INTER-CAGLIARI: 3-0, APRE PANDEV CHIUDE MILITO

Samuel sigla il momentaneo 2-0. Qualità e concretezza nerazzurra per un'altra straordinaria vittoria

MILANO - E' un 3-0, secco e preciso come solo l'Inter sa essere, il risultato con il quale i nerazzurri archiviano la pratica-Cagliari, ospite dei nerazzurri nel confronto valido per la 23^ giornata della Serie A Tim '09-'10, in scena nel pomeriggio domenicale dello stadio 'Meazza'.
Comincia male l'avventura in rossoblù del portiere Agassi: dopo 6', è Pandev a castigarlo, con il suo terzo gol in nerazzurro nato dalla straordinaria azione, e determinazione, di capitan Zanetti. Segna Pandev, segna Samuel, che replica con un gol dei suoi, un mix di fisico e testa, e 'segna' anche Julio Cesar compiendo un miracolo al 36' sul tiro secco di Nenè. 120 secondi dall'inizio della ripresa, tanto basta a Milito per calare il tris: tre, il numero perfetto, come perfetto è il triangolo del tridente nerazzurro che confeziona la 14^ rete stagionale dell'attaccante argentino e mette il sigillo sulla straordinaria prova corale dell'Inter.

PRIMO TEMPO - Costretto a rinunciare a Stankovic (infortunato) e a Sneijder e Lucio (squalificati), Josè Mourinho sceglie il tridente Pandev-Milito-Eto'o, quest'ultimo alla prima da titolare dopo la Coppa d'Africa, per attaccare il Cagliari di Massimiliano Allegri. Centrocampo affidato a Zanetti, alla 128esima gara consecutiva in campionato, Cambiasso e Thiago Motta, mentre in difesa spazio a Maicon, Cordoba, Samuel e Santon. Tra i pali torna Julio Cesar, il portiere avversario è l'esordiente in rossoblù, Michael Agazzi che rompe il ghiaccio al minuto 2 con il pallonetto di Cambiasso sul passaggio dalla destra di Milito. Il Cagliari risponde al 3' con Matri che prova la conclusione dalla distanza, Julio Cesar lascia sfilare. Il vantaggio nerazzurro arriva dopo soli 6 minuti di gioco e nasce da una straordinaria azione personale di Javier Zanetti che, arrivato al limite sinistro dell'area, lancia centralmente per Eto'o, il tiro del camerunese s'infrange sulla difesa avversaria, sulla ribattuta si avventa Pandev che non sbaglia e realizza il suo terzo gol in nerazzurro. All'8 Julio Cesar risponde presente al tiro centrale di Jeda dalla distanza, deviando in corner; dall'altra parte, pochi secondi dopo, Pandev, ci prova sull'assist di Eto'o, ma spedisce il pallone sopra la traversa. Il confronto Pandev-Agazzi va avanti: al 14' il macedone ci prova, dopo lo stop al volo, in girata di sinistro, ma il rossoblù non si fa sorprendere e respinge con due mani; al 18' su un perfetto calcio d'angolo, Agazzi in presa alta chiude la sua porta. Il raddoppio dell'Inter arriva al 17'e porta con sé tutta la lucidità di Walter Samuel: su corner di Maicon dalla sinistra, il difensore nerazzurro salta più in alto di tutti e, di testa, batte nuovamente Agazzi per il 2-0. Il Cagliari accorcia le distanze con Matri al 34' ma la rete è annullata dall'assistente Pirondini per fuorigioco di Lazzari; due minuti dopo, invece, il 'gol'di Julio Cesar, o meglio la parata del brasiliano che vale quanto un centro, sul tiro secco di Nenè, un miracolo di reattività del portiere nerazzurro. Agazzi chiuder la porta al 45' sul calcio di punizione a botta sicura di Cambiasso e pochi istanti dopo sul tiro di Thiago Motta.
Dopo 2' di recupero, squadre a riposo sul 2-0. Inter perfetta nei 45' iniziali: impressionante la qualità del gioco nerazzurro privo di Sneijder e con Pandev a unire i due reparti di centrocampo e attacco.

SECONDO TEMPO - Inizia il secondo tempo e Milito torna a segnare: al minuto 2, il tridente nerazzurro è perfetto, il triangolo Eto'o-Pandev-Milito agisce nello stretto e il tocco del Principe è decisivo, come sempre. Al quarto d'ora, Mourinho sostituisce Eto'o con Sulley Muntari. Al 18' Barone invita Lazzari al tiro dalla distanza, Julio Cesar para in due tempi. Dal 20' due spunti di Maicon permettono a Milito di creare pericoli in area avversaria, sul primo la palla è chiusa da Canini, sul secondo il Principe si avventa di petto, ma perde l'attimo per la conclusione. Alla mezz'ora, scatta la seconda presenza in nerazzurro per Mariga che prende il posto di Thiago Motta. Al 35', il tocco di destro di Matri in girata crea qualche brivido in area interista, ma il pallone termina all'esterno della rete. Al 38' c'è la standing ovation per Diego Milito che lascia esce dal campo, lasciando il posto a Mario Balotelli.
Dopo 4' di recupero, termina sul 3-0 la sfida tra Inter e Cagliari. Nerazzurri a 52 punti in classifica, a + 10 sul Milan diretto concorrente, aspettando il posticipo serale tra Fiorentina e Roma.

 

INTER-CAGLIARI 3-0
Marcatori: 6' Pandev, 17' Samuel, 2' st Milito

Inter: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 25 Samuel, 39 Santon; 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 8 Thiago Motta (30' st 17 Mariga); 27 Pandev, 22 Milito (38' st 45 Balotelli), 9 Eto'o (15' st 11 Muntari);
A disposizione: 1 Toldo, 7 Quaresma, 15 Krhin, 23 Materazzi;
Allenatore: José Mourinho

Cagliari: 25 Agazzi; 4 Dessena, 13 Astori, 21 Canini, 31 Agostini; 8 Biondini (11' st 20 Barone), 5 Conti, 10 Lazzari; 27 Jeda (38' st 28 Nainggolan); 32 Matri, 9 Nenè (15' st 23 Larrivey);
A disposizione: 12 Vigorito, 3 Ariaudo, 15 Marzoratti, 18 Parola;
Allenatore: Massimiliano Allegri

Arbitro: Andrea Gervasoni di Mantova
Note. Ammoniti: 20' Thiago Motta, 36' Milito. Tempi supplementari: 2'-4'. Spettatori: 57.079


Carica altri risultati