INFORTUNIO CHIVU: LE PAROLE DEL DOTTOR TURAZZI

Il difensore ha ricevuto la visita in ospedale della squadra e del direttore tecnico Marco Branca

VERONA - Il professor Sergio Turazzi ha guidato l'equipe di neurochirurgia dell'ospedale di Verona che ha eseguito l'intervento chirurgico al quale è stato sottoposto Cristian Chivu dopo lo scontro fortuito nel primo tempo con Sergio Pellissier del Chievo. Il giocatore é arrivato perfettamente cosciente in ospedale dove è stato sottoposto all'intervento al quale ha assistito il professor Franco Combi, responsabile dell'area medica dell'Inter. "Il giocatore ha subito un trauma cranico in regione parietale a destra. Il trauma ha provocato delle fratture con l'affossamento della teca cranica verso l'interno e un sanguinamento, un ematoma di dimensioni contenute. L'intervento si è reso necessario soprattutto per la presenza di questa ematoma ed è consistito nel risollevare i frammenti ossei sprofondati verso il cervello, nello svuotare lo stesso ematoma e porre condizioni affinche l'ematoma non si riformi. L'intervento è andato regolarmente. La parete celebrale appariva indenne, la scatola cranica è stata ricostruita con l'osso del paziente e ha riacquistato un profilo normale. Tutto si è svolto regolarmente e quindi siamo abbastanza fiduciosi affinchè il paziente possa guarire senza problemi. E' prematuro dire quando il paziente possa lasciare l'ospedale. Ma ci sono le premesse affinchè tutto possa risolversi nel miglior modo". Chivu, prima di entrare in sala operatoria, dove è rimasto più di un'ora, ha ricevuto la visita di tutta la squadra e del direttote tecnico Marco Branca.


Carica altri risultati