VERSO INTER-BORUSSIA DORTMUND, I NUMERI E LE CURIOSITÀ

Nerazzurri in campo mercoledì alle 21 per la sfida di Uefa Champions League

MILANO - La vittoria sul Sassuolo al 'Mapei Stadium' è già un lontano ricordo. L'Inter è pronta a ributtarsi in campo, mercoledì alle 21 a San Siro: la sfida è di quelle prestigiose e importantissime, contro il Borussia Dortmund. Champions League e incroci con le squadre tedesche, un grande classico per i colori nerazzurri. Con la collaborazione di Opta, ecco i numeri, le curiosità e le statistiche sul confronto tra Inter e Borussia Dortmund.

L'ultimo precedente è il doppio confronto in Coppa Uefa 1993-1994, nei quarti di finale. Successo nerazzurro per 3-1 in Germania, 2-1 per i tedeschi. Un passaggio del turno che Massimo Paganin ci ha raccontato nel dettaglio e che ha lanciato l'Inter verso la conquista della Coppa Uefa. 

L'altro precedente risale al 1964, doppio confronto nella semifinale di Coppa dei Campioni. 2-2 in Germania, vittoria per 2-0 al 'Meazza' con Jair e Mazzola, antipasto del trionfo nella finale contro il Real Madrid. 

L'ultimo successo dell'Inter contro una squadra tedesca nelle coppe europee risale al 2011, alla vittoria per 3-2 sul campo del Bayern Monaco negli ottavi di Champions League.

Antonio Conte non ha mai perso un match casalingo nella fase a gironi di Champions League (4V, 6N) da allenatore; gli unici allenatori ad aver messo in fila più partite casalinghe senza sconfitte in questa fase sono stati Frank Rijkaard (12) e Josef Heynckes (11). 

Nicolò Barella potrebbe diventare il quarto giocatore dell’Inter a segnare nelle prime due gare casalinghe di Champions League/Coppa dei Campioni, dopo Mauro Icardi, Alessandro Altobelli e Roberto Boninsegna. 

Il Borussia Dortmund ha subito soltanto due gol nelle ultime otto partite della fase a gironi di Champions League, tenendo la porta inviolata in sette di queste.

Il Borussia Dortmund ha vinto tre delle cinque trasferte di Champions League (2P) con Lucien Favre in panchina: un successo in più di quanti i tedeschi ne abbiano conquistati nei 10 precedenti sotto la gestione di Jürgen Klopp, Thomas Tuchel e Peter Bosz messi assieme (2V, 2N, 6P).

Nel successo per 2-0 contro lo Slavia Praga, Achraf Hakimi (20 anni, 332 giorni) è diventato il quarto giocatore del Borussia Dortmund al di sotto dei 21 anni a segnare per il club in Champions League dall’inizio della scorsa stagione: record rispetto a qualsiasi altra squadra nel periodo.

Nel caso in cui scenda in campo, l’ala del Borussia Dortmund, Jadon Sancho, diventerebbe il 52° Under 20 a collezionare 10 presenze in Champions League, ma soltanto il quarto inglese, dopo Theo Walcott (17), Trent Alexander-Arnold (12) e Jack Wilshere (11).


日本語版  Versi Bahasa Indonesia  English Version  中文版  Versión Española 

Load More