I MILLE VOLTI DI INTER CAMPUS BRASILE

L’allegria dei bambini come miglior indicatore, per un anno che si chiude col sorriso

1/4

RIO de JANEIRO – L’anno di Inter Campus si chiude così, nelle grandi comunità a nord di Rio de Janeiro. C’è tanto calcio, ma anche umanità e desiderio di crescere. I bambini vogliono giocare, glielo si legge in faccia. Nonostante le difficoltà di ogni giorno, tra scuola, famiglie e incertezza sul futuro.

Entriamo nella Maré e ci accolgono i murales colorati, ritraggono i volti che ritroviamo in campo. Non c’è distinzione di razza, religione o cultura: solo un pallone che rotola e tanti sorrisi arrembanti a corrergli dietro. Prima dell’allenamento le comunità si stringono sotto lampioni precari, che illuminano a malapena attraverso una luce gialla e fioca. Quanto basta per cogliere le espressioni divertite di chi non vede l’ora di cominciare. E dei genitori, consapevoli di come il calcio, inteso come momento di educazione e integrazione, sia una parte fondamentale nella vita dei propri figli.

Difficile misurare l’impatto di Inter Campus in realtà autentiche, ma complesse, in cui i canoni del mondo lasciano il posto a un equilibrio atipico. Eppure, anche in questi contesti, l’allegria dei bimbi è l’indicatore più importante, il più bel riscontro a cui possiamo ambire. Partiamo da qui per un nuovo anno nerazzurro alle porte.


English Version  中文版 

Tags: inter campus
Load More