Risultato finale

13 Aprile 2011 20:45

Schalke 04
36' (2t) Howedes
45' Raul
2 - 1
Inter
4' (2t) Motta
arbitro Damir Skomina / guardalinee P. Arhar , M. Stancin / 4° uomo S. Vincic / assistenti M. Jug, R. Ponis
Minuti Cronaca
45' GOL SCHALKE: RAUL realizza. Verticalizzazione dello spagnolo, che arriva a saltare anche Julio Cesar e mette dentro di destro
45' Termina 1-0 la prima frazione di gioco tra Schalke e Inter
43' Nagatomo dal fondo, cross in mezzo, di testa Edu ad allontanare
42' Ammonizione per Raul
41' Destro di Eto'o respinto al limite dell'area
40' Punizione di Sneijder, palla a Stankovic, che prova a servire Maicon, che non riesce a correggere verso la porta
36' Stankovic prova la conclusione dalla distanza di destro, in parata Neuer
34' Alto sopra la traversa il tiro di Nagatomo
33' Maicon per Milito, controllo, tiro, Howedes a chiudere
30' Ammonizione per Lucio
28' Lucio a murare su Jurado
27' Uchida a chiudere su Stankovic
27' Cross di Nagatomo dalla sinistra, esce Neuer
24' Corner battuto da Sneijder, arriva direttamente Neuer, anticipando Eto'o
22' Eto'o avanza dalla sinistra, si accentra, al tiro, deviazione, palla a lato
18' Eto'o dalla sinistra apre per Sneijder, al tiro, Neuer senza problemi
16' Jurado dalla sinistra, colpo di testa di Raul, Julio Cesar in parata
13' Milito per Sneijder: destro, palla sul fondo
12' Sneijder a sinistra, cross: a liberare c'è Metzelder
11' Sneijder batte il corner, colpo di testa di Thiago Motta alto sopra la traversa
10' Ranocchia chiude su Edu
9' Eto'o apre per Maicon, che va al tiro dalla destra, il pallone scavalca l'incrocio dei pali
5' Zanetti serve Sneijder: l'olandese al tiro di destro, blocca Neuer
3' Primo angolo del match, lo batte lo Schalke: va Raul, libera di testa Ranocchia
1' Calcio d'inizio battuto dai nerazzurri
1' Benvenuti al "Veltins Arena" di Gelsenkirchen: è tutto pronto per Schalke 04-Inter, ritorno dei quarti di finale di Uefa Champions League 2010-2011
1' Contro lo Schalke, Leonardo sceglie Lucio-Ranocchia come coppia di centrali davanti a Julio Cesar, con Maicon e Nagatomo laterali; centrocampo con il trio Zanetti-Motta-Stankovic e Sneijder dietro alla coppia Milito-Eto'o
Minuti Cronaca
45' Ammonizione per Ranocchia
45' Termina 2-1 il secondo tempo di Schalke-Inter: tedeschi in semifinale
42' Ammonizione per Schmitz
41' Cambio per lo Schalke: esce Jurado, entra Schmitz
36' GOL SCHALKE: HOWEDES realizza di destro di potenza dopo una bella verticalizzazione, servito da Jurado
35' Cambio per l'Inter: esce Sneijder, entra Coutinho
33' Cross in area di Maicon, fa suo il pallone Neuer
32' Cambio per lo Schalke: esce Edu, entra Charisteas
30' Punizione di Sneijder, fuori di un soffio
28' Cambio per lo Schalke: esce Baumjohann, entra Draxler
25' Nagatomo dalla sinistra, Eto'o tiro a giro, fuori di poco
23' Eto'o per Milito, di destro, si alza la palla sopra la traversa
21' Ammonizione per Papadopoulos che interviene con i piedi su Julio Cesar
20' Cross dalla sinistra di Nagatomo in velocità, esce Neuer
19' Colpo di testa di Papadopoulos sul corner, fuori di poco
17' Cross di Sneijder per Eto'o che non trova la porta
14' Corner per lo Schalke, cross di Jurado, sponda di Edu per Howedes: destro e rete, annullata per fuorigioco
13' Ammonizione per Thiago Motta
12' Cross di Baumjohann dalla destra, Papadopoulos di testa sopra la traversa
9' Baumjohann entra in area, riesce ad evitare Julio Cesar che comunque tocca la palla: ancora Baumjohann che cerca il tocco, c'è Julio Cesar
4' Maicon per Milito, chiuso in angolo
4' GOL INTER: THIAGO MOTTA realizza. Calcio d'angolo battuto da Sneijder, stacco di testa di Lucio, tocco vincente di sinistro di Thiago Motta
2' Pandev per Milito che sbaglia l'appoggio per Sneijder
1' Ha inizio il secondo tempo di Schalke-Inter
1' Cambio per l'Inter: esce Stankovic, entra Pandev
Zanetti
5.55
5.55
Stankovic
5.29
5.29
Julio Cesar
5.31
5.31
Maicon
4.27
4.27
Milito
4.08
4.08
Motta
4.66
4.66
Lucio
5.52
5.52
Eto'o
4.32
4.32
Sneijder
4.33
4.33
Pandev
3.79
3.79
Coutinho
4.46
4.46
Ranocchia
6.1
6.1
Nagatomo
6.05
6.05
Media squadra 4.9
4 tiri porta 5
2 tiri fuori 10
26 falli fatti 13
7 angoli 12
2 fuorigioco 3
23:48 possesso 34:43
Sfida tecnica: Leonardo k.o. all’andata

La gara di andata dello scorso 5 aprile, persa per 2-5 in casa dall’Inter, è l’unico precedente tecnico ufficiale tra Rangnick e Leonardo.

Inter contro Schalke: sfide in equilibrio

Sesta sfida ufficiale tra Schalke 04 ed Inter, già avversarie in epiche sfide di coppa Uefa. Nel 1996/97 la sfida fu la finalissima di quell’edizione: all’andata vittoria tedesca per 1-0 in Germania con rete al 70’ di Wilmots, mentre al ritorno al “Meazza” l’Inter andò k.o. ai rigori dopo l’1-0 firmato da Zamorano all’84’ con gara che si protrasse ai tempi supplementari; i tedeschi si imposero 4-1 nella serie dei rigori, segnando tutti i loro 4, mentre per i nerazzurri andò a bersaglio il solo Djorkaeff, con errori di Zamorano e Winter. L’anno successivo “vendetta” nerazzurra nei quarti di finale della coppa Uefa 1997/98 vinta poi dall’Inter sulla Lazio per 3-0 nella finale secca di Parigi: contro i tedeschi l’Inter vinse in casa per 1-0 all’andata con rete al 17’ di Ronaldo ed andò a pareggiare in Germania per 1-1 con reti di Goossens al 69’ e di West al 2’ del primo tempo supplementare. Il bilancio tra le due squadre, compresa la gara di andata dei quarti di finale della Champions League in corso, è quindi di perfetto equiibrio: 2 successi per parte ed 1 pareggio. In Germania Schalke imbattuto nei 2 precedenti: 1 vittoria ed 1 pareggio il bilancio a suo favore.

In casa Schalke imbattuto e sempre in gol

Lo Schalke 04 vanta 11 precedenti ufficiali contro club italiani nelle classiche coppe europee, inclusi quelli contro l’Inter: finora il bilancio è di 5 successi del club di Gelsenkirchen, 2 pareggi e 4 vittorie italiane. Considerando le sole gare disputate in casa, il club tedesco è imbattuto grazie ad uno score – a proprio favore - di 3 vittorie e 2 pareggi in 5 partite nelle quali ha sempre segnato, per un totale di 9 reti all’attivo.

In Germania leggero svantaggio nerazzurro

L’Inter, considerando anche i confronti contro lo Schalke 04, vanta 43 precedenti internazionali ufficiali contro squadre tedesche e finora ha un bilancio – a proprio favore – di 21 vittorie (tra cui la finalissima della Champions League 2009/10), 8 pareggi e 14 sconfitte. L’Inter, sempre considerando anche i precedenti contro lo Schalke 04, è alla ventunesima trasferta ufficiale in Germania: finora lo score è di 6 vittorie nerazzurre, 7 pareggi e 7 affermazioni tedesche.

Schalke imbattuto in Europa da 8 gare

Lo Schalke 04 ha perso solo una delle 9 euro-gare finora disputate in assoluto nella Champions League 2010/11: è accaduto il 14 settembre 2010 quando venne sconfitto per 0-1 a Lione, nel primo match stagionale. Nelle successive 8 partite disputate bilancio tedesco è di 6 vittorie e 2 pareggi. Si tratta della serie positiva record per il club di Gelsenkirchen nella sua storia delle partecipazioni alla massima competizione europea, a cui quest’anno è iscritto per la sesta volta.

Eto’o “vede” Adriano

Samuel Eto’o con il gol segnato in Bayern Monaco-Inter 2-3 si è portato a quota 8 reti nella Champions League 2010/11. L’attaccante nerazzurro è ora a 2 soli gol da Adriano, primatista nella storia dell’Inter come marcatore stagionale in Coppa Campioni/Champions League, 10 reti nel 2004/05. Eto’o è il settimo giocatore nerazzurro a salire in doppia cifra come numero di gol segnati nella massima competizione europea: il camerunense è infatti a quota 10, sommando le 2 reti della stagione scorsa ed è al sesto posto della classifica all-time alla pari di Martins. Prossimo traguardo il quarto posto – ex-aequo – a quota 11 centri condiviso da Crespo e Jair.

Milito sogna quota 100

Diego Alberto Milito è a soli 3 passi dal realizzare la rete ufficiale n. 100 della propria carriera professionistica, considerando solo le gare disputate con i club italiani. Il primo degli attuali 97 centri – realizzati con le maglie di Genoa ed Inter, di cui 51 in serie A, 33 in B, 5 in coppa Italia, 7 nelle coppe europee ed 1 nel Mondiale Clubs – risale all’1 febbraio 2004, al minuto 39 di Genoa-Ascoli 1-1, in serie B.

Le tre imprese nerazzurre

Complessivamente sono stati finora 43 i precedenti di squadre italiane che hanno dovuto andare, nelle classiche coppe europee, a cercare all’estero la qualificazione dopo aver perso in casa la partita di andata, a prescindere dallo scarto e dal punteggio. E in 8 di questi casi è riuscito il miracolo, una percentuale del 18,6%. Regina delle imprese è stata l’Inter, riuscita tre volte: in coppa Uefa contro i finlandesi del Turun Palloseura (0-1 a Milano, 2-0 in Finlandia nel 1987/88) e contro il Lione (1-2 a Milano, 3-1 a Lione nel 1997/98, quando poi i nerazzurri avrebbero vinto la coppa in finale sulla Lazio, 3-0 a Parigi); in Champions League quella recente contro il Bayern: 0-1 a Milano, 3-2 a Monaco di Baviera. Una volta per ciascuna miracolo riuscito a Milan (3-4 e 4-1 sul Saarbrucken nella coppa Campioni 1955/56), Parma (0-1 e 2-0 dopo over-time nella supercoppa europea tutta italiana 1994 contro il Milan), Roma (1-2 e 3-1 dopo over-time sul Norimberga nella coppa Uefa 1988/89), Sampdoria (reciproco 1-0 esterno e qualificazione ai rigori sul Porto nella coppa Coppe 1994/95) ed Udinese (0-1 e 2-1 sul Bayer Leverkusen nella coppa Uefa 1999/00). In particolare, in coppa Campioni – Champions League, le 2 imprese sono state quelle sopra citate di Milan e Inter su 9 precedenti, percentuale che in questo caso sale al 22,2%.

Arbitra lo sloveno Skomina

Damir Skomina è nato a Koper (Slovenia) il 5 agosto 1976 ed è internazionale dal 2003. E’ alla 6° direzione stagionale in Europa dopo Auxerre-Zenit 2-0 (playoff Champions League), Real Madrid-Ajax 2-0, Inter-Tottenham 4-3 e Auxerre-Milan 0-2 (tutte nelle fasi a gironi Champions League), oltre a Real Madrid-Lione 3-0 (ottavi finale Champions). Nelle ultime 14 gare dirette nelle coppe non è mai uscito il pareggio: 8 le vittorie interne, 6 quelle esterne con ultimo nullo il 26 febbraio 2009, Valencia-Dinamo Kiev 2-2 in coppa Uefa. Lo Schalke 04 è all’esordio con Skomina. L’arbitro sloveno ha 4 precedenti con club tedeschi nelle eurocoppe, con bilancio di 2 vittorie, 1 pareggio ed 1 sconfitta. Inter al bis con Skomina dopo il vittorioso match casalingo dei gironi Champions 2010/11, 4-3 sul Tottenham. In assoluto, incluso questo incrocio, sono 7 i precedenti con club italiani ed il bilancio - a nostro favore – è di 4 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte.

DA IMPLEMENTARE
vittorie(0) pareggi(0) sconfitte(1)

GELSENKIRCHEN - Al "Veltins Arena" di Gelsenkirchen, termina 2-1 il match tra Schalke 04 e Inter, valido per il ritorno dei quarti di finale della Uefa Champions League 2010-2011.
La rimonta nerazzurra non si compie e arriva sul finale del primo tempo l'ulteriore beffa: è il gol di Raul a chiudere i primi 45' che vedono però un netto predominio in campo della squadra di Leonardo. Una speranza la riaccende Thiago Motta, che ha la meglio nella mischia ad inizio ripresa (49'), toccando in rete dopo la sponda di testa di Lucio per l'1-1. All'81' raddoppia lo Schalke, questa volta è Howedes a battere Julio Cesar e i sogni di rimonta. Finisce così l'avventura dell'Inter in Europa, tra maglie sudate, sguardi smarriti e l'applauso, incessante, di tutti i tifosi presenti a Gelsenkirchen.

PRIMO TEMPO - Inter in semifinale segnando quattro o più reti di scarto: toccherà innanzitutto a Sneijder, Milito ed Eto'o impensierire sin dal primo minuto di gioco lo Schalke. Leonardo conferma Nagatomo terzino sinistro, con Zanetti a centrocampo e Thiago Motta preferito a Cambiasso davanti alla difesa che ritrova Lucio.
Il primo corner è per i tedeschi, lo guadagna Jurado, lo batte Raul (3'), ma è dei nerazzurri la prima conclusione in porta: ci prova Sneijder di destro, ma trova la risposta di Neuer a bloccare centralmente (5'). Un inedito duello tutto giapponese tra Nagatomo e Uchida dà ragione al terzino nerazzurro (7'), che poco dopo viaggia sulla fascia costruendo con Eto'o, prima che il corner numero uno a favore dell'Inter si chiuda con il colpo di testa di Thiago Motta, alto sopra la traversa (11'). Dal 17', lo Schalke si affaccia in zona d'attacco: ci prova prima Jurado, sul suo cross è Raul a prolungare di testa verso la porta nerazzurra che Julio Cesar protegge in tuffo; poi, ancora lo spagnolo prova a sfondare in area, ma è ottima la chiusura di Nagatomo; Edu ci prova invece su calcio di punizio, trova Thiago Motta a rilanciare fuori dall'area (20'). Corner in serie per i nerazzurri, dal 23', ma tutti si concludono con un nulla di fatto o meglio con un fallo di Eto'o su Neuer, chiamato poi a bloccare il cross dalla sinistra di Nagatomo, anticipando Milito (28'). È proprio il Principe a scattare sul lancio verticale di Lucio, controllo perfetto dell'argentino, come perfetto è l'intervento di Howedes a chiudere (32'). Eletto dall'Uefa come il miglior gesto tecnico dei quarti di Champions, è il gol che Stankovic ha realizzato nella gara di andata contro i tedeschi e che stasera servirebbe in copia, il Drago ci prova crea ancora pericoli con un bel destro dalla distanza, che Neuer è costretto a deviare in angolo con una mano. È ancora Inter, è ancora Stankovic, al 39', a verticalizzare per Maicon: il brasiliano, a tu per tu con il portiere, tocca di piatto destro, ma non riesce nel controllo e la palla termina a lato. Il momento è tutto dell'Inter, ma a segnare è lo Schalke con Raul (45'): verticalizzazione improvvisa e tocco di Baumjohann per l'inserimento perfetto dell'attaccante spagnolo, che dribbla Julio Cesar e di destro mette in rete per l'1-0.
Dopo un minuto di recupero, squadre a riposo: possesso palla tutto ai nerazzurri, vantaggio ai tedeschi.

SECONDO TEMPO - La situazione si complica, Leonardo manda in campo Pandev al posto di Stankovic, schierando i nerazzurri sul 4-2-3-1. Il pari dell'Inter arriva con Thiago Motta: dal corner di Sneijder, stacco di testa di Lucio e tocco di sinistro dell'italo-brasiliano che, in mischia, mette in rete per l'1-1. Julio Cesar rimedia autonomamente all'incertezza in area sull'attacco di Baumjohann, intercettandone in tuffo il successivo cross (9'); è annullata invece per fuorigioco la rete che Howedes realizza sul cross di Jurado e la sponda a seguire di Edu (14'). L'Inter non si arrende e, al 17' va nuovamente vicina al gol, con il cross di Sneijder raccolto da Eto'o, colpo di testa del camerunese alto sulla traversa. Lancia Eto'o, si esibisce Milito, in una girata al volo che oltrepassa la porta di Neuer (23'), mentre accarezza il palo il bel destro di Sneijder su calcio di punizione al 30'. Lo Schalke non si ferma: il pallonetto di Raul aziona il contropiede che lancia Howedes in area nerazzurra, destro secco e Julio Cesar battuto per il 2-1. Dopo un minuto di recupero, Skomina fischia la fine del match.
Era un'impresa impossibile e tale si è confermata. Impossibile, allo stesso modo, è dimenticare tutto quello che i campioni d'Europa uscenti hanno saputo regalarci, conquistando un trofeo atteso per anni.

SCHALKE 04-INTER 2-1
Marcatori: 45' Raul, 4' st Thiago Motta, 36' st Howedes.

Schalke 04: 1 Neuer; 22 Uchida, 21 Metzelder,  4 Howedes, 2 Sarpei; 11 Baumjohann (28' st 31 Draxler), 32 Matip, 14 Papadopoulos, 18 Jurado (42' st 13 Schmitz); 7 Raul, 9 Edu (32' st 15 Charisteas)
A disposizione: 33 Schober, 5 Plestan, 8 Hao, 16 Karimi.
Allenatore: Ralf Rangnick

Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 6 Lucio, 15 Ranocchia, 55 Nagatomo; 4 Zanetti, 8 Thiago Motta, 5 Stankovic (1' st 27 Pandev); 10 Sneijder (35' st 29 Coutinho), 22 Milito, 9 Eto'o.
A disposizione: 12 Castellazzi, 2 Cordoba, 14 Kharja, 19 Cambiasso, 23 Materazzi, 29 Coutinho.
Allenatore: Leonardo

Arbitro: Damir Skomina (Slo)
Note. Ammoniti: 30' Lucio, 43' Raul, 13' st Thiago Motta, 21' st Papadopoulos, 42' st Schmitz, 45' st Ranocchia. Tempi di recupero: 1'-1'

 

in campo

Neuer 1 Julio Cesar
Uchida 13 Maicon
Metzelder 6 Lucio
Howedes 15 Ranocchia
Sarpei 55 Nagatomo
Baumjohann 4 Zanetti
Matip 8 Motta
Papadopoulos 5 Stankovic
Jurado 10 Sneijder
Raul 22 Milito
Edu 9 Eto'o

panchina

Schober 12 Castellazzi
Plestan 2 Cordoba
Hao 14 Kharja
Schmitz 19 Cambiasso
Charisteas 23 Materazzi
Karimi 27 Pandev
Draxler 29 Coutinho