotività, ma parte da un fatto, ineluttabile: SIAMO IN CHAMPIONS LEAGUE! Torniamo in Europa per il secondo anno di fila e lo facciamo a testa altissima, con il lavoro di un gruppo che non ha mollato, nonostante i periodi negativi. Si comincia con la premiazione del nostro capitano: Samir Handanovic è il miglior portiere della Serie A e lo dimostra anche stasera, tenendoci in piedi con un'uscita mostruosa su Farias. Anche il suo collega Dragowski non è da meno, va detto. Basti pensare che nel primo tempo abbiamo stabilito il record di tiri nello specchio di porta in questo campionato, con 8 conclusioni. 

È emotività pura, dicevamo, ed è difficile entrare dentro i numeri: c'è quella traversa che ci tiene in piedi per esempio o il rigore sbagliato da Icardi. Un gioco elettrico di emozioni e sussulti. Di ripartenze e esultanze liberatorie. I match-winner sono Keita e Nainggolan con due destri chirurgici e bellissimi. La squadra, nel suo complesso racconta del 52% di possesso palla, del 57,7% dei duelli vinti, dei 6 break da cui sono nate ripartenze pericolose, dei 461 passaggi con la media dell'88.3% di precisione.

I singoli, detto di Samir, vedono D'Ambrosio in un crescendo rossiniano, che chiude la stagione con un'altra prestazione super: 3 intercetti, 5 tackle, 40 passaggi, 90% di precisione. L'esterno napoletano scambia spesso con Brozovic che tira fuori dal cilindro una gara pazzesca per intensità e concentrazione. Sbaglia solo tre (tre, ribadiamo) passaggi in tutta la partita, conclude da fuori e si fa sentire anche in fase di rottura con 11 duelli.

C'è poi il Ninja che firma, come detto, il gol vittoria e che fa girare tutta la squadra: le statistiche del belga luccicano soprattutto in fase offensiva. 6 tiri da fuori, 4 conclusioni da dentro l'area, 2 passaggi chiave. Insomma, si carica la squadra sulle spalle e la porta in Europa.

Torna a suonare la musica più bella che c'è. Torna la Champions League. Grazie ragazzi per aver lottato con il cuore, insieme, in una notte così. Grazie Inter!


Versión Española  Versi Bahasa Indonesia  日本語版  English Version  中文版 

Load More