Risultato finale

15 Marzo 2011 20:45

Bayern Monaco
31' Muller
21' Gomez
2 - 3
Inter
43' (2t) Pandev
18' (2t) Sneijder
3' Eto'o
arbitro Pedro Proença / guardalinee Trigo, Ferreira Santos / 4° uomo Gomes / assistenti Ribeiro, Larsen
Guarda gli highlights
Minuti Cronaca
46' Cambiasso devia il destro di Ribery davanti alla porta
46' Dopo un minuto di recupero, termina 2-1 la prima frazione di gioco tra Bayern Monaco e Inter
45' L'arbitro concede un minuto di recupero
41' Sopra la traversa il tiro di Sneijder
40' Palo del Bayern: su lancio di Ribery, Gomez va in spaccata sul destro anticipando Julio Cesar in uscita. La palla balla sulla linea di porta e viene toccata in scivolata da Ranocchia che, nel tentativo di anticipare Muller, manda sul palo
39' Lancio in area sulla destra per Stankovic, chiuso in extremis da Kraft in uscita bassa
38' Ammonizione per Gustavo
35' Grande parata di Julio Cesar su Ribery
34' Prova il sinistro Motta servito da Eto'o, fuori
31' GOL BAYERN: MULLER realizza. Robben di sinistro, tocca Thiago Motta, la palla tra i piedi di Muller che la mette dentro di destro
26' Sinistro di Robben, risponde Julio Cesar
26' Destro di Gomez, si oppone Julio Cesar
25' Van Buyten ci mette il piede sul passaggio di Eto'o per Pandev
21' GOL BAYERN: GOMEZ realizza. Tiro di Robben, Julio Cesar non trattiene, Gomez la mette dentro
20' Sinistro a giro di Sneijder, a lato
19' Chivu sulla sinistra crossa per Pandev, che non ci arriva
17' Ribery cerca con il cross Gomez, che non ci arriva di poco
15' Pandev va via in contropiede e prova a lanciare in area Eto'o, Van Buyten chiude
12' Il sinistro di Robben direttamente tra le braccia di Julio Cesar
10' Gomez con il destro, Ranocchia a chiudere in scivolata
7' Lucio chiude su Ribery che aveva provato il destro
3' GOL INTER: ETO'O realizza. Stankovic per Pandev, che serve il camerunese, a segno di sinistro!!!
1' Benvenuti all'Allianz Arena: è tutto pronto per Bayern Monaco-Inter, ritorno degli ottavi di Uefa Champions League 2010-2011
1' Contro il Bayern, Leonardo propone Lucio-Ranocchia come coppia di centrali difensivi davanti a Julio Cesar, con Maicon e Chivu laterali; centrocampo con Stankovic, Motta e Cambiasso, con Sneijder a supporto di Pandev ed Eto'o. Indisponibile Zanetti per una sindrome influenzale
1' Prima del fischio d'inizio, un minuto di silenzio in onore delle vittime della tragedia in Giappone. Squadre con il lutto al braccio
1' Calcio d'inizio battuto dal Bayern Monaco
1' Calcio di punizione per il Bayern, c'è Gomez a cercare la porta, ma Julio Cesar non si fa trovare impreparato
Minuti Cronaca
49' Ammonito Motta
49' Dopo quattro minuti di recupero, termina Bayern Monaco-Inter 2-3. Nerazzurri ai quarti di finale
46' Ammonito Kharja
45' Cambio per l'Inter: esce Pandev, entra Kharja
45' Cambio per il Bayern: esce Breno, entra Kroos
45' L'arbitro concede quattro minuti di recupero
43' GOL INTER: PANDEV realizza. Assist di Eto'o, sinistro al volo del macedone che la mette dentro
43' Ammonito per Pandev
42' Cambio per l'Inter: esce Chivu, entra Nagatomo
41' Pandev allarga per Sneijder, che non ci arriva
37' Ranocchia a chiudere su Gomez
35' Eto'o per Sneijder, al tiro, deviazione di Pandev
32' Breno a chiudere prima su Sneijder e poi su Eto'o
28' Sinistro di Sneijder, servito da Cambiasso, palla a lato
26' Sinistro dalla distanza di Pandev, il pallone termina fuori
25' Cambio per il Bayern: esce Van Buyten, entra Badstuber
23' Cambio per il Bayern: esce Robben, entra Altintop
22' Sneijder per Pandev, stop di petto, tiro di sinistro, alto
21' Triangolo Gomez-Robben-Gomez, chiude Chivu
21' Triangolo Gomez-Robben-Gomez, chiude Chivu
21' Occasione per l'Inter, sugli sviluppi di un angolo Ranocchia non riesce a trovare la conclusione
18' GOL INTER: SNEIJDER realizza. Coutinho allarga per Eto'o, che serve Sneijder, a segno di destro
17' Destro al volo di Gomez, parata di Julio Cesar
15' Da Eto'o a Pandev il cui destro in corsa dal limite è intercettato da Breno
14' Ammonizione per Lucio
13' Lancio di Coutinho sulla sinistra in area per Lucio, anticipato in presa bassa da Kraft
12' Ammonito Breno
10' Lancio di Pandev al limite per Eto'o, anticipato da Van Buyten
9' Perfetta chiusura in scivolata di Chivu su Robben lanciato sulla destra
6' Cambio per l'Inter: esce Stankovic, entra Coutinho
4' Schweinsteiger al tiro, debole, Julio Cesar fa suo il pallone
3' Eto'o per Pandev, segnalato il fuorigioco
2' Ribery la mette dentro per Gomez, Julio Cesar esce e fa suo il pallone
1' Ha inizio il secondo tempo di Bayern Monaco-Inter, senza cambi
Stankovic
6.23
6.23
Cambiasso
7.1
7.1
Julio Cesar
6.27
6.27
Maicon
6.39
6.39
Chivu
7.15
7.15
Motta
5.96
5.96
Lucio
7.09
7.09
Eto'o
9.41
9.41
Sneijder
8.49
8.49
Pandev
7.52
7.52
Coutinho
6.56
6.56
Ranocchia
7.63
7.63
Kharja
6.51
6.51
Nagatomo
7.28
7.28
Media squadra 7.11
9 tiri porta 3
3 tiri fuori 6
17 falli fatti 19
7 angoli 3
3 fuorigioco 1
48 possesso 52
Le sfide tecniche: all’andata l’unico incrocio

La gara di andata rappresenta l’unico confronto tecnico ufficiale tra i due tecnici: il Bayern Monaco di Van Gaal vittorioso per 1-0 in casa dell’Inter di Leonardo.

Bayern-Inter, tedeschi mai vittoriosi in casa

Settimo confronto ufficiale tra le due formazioni, con bilancio di 2 vittorie per l’Inter (entrambe per 2-0), 1 pareggio e 3 successi tedeschi (tutti a Milano). Tra questi 6 precedenti da ricordare sopratutto la finalissima della Champions League 2009/10, che il 22 maggio scorso vide trionfare l’Inter per 2-0 al Santiago Bernabeu di Madrid.

Bayern-Italia: squadre italiane in vantaggio

Sono 36 i precedenti ufficiali tra Bayern Monaco e rivali italiane, comprendendo anche le sfide contro l’Inter, e finora il bilancio è di 12 vittorie tedesche, 7 pareggi e 17 successi italiani (tra cui la finalissima della Champions League 2009/10, Inter-Bayern 2-0). Il Bayern Monaco ospita per la sedicesima volta nelle sole classiche eurocoppe una rivale italiana e finora vanta un bilancio a proprio favore - considerando le sfide contro l’Inter – di 6 vittorie, 5 pareggi e 4 sconfitte.

Inter senza vittorie in Germania dal marzo 2003

L’Inter, considerando anche i confronti contro il Bayern Monaco, vanta 41 precedenti internazionali ufficiali contro squadre tedesche e finora ha un bilancio – a proprio favore - di 20 vittorie (tra cui la finalissima della Champions League 2009/10, Inter-Bayern 2-0), 8 pareggi e 13 sconfitte. L’Inter è, nelle classiche coppe europee, alla diciannovesima trasferta ufficiale in Germania, considerando anche i precedenti in casa del Bayern Monaco, e finora lo score è di 5 vittorie nerazzurre, 7 pareggi e 6 affermazioni tedesche: l’ultima vittoria in Germania dell’Inter risale al 19 marzo 2003, quando in Champions League si impose per 2-0 in casa del Bayer Leverkusen: da allora sono seguite 4 gare con 2 pareggi e 2 sconfitte nerazzurre, in cui la formazione milanese ha sempre subito gol, per un totale di 7 reti al passivo.

Le due storiche rimonte nerazzurre

Sono 42 i precedenti di squadre italiane che, nelle classiche coppe europee, hanno dovuto cercare all’estero la qualificazione dopo aver perso in casa la partita di andata. E solo in 7 di questi casi è riuscito il miracolo, una percentuale del 16.7%. Regina delle imprese è stata l’Inter, riuscita due volte, sempre in coppa Uefa: contro i finlandesi del Turun Palloseura (0-1 a Milano, 2-0 in Finlandia nel 1987/88) e contro il Lione (1-2 a Milano, 3-1 a Lione nel 1997/98, quando poi i nerazzurri avrebbero vinto la coppa in finale sulla Lazio, 3-0 a Parigi).

Italiane senza successi in Germania dal 2008....

L’ultima vittoria ottenuta da una squadra italiana in casa di una rivale tedesca nelle coppe europee è datata 18 settembre 2008 quando, in coppa Uefa, l’Udinese si impose per 2-0 in casa del Borussia Dortmund: nelle successive 9 partite disputate lo score è stato di 7 successi tedeschi (di cui 4 nelle ultime 4 gare disputate) e 2 pareggi, ultimo dei quali Bayern-Juventus 0-0 del 30 settembre 2009, fase a gironi di Champions League.

....e in Champions un solo successo nelle ultime 16 trasferte

I club italiani hanno vinto solo una delle ultime 16 trasferte di Champions League disputate in Germania: è accaduto l’11 aprile 2007 quando il Milan, nel ritorno dei quarti di finale, si impose per 2-0 a casa del Bayern Monaco. Nelle altre 15 partite prese in esame nella competizione lo score è stato di 10 successi tedeschi e 5 pareggi.

Inter a secco in Europa da 215’

L’ultimo gol ufficiale segnato in Europa dall’Inter risale al 24 novembre 2010 quando, in Champions League, si impose in casa per 1-0 contro il Twente. L’autore del gol interista fu Cambiasso al 55’: da allora sono trascorsi i restanti 35’ di quel match, più le intere gare di Champions League perdute contro Werber Brema (0-3 esterno) e Bayern Monaco (0-1 casalingo), per un totale di 215’ di digiuno assoluto.

In casa in gare europee Bayern k.o. solo una volta nelle ultime 16: arbitrava Proenca

Il Bayern Monaco ha perduto solo una delle ultime 16 gare interne ufficiali disputate in Europa: è accaduto il 3 novembre 2010 quando, in Champions League, venne superato per 0-2 dal Bordeaux. Nelle altre 15 partite prese in esame lo score interno tedesco è di 10 successi (di cui 7 nelle ultime 7 partite disputate) e 5 pareggi. Curiosità: arbitrava Proenca, il portoghese chiamato a dirigere l’odierno Bayern-Inter.

Nelle ultime 16 gare europee Bayern senza gol solo nella finale di Madrid

Nelle ultime 16 euro-gare il Bayern Monaco non ha segnato solo in occasione della finalissima della Champions League 2009/10 quando, a Madrid, i tedeschi vennero sconfitti per 0-2 proprio dall’Inter: nelle altre 15 partite il Bayern ha invece realizzato 34 gol.

Bayern sempre promosso quando parte da 1-0 esterno all’andata

Il Bayern Monaco si trova per la sesta volta a cercare nel ritorno in casa la qualificazione in un doppio confronto ad eliminazione diretta, nelle classiche coppe europee, partendo dal successo per 1-0 ottenuto nel match d’andata giocato in trasferta e finora i tedeschi hanno sempre superato il turno. E’ accaduto contro i cecoslovacchi dello Skoda Pilzen nelle coppa Coppe 1971/72 (vittoria per 6-1 nel ritorno), gli svedesi dell’Oster nella coppa Campioni 1981/82 (successo per 5-0 nel ritorno), i ciprioti dell’ Anorthosis Famagosta nella coppa Uefa 1983/84 (affermazione per 10-0 nel ritorno), gli inglesi del Manchester United e gli spagnoli del Real Madrid nella Champions League 2000/01 (in entrambi i casi vittorie per 2-1 nel ritorno).

L’unico 15 marzo in cui ha giocato in Europa, Inter qualificata

L’Inter gioca per la seconda volta un incontro ufficiale in Europa in data 15 marzo: nella Champions League 2004/05 i nerazzurri si imposero per 3-1 in casa contro il Porto nel match di ritorno degli ottavi di finale, qualificandosi ai quarti dopo l’1-1 di andata ad Oporto. La gara è anche passata alla storia per essere stata la prima in cui un calciatore nerazzurro firmò una tripletta in coppa Campioni-Champions League, autore Adriano.

Dirige il portoghese Proenca

Pedro Proença è nato a Lisbona (Portogallo) il 3 novembre 1970 ed è internazionale dal 2003. E’ alla 6° direzione internazionale nella stagione 2010/11 dopo Salisburgo-Hapoel Tel Aviv 2-3 (play-off di Champions League), Twente-Inter 2-2, Real Madrid-Milan 2-0 e Manchester United-Valencia 1-1 (gironi Champions League) e Besiktas-Dinamo Kiev 1-4 (sedicesimi di Europa League). Proença dirige per la seconda volta il Bayern Monaco in gare ufficiali: nella Champions League 2009/10 i tedeschi furono sconfitti in casa per 0-2 dal Bordeaux. L’Inter viene diretta per la seconda volta in gare ufficiali dal fischietto portoghese: nella Champions League in corso pareggio per 2-2 in casa del Twente. Le squadre tedesche, comprendendo anche il precedente con il Bayern, sono dirette per l’8° volta da Proenca e finora hanno un bilancio di 3 vittorie, 3 pareggi ed 1 sola sconfitta, subita proprio dal club bavarese. Le squadre italiane, considerando anche il precedente dell’Inter, sono dirette per la quinta volta da Proença e finora hanno uno score di perfetta parità: 1 vittoria (5-1 casalingo della Roma contro l’Aris Salonicco, nella coppa Uefa 2005/06), 2 pareggi (1-1 del Milan in casa dello Zurigo, nella Champions League 2009/10; 2-2 esterno dell’Inter contro il Twente, nella Champions League 2010/11) ed 1 sconfitta (0-2 del Milan in casa del Real Madrid, nella Champions League 2010/11), con le nostre squadre che hanno sempre subito gol per un totale di 6 reti al passivo.

DA IMPLEMENTARE
vittorie(2) pareggi(1) sconfitte(0)

MONACO - Termina sul risultato di 2-3 e porta i nerazzurri ai quarti di finale, Bayern Monaco-Inter, gara valida per il ritorno degli ottavi di finale della Uefa Champions League 2010-2011.

L'Allianz Arena dà spettacolo: tutto esaurito e più di 3000 tifosi nerazzurri uniti per dare forza alla rimonta della squadra di Leonardo dopo lo 0-1 subito all'andata. E la rimonta parte subito, dopo appena 3', grazie al tocco di Pandev che lancia Eto'o al vantaggio nerazzurro, a passare tra le gambe di Kraft. Julio Cesar avrebbe voglia di tornare a casa a piedi anche oggi, ripensando al pareggio di Gomez, simil copia di quello della gara al 'Meazza', dopo il tiro dalla distanza di Robben (21'). Dieci minuti appena, arriva il raddoppio di Muller che manda l'Inter all'intervallo sotto di un gol, sventato il terzo grazie al salvataggio sulla linea di super Ranocchia. Nella ripresa, è una prodezza di Sneijder a riaprire ogni speranza nerazzurra con un destro fulminante che batte Kraft per il 2-2. E la speranza non muore, anzi, la riaccende ancora una volta un gol bellissimo di Goran Pandev che qualifica l'Inter ai quarti di finale. Una rimonta che mancava dal 1996, una rimonta impossibile, dicevano. Con l'Inter tutto è possibile.

PRIMO TEMPO - Un'assenza improvvisa quella di Javier Zanetti, indisponibile per febbre, che costringe l'allenatore nerazzurro a schierare dal primo minuto, sia Thiago Motta che Cambiasso a formare la linea di centrocampo con Stankovic, questa sera capitano dell'Inter. Lucio titolare, Milito in tribuna. Squadre in campo con il lutto al braccio per le vittime del terremoto in Giappone, alle quali è dedicato anche il grande striscione ('Siamo con voi Giappone') che accompagna il minuto di silenzio ad apertura di gara.
Bavaresi subito pericolosi sul calcio di punizione di Robben, raccolto sotto porta da Gomez, Julio Cesar blocca senza indugi (1') e dopo di lui è tutta l'Inter a fare meglio e a passare in vantaggio con super Eto'o: Stankovic per Pandev e grande verticalizzazione per il camerunese, che sul filo del fuorigioco beffa Kraft facendogli passare palla tra le gambe (3'). E' lo 0-1 nerazzurro grazie all'ottava rete del bomber in Champions League, la 32esima stagionale che dedica anche oggi a Nagatomo. Reagisce il Bayern con il lancio di Ribery per Gomez che arriva a caricare il destro sotto porta (10'), ma Ranocchia in scivolata manda in corner. L'Inter è una furia, attacca con Eto'o, Sneijder, ma come all'andata è ancora un'incertezza di Julio Cesar a condannare i nerazzurri al pareggio: tiro di Robben dalla distanza, il portiere respinge ma non trattiene e, come una maledizione, ancora Gomez con un pallonetto all'indietro gonfia la rete per l'1-1. Un gol che riaccende la squadra di Van Gaal che infatti centra il bis dopo appena 10': Robben cerca Gomez, Thiago Motta tocca e perde palla al limite dell'area favorendo Muller che, con un tocco di esterno destro, scavalca Julio Cesar per il 2-1. Al 35', Julio Cesar questa volta salva l'Inter con una grandissima parata su Ribery, che manda il pallone appena sopra la traversa. Sul calcio di punizione di Thiago Motta (39'), Stankovic ha la palla del pareggio, ma perde l'attimo utile e Kraft salva tutto. Ma un minuto dopo è semplicemente miracoloso il salvataggio sulla linea di Ranocchia: Ribery lancia per Muller che in scivolata supera Julio Cesar, la palla resta lì, attimi interminabili e il piede del difensore nerazzurro che manda palla sul palo, prima che la riprenda Julio Cesar ridando fiato a tutti i tifosi dell'Inter. Fiato che viene però nuovamente meno, quando Lucio si complica la vita, aspettando a liberare l'area dopo l'ennesimo attacco bavarese. Dopo un minuto di recupero, squadre a riposo sul 2-1.
Inter, ora tocca a te e noi siamo con te.

SECONDO TEMPO - Ripresa al via con gli stessi ventidue in campo e con il Bayern in avanti, prima con Gomez, chiuso dall'uscita di Julio Cesar (2'), poi con il tiro dalla distanza troppo debole di Schweinsteiger (3'). Al 6', primo cambio per Leonardo: fuori Stankovic, leggermente infortunato, dentro Coutinho. Al 13', l'occasione è per l'Inter: sul calcio di punizione rasoterra di Sneijder, cross di Ranocchia per Lucio, anticipato di pochissimo dall'uscita di Kraft. Eto'o serve, involontariamente, un assist a Pandev  il cui tiro è però ribattuto (16'); con molta più decisione il Re Leone serve invece Sneijder, che con un destro magnifico neutralizza Kraft per il 2-2. Le speranze si riaccendono e Pandev sfiora il 2-3 (22'), stoppando di petto il lancio di Sneijder, ma lanciando in girata di poco alto sulla traversa. Sull'assist di Eto'o, Sneijder sfiora il gol al 35' con un gran destro dal limite, ma il pallone viene ribattuto. La speranza non muore mai e al 43' Pandev fa impazzire tutti i tifosi nerazzurri del mondo raccogliendo il passaggio di Eto'o e fulminando Kraft all'incrocio dei pali con un sinistro al volo. La gioia nerazzurra esplode all'Allianz Arena per la rete del macedone che qualifica i nerazzurri ai quarti di finale, chiudendo il match sul risultato di 2-3. Solo una volta nella storia della Champions League una squadra aveva rimontato un risultato negativo dell'andata.
L'Inter oggi ha scritto la storia.


U.C.L. BAYERN MONACO-INTER 2-3
Marcatori: 3' Eto'o, 21' Gomez, 31' Muller, 18' st Sneijder, 43' st Pandev

Bayern Monaco: 35 Kraft; 2 Breno (45' st 39 Kroos), 30 Gustavo, 5 Van Buyten (25' st 28 Badstuber), 21 Lahm; 31 Schweinsteiger, 23 Pranjic; 7 Ribery, 25 Muller,10 Robben (23' st 8 Altintop); 33 Gomez.
A disposizione: 1 Butt, 16 Ottl, 18 Klose, 44 Tymoshchuk.
Allenatore: Louis Van Gaal

Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 6 Lucio, 15 Ranocchia, 26 Chivu (42' st 55 Nagatomo); 5 Stankovic (6' st 29 Coutinho), 8 Thiago Motta, 19 Cambiasso; 10 Sneijder; 27 Pandev (45' st 14 Kharja), 9 Eto'o.
A disposizione: 12 Castellazzi, 2 Cordoba, 17 Mariga, 23 Materazzi.
Allenatore: Leonardo

Arbitro: Pedro Proenca (Portogallo).
Note. Ammoniti: 38' Gustavo, 12' st Breno, 14' st Lucio, 43' st Pandev, 46' st Kharja, 49' st Thiago Motta. Tempi di recupero: 1' - 4'

in campo

Kraft 1 Julio Cesar
Breno 13 Maicon
Gustavo 6 Lucio
Van Buyten 15 Ranocchia
Lahm 26 Chivu
Schweinsteiger 5 Stankovic
Pranjic 8 Motta
Ribery 19 Cambiasso
Muller 10 Sneijder
Robben 27 Pandev
Gomez 9 Eto'o

panchina

Butt 12 Castellazzi
Altintop 2 Cordoba
Ottl 14 Kharja
Klose 17 Mariga
Badstuber 23 Materazzi
Kroos 29 Coutinho
Tymoshchuk 55 Nagatomo