MILITO E THIAGO MOTTA: "QUI PER MIGLIORARE"

"Ci sentiamo nel momento migliore della nostra carriera, pronti per aiutare la nostra squadra"

APPIANO GENTILE - Questa la seconda parte della conferenza stampa di presentazione di Diego Alberto Milito e Thiago Motta:

L'Inter ha speso molto per acquistarvi, sentite la pressione di ripagare la società? Diego Milito: "No, non avverto pressione. Noi dobbiamo solo cercare di fare bene e aiutare la squadra a raggiungere traguardi importanti. L'Inter è certamente in grado di conquistare nuovi titoli. Ci auguriamo di disputare una bella stagione"
Thiago Motta: "Siamo qui per migliorare il livello della squadra. In questo momento è prematuro parlare del futuro, l'unica cosa che conta è prepararsi al meglio e, quando sarà il momento, saremo pronti a tutto".

Milito, l'anno scorso hai vissuto una sorta di testa a testa con Ibrahimovic per conquistare il titolo di capocannoniere. Chi la spunterà quest'anno?
"E' stata una rivalità normale tra due attaccanti che lottavano per lo stesso traguardo. Non è mai stato un problema, lui lottava per la sua squadra, io per la mia. Quest'anno speriamo di poterlo vincere tutti e due. Comunque adesso l'importante è la squadra, è l'Inter".

Thiago Motta, ha un passaporto italiano. Pensi che potresti mai indossare la maglia azzurra?
"Se ci fosse la possibilità che il ct mi chiami sarei molto felice".

Quest'anno la Champions League è il principale obiettivo. Cosa ne pensate del potenziale dell'Inter in virtù dei grandi acquisti fatti, ad esermpio, dal Real Madrid?

Interviene il direttore tecnico Marco Branca: "No, non è il principale obiettivo"

Diego Milito: "Sono d'accordo con il direttore tecnico. Credo che una grande sqidara come l'Inter che gioca im molte competizione deve cercare sempre di vincerle tutte. Non può avere un solo obiettivo. L'Inter non può dire 'la Champions è il principale obiettivo quest'anno', vincere in Europa non è facile, ma dobbiamo lottare sempre per vincere tutto".

Thiago Motta, i numeri della sua carriera dicono che ha subito qualche grave infortunio prima della stagione del grande riscatto. Come sta e come si sta sente?
"Adesso benissimo. Dopo l'infortunio avuto due o tre anni fatto, da quando sono ritornato mi sono trovato benissimo. Penso che il male sia finalemente passato, adesso sarà un periodo più positivo. Adesso sono contento, mi trovo molto bene e sono sicuro che preparandomi bene potrò dare il mio contributo in questa squadra".

Avete giocato tanti anni in Spagna, è così lontano il gap tra le squadre spagnole e quelle italiane?
Diego Milito: "Non credo sia così. Il campionato italiano continua ad essere altamente competitivo, in assoluto uno dei migliori d'Europa".

Pensate di essere arrivati all'Inter nel momento migliore della vostra carriera? 
Thiago Motta: "Si, ho 26 anni. Sicuramente posso ancora migliorare, sono sicuro di questo, però penso di essere arrivato in un momento importante della mia carriera in cui credo di potere dare un rendimento molto buono.
Diego Milito: "Credo sia il momento migliore della mia carriera in termini di maturità e cercherò di approfittarne e di aiutare la squadra".

Una curiosità, i vostri numeri di maglia saranno l'8 e il 9?
Diego Milito: "Io ho scelto la maglia numero 22".

Thiago Motta, il suo nome è stato accaostato più volte al Milan, come mai la trattativa non è andata mai in porto?
"E' vero, si parlava molto di questa possibilità, ma io non sono mai stato contattato dal Milan. Comunque sono stato fortunato a essere andato prima in una squadra come il Genoa, e adesso di essere ina una delle squadre più importanti d'Europa come l'Inter".

Milito, si aspettava di arrivare così tardi al top della sua carriera?
"Sono soddisfatto e contento della carriera che ho fatto. Ogni calciatore ha sempre l'ambizione di arrivare in un grande club, io ci sono riuscito a 30 anni. Ci sono tantissimi motivi per i quali non si arriva prima. Ma ripeto sono contento delle esperienza vissute e dei club in cui ho giocato".


Carica altri risultati