INTER-TRABZONSPOR: 0-1, MA QUANTE OCCASIONI

E' Celustka a sbloccare il match al 76', proprio dopo le migliori possibilità di gol dei nerazzurri

MILANO - Inter sconfitta 1-0 dal Trabzonspor, nel match andato in scena allo stadio "Giuseppe Meazza" e valido per il Matchday 1 della Uefa Champions League 2011-2012.
Dopo un primo tempo chiuso sullo 0-0, nerazzurri vicini al vantaggio per almeno tre volte nel corso della ripresa , ma è Celustka ad aver la meglio sfruttando la respinta sulla traversa colpita da Altintop (76').

PRIMO TEMPO - Gasperini schiera la difesa "a 4", affidando l'attacco al trio Zarate-Pazzini (al debutto europeo in maglia nerazzurra)-Sneijder. Esordiente in Champions League è anche il Trabzonspor, nel quale sono assenti l'allenatore Gunes (panchina affidata a Unal Karaman), il cannoniere Yilmaz, il centrocampista Mierzejeski, tutti e tre espulsi nel preliminare di Europa League contro l'Atletico Bilbao.
Accade poco o nulla nei primi 15 minuti di gioco e il gran caldo certo non aiuta. Sneijder ci prova su calcio di punizione, ma la barriera respinge (2'), dall'altra parte un contropiede turco trova un decisivo Lucio ad anticipare Paulo Henrique spegnendo l'azione (14'). Una palla regalata dai turchi regala invece la prima vera occasione ai nerazzurri al 18': non vede Pazzini libero e Zarate prova a sfondare centralmente, ma lo chiudono in due, la palla arriva a Obi, che prova il tiro ma è murato nuovamente dalla difesa avversaria. Un tentativo di Cech dalla distanza, che termina alto sopra la traversa, è il primo pallone che arriva dalle parti di Julio Cesar (28'). Un fallo al limite dell'area di Kacar su Sneijder regala un calcio di punizione da ottima posizione a Sneijder, ma è ancora la respinta della barriera a mandare in angolo (29'). Si inizia a far conoscere Mauro Zarate nell'uno contro uno al 32' che lo porta a tu per tu con Tolga, un tiro di sinistro, ma il portiere si distende e manda in corner. Sugli sviluppi, da una palla vagante, l'occasione è per Pazzini, servirebbe solo un tocco in girata con il sinistro per deviarla in rete, ma il Pazzo non trova il tempo giusto e il portiere ha la meglio  (33'). Ora, l'attacco è tutto Inter. Ancora Zarate: l'argentino aggancia il lancio dalle retrovie e guadagna l'area, prima che una perfetta uscita di Tolga eviti il gol (34'). Un'altro calcio di punizione per Sneijder al 36', la palla arriva direttamente tra le braccia del portiere.  Al 44' l'uomo assist è Pazzini, tocco per Cambiasso e sinistro pericoloso del Cuchu, che termina però sul fondo. Sul finale, si assapora l'1-0 con il lancio di Sneijder per Pazzini, fermato però in posizione irregolare. La decisione appare però dubbia perchè c'è un avversario in basso a destra, al vertice dell'area.
Dopo un minuto di recupero, Johannesson manda le squadre negli spogliatoi sul risultato parziale di 0-0.

SECONDO TEMPO - Ripresa al via con gli stessi ventidue in campo e, come il primo tempo, con un calcio di punizione di Sneijder, per un fallo su Pazzini: il destro a giro dell'olandese accarezza il palo alla destra di Tolga e si spegne sul fondo (1'). Paulo Henrique al 6' ci prova dalla distanza, ma sbaglia tutto, prima che l'Inter torni ad essere pericolosa con Zanetti, ma un altro fuorigioco, ancora dubbio, ferma il gioco (8'). Dal 10' ci sono Alvarez e Milito in campo al posto di Obi e Pazzini. E' subito principe al 17': giocata da Milito, uno contro uno e diagonale secco con il destro, sul quale Alvarez è però in ritardo. Poi c'è il destro di Zarate, ma la posizione è centrale e Tolga blocca a terra. Al 28' accade l'incredibile: solo davanti al portiere, Milito gli calcia addosso, la palla resta a due passi dalla rete, ma prima di chiunque ci arriva di nuovo il portiere e la fa sua. Zanetti insiste, corre, crossa per la testa di Milito che colpisce di testa, ma ancora non c'è gol e la palla termina a lato. Come a Palermo, è il migliore momento dell'Inter, ma dopo la traversa colpita da Altintop al 31', è il Trabzonspor a passare in vantaggio sfruttando la respinta: Celustka arriva sul pallone in scivolata e con il sinistro mette in rete per lo 0-1. Ma sull'azione del gol, è netta la posizione di fuorigioco inizialeL'Inter non si arrende ed è ancora Coutinho, dopo il recupero di Sneijder, a colpire palla con il mezzo esterno: ancora Tolga, sempre lui, con un tuffo nega il gol ai nerazzurri. Dopo 4 minuti di recupero, il match si chiude sullo 0-1.

INTER-TRABZONSPOR 0-1
Marcatori: 31' st Celustka

Inter
: 1 Julio Cesar; 42 Jonathan, 6 Lucio, 23 Ranocchia, 55 Nagatomo; 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 20 Obi (10' st Alvarez); 28 Zarate (32' st Coutinho), 7 Pazzini (10' st Milito), 10 Sneijder.
A disposizione: 21 Orlandoni, 25 Samuel, 37 Faraoni, 44 Bianchetti.
Allenatore: Gian Piero Gasperini

Trabzonspor
: 29 Tolga; 28 Celustka, 23 Giray, 6 Glowacki, 5 Cech; 20 Colman, 15 Zokora; 30 Serkan, 25 Alazinho (19' Sapara), 9 Halil Altintop (43' st Akgun); 12 Paulo Henrique (29' st Vittek).
A disposizione: 91 Sevim, 22 Mustafa, 32 Pawel Brozek, 63 Ferhat.
Allenatore: Senoul Gunes (squalificato, in panchina c'è il vice Unal Karaman)

Arbitro: Stefan Johannesson (Sve); assistenti Wittberg/Sjoblom, IV° uomo Lerjeus, assistenti addizionali Stalhammar/Johan Hamlin.
Note. Ammoniti: 21' Nagatomo, 41' Zarate, 9' st Alanzinho, 20' st Halil Altintop, 21' st Cech. Tempi di recupero: 1'-4'. Spettatori paganti: 14.497


 English version  日本語版 

Carica altri risultati