J.ZANETTI: "TUTTA UNA VICENDA STRANA"

APPIANO GENTILE - Questa la seconda sintesi della conferenza stampa di Javier Zanetti.

J.Zanetti: qualcuno ha affermato che i Mondiali di Giappone e Corea erano andati male per l'Argentina perchè la squadra era troppo divisa in clan. Che cosa ne pensa?
"Questa cosa non è vera. Con Pekerman, poi, ho giocato quasi tutte le partite di qualificazione alla Coppa del Mondo e anche in Confederation Cup, sono mancato poche volte. Per questo è un po' strana tutta questa vicenda, soprattutto negli ultimi mesi quando tutta la stampa ha incominciato a dire che non mi avrebbe convocato. In questi ultimi mesi Pekerman non ha mai parlato con me, la mia verità è che sono fuori e mi dispiace tantissimo. Ora non posso farci più nulla, cercherò di sostenere tutti i mie compagni che andranno in Germania a cercare la gloria".

Martin Demichelis, un altro argentino che Pekerman non ha convocato, ha detto che gli è passata la voglia di vivere. Una dichiarazione forse troppo forte?
"E' un po' forte, anche se posso capire anche lo stado d'animo di Demichelis che non ha disputato ancora nessun Mondiale. Io ne ho fatti due e ne sono orgoglioso. Ora è inutile parlare, non si può fare più nulla perchè la lista è questa e bisogna stare zitti".

La stampa argentina come ha preso la sua esclusione dai Mondiali?
"La stampa e tutta la gente è rimasta un po' sorpresa. Questo mi gratifica tantissimo. La nazionale è una cosa di tutti, di quella nazionale io faccio parte".

Gianluca Vialli, quando fu escluso da Arrigo Sacchi nei Mondiali di USA 1994, aveva dichiarato che avrebbe fatto il tifo per il Brasile. Lei che cosa farà?
"Sono una persona che non augura il male a nessuno, a maggior ragione ai miei amici e compagni che difenderanno la maglia del mio Paese. Tiferò Argentina più che mai, spero che possano partare nel nostro Paese la Coppa del Mondo".

La stagione dell'Inter può essere la causa della mancata convocazione?
"Assolutamente no, non credo che questi siano argomenti per portare qualcuno in nazionale".

Ha parlato con Walter Samuel e coi convocati argentini dell'Inter per il Mondiale?
"Non ho ancora visto Samuel. Cambiasso e Burdisso si sapeva sarebbero stati convocati, Cruz si è guadagnato questo Mondiale sicuramente molto meritato per la stagione che ha disputato. Sono davvero felice per lui che non era stato convocato in Giappone e Corea, meritava questa rivincita".


Carica altri risultati