MONTECARLO: ZANETTI TRA LE LEGGENDE DEL CALCIO

Premio alla carriera per il capitano nerazzurro durante la cerimonia del Golden Foot edizione 2011

MONTECARLO - Ennesima, grande soddisfazione nella carriera di un professionista, di un uomo, di un modello, campione dentro e fuori dal campo: Javier Zanetti, dopo aver raggiunto e superato le presenze di Giuseppe Bergomi in nerazzurro, questa sera scrive un'altra pagina della sua straordinaria storia ricevendo a Montecarlo, durante la cerimonia di consegna dei Golden Foot 2011, il premio alla carriera come leggenda del calcio mondiale.

Il capitano è salito sul palco e ha lasciato l'impronta dei suoi piedi e il suo autografo nel calco. Il Golden Football 2011 è andato Ryan Giggs, ma Zanetti è entrato nelle Legends on the Champions Promenade ed è il primo giocatore ad essere nominato per la vittoria finale e contemporaneamente ad entrare nelle Legends. La motivazione: "Le vittorie conseguite sul campo, il raggiungimento delle mille gare da professionista, il record di presenze di tutti i tempi con la maglia dell'Inter e l'ormai proverbiale fair-play fanno di Javier Zanetti una leggenda vivente del calcio mondiale". Zanetti, quinto argentino a ricevere il Golden Foot dopo Maradona (2003), Di Stéfano (2004), Kempes (2007) e Varallo (2010), è stato premiato accanto ad altri grandi nomi del calcio mondiale come Luis Figo (Portogallo), Ruud Gullit (Olanda), Rabah Madjer (Algeria) e Abedì Pelé (Ghana).

 

Il lungomare di Monaco torna quindi a colorarsi anche di nerazzurro, l'impronta è anche quella di Javier Zanetti. "E' un'emozione grandissima vedere il calco di tutti questi grandi campioni del calcio - dichiara il capitano -. Sono emozionato a pensare che le mie impronte saranno accanto a quelle di tanti grandi campioni e di Giacinto Facchetti su tutti. Sono felicissimo, orgoglioso e certamente verrò presto a Montecarlo in vacanza con la mia famiglia per far vedere ai miei figli che qui ci sono anche le impronte del loro papà. La mia è stata una carriera incredibile, non avrei mai pensato che dal Banfield sarei arrivato fino all'Inter e soprattutto che sarei riuscito a battere tutti questi importanti record che sto raggiungendo e a ricevere un riconoscimento importante come quello di questa sera".

 


 English version  日本語版 

Carica altri risultati