Joaquín

Correa



Joaquín Correa, nato il 13 agosto 1994, la chiamata del River Plate l'ha avuta proprio a 11 anni, quando ha lasciato la sua città, Juan Bautista Alberdi (dal nome di uno dei più importanti intellettuali della storia dell'Argentina), provincia di Tucumán. Una stagione, poi il ritorno a casa. E poi la ripartenza, perché il sogno di quel pallone che poteva farlo diventare grande, in tutti i sensi, era troppo forte.

28

Età

1.89 M

Altezza

11

Numero di maglia

ATTAttaccanti
Player Photo

Statistiche chiave

Partite giocate

19

Precisione passaggi

82.59

Falli

7

Cartellini gialli

2

Cartellini rossi

0

Contrasti vinti

4

Contrasti

7

Disimpegni

1

Palloni intercettati

0

Gol segnati

3

Tiri in porta

7

Precisione di tiro

75


La carriera

Sognare attraverso il calcio. Farlo, fin da bambino, può avere un prezzo alto da pagare. Può voler dire lasciare la casa, la famiglia, mamma e papà, a soli 11 anni. Vero, la chiamata può essere importante e lusinghiera, ma quando hai 11 anni hai anche il diritto di sentire la mancanza degli affetti più cari.

Joaquín Correa, nato il 13 agosto 1994, la chiamata del River Plate l'ha avuta proprio a 11 anni, quando ha lasciato la sua città, Juan Bautista Alberdi (dal nome di uno dei più importanti intellettuali della storia dell'Argentina), provincia di Tucumán. Una stagione, poi il ritorno a casa. E poi la ripartenza, perché il sogno di quel pallone che poteva farlo diventare grande, in tutti i sensi, era troppo forte.

A Rosario, alla scuola calcio Renato Cesarini, tutti si accorgono che nel calcio di Joaquín c'è qualcosa di speciale. La nuova chiamata è importante e affascinante: l'Estudiantes de la Plata. Inizia la scalata del Tucu, quel soprannome che racchiude origini e non solo di Correa. Dal 2006 al 2011 Joaquín cresce nel club dove brilla ancora la stella di un grande ex interista, di un mito del calcio argentino, Juan Sebastián Verón.

A soli 17 anni arriva il debutto: è il 19 maggio 2012, Correa diventa ufficialmente un compagno di squadra di Verón subentrando a Duvan Zapata in un Banfield-Estudiantes finito 0-3. Quattro stagioni, poi il viaggio in Europa, destinazione Genova, sponda Sampdoria. Una stagione e mezza, poi il passaggio al Siviglia, che gli consente di debuttare nella nazionale albiceleste.

Poi Roma, la Lazio. El Tucu va, aumenta ogni anno le marcature stagionali: prima 9, poi 10, lo scorso anno 11. Nei 30 gol in biancoceleste anche quello che sigilla la Coppa Italia 2019, il 2-0 in finale contro l'Atalanta. 117 le presenze con la Lazio, che gli garantiscono chiamate sempre più frequenti in nazionale.

A ottobre 2020 segna a La Paz un gol storico nelle Qualificazioni Mondiali, che ridà all'Argentina la vittoria in Bolivia dopo 15 anni: 1-2, reti di Lautaro e appunto del Tucu, su assist del nerazzurro. Un segno del destino. Assieme i due attaccanti trionfano nella Copa America disputata nell'estate 2021.

Player signature

Carriera

2022 - adesso

Inter

FC Internazionale Milano

23 PRESENZE

label.firstSeason

4 gol segnati

 

 

2017 - 2022

ARG

Argentina

19 PRESENZE

5 stagioni giocate

4 gol segnati

1X Copa America

 

2021 - 2022

Inter

FC Internazionale Milano

36 PRESENZE

1 stagione giocata

6 gol segnati

1X Coppa Italia

1X Super Cup

2018 - 2021

LAZ

SS Lazio

119 PRESENZE

3 stagioni giocate

30 gol segnati

1X Coppa Italia

1X Super Cup

2016 - 2018

SEV

Sevilla FC

78 PRESENZE

2 stagioni giocate

16 gol segnati

1X Supercopa Euroamericana

 

2015 - 2016

SAM

UC Sampdoria

31 PRESENZE

1 stagione giocata

3 gol segnati

 

 

2012 - 2014

EST

Club Estudiantes de La Plata

64 PRESENZE

2 stagioni giocate

5 gol segnati

 

 

Altri giocatori

Handanovic ©

Samir

POR

1

Player image

Tutti i partner

  • Notizie
  • Squadre
  • Inter TV
  • Inter Online Store
  • Inter Official App
  • Inter Club

    • Diventa socio
    • Experience
    • Benefit

Seleziona la lingua

Termini e condizioniPrivacyCookies

Copyright © 1995 — 2022 F.C. Internazionale Milano P.IVA 04231750151