PREMI: A ZANETTI IL GAETANO SCIREA ALLA CARRIERA

"Un grande onore questo premio. La sconfitta? Guardiamo avanti, pensiamo a fare bene a Bologna"

CINISELLO BALSAMO - Il capitano nerazzurro Javier Zanetti è stato insignito oggi del Premio alla carriera Gaetano Scirea, nell'ambito dell'annuale Memorial dedicato all'indimenticato giocatore: Zanetti è il primo straniero a conseguire questo premio. "Sono onorato per questo premio, davvero onorato, mi fa un enorme piacere, anche perché è intitolato a un grande del calcio", ha dichiarato il nerazzurro.

Inevitabile, poi, rispondere ad alcune domande sulla sconfitta in Uefa Super Cup: "I nostri avversari ieri hanno fatto meglio di noi, non dobbiamo trovare scuse, hanno meritato la vittoria. Ora dobbiamo pensare subito al Bologna, vogliamo fare bene in questo inizio di campionato e il Bologna è una squadra che merita rispetto. Non siamo al cento per cento ma faremo il massimo per vincere. Milito fuori forma? Non è una questione di singoli, lui ha fatto tanto per questa squadra, così come gli altri. Se su questa sconfitta ha influito il cambio di allenatore? Non bisogna mettere pressione sull'allenatore, ha le sue idee e sta lavorando con noi per portarle avanti. Non bisogna mettere la croce su nessuno".

Al capitano nerazzurro viene poi chiesto se l'Inter ha la necessità di un acquisto importante in questi ultimi giorni di mercato: "La rosa è competitiva e l'ha dimostrato tante volte. Se arrivasse qualcuno? Sarebbe il benvenuto, come sempre. Noi comunque saremmo sempre lo stesso alla pari con tutti. Cosa ne penso di Ibrahimovic al Milan? Rispettiamo la sua scelta, ma guardiamo in casa nostra".

Zanetti, infine, ha espresso la sua soddisfazione per il fatto di essere nuovamente rientrato tra i convocati della Nazionale argentina: "Non me l'aspettavo, anche perché il calcio argentino ha tanti campioni, ma io ci sono ancora e mi godo questo momento".


Carica altri risultati