Risultato finale

10 Dicembre 2019 21:00

Inter
44' Lukaku
1 - 2
Barcellona
41' (2t) Ansu Fati
23' Perez
arbitro Bjorn / guardalinee S. van Roekel, E. Zeinstra / 4° uomo S. Gozubuyuk / assistenti P. van Boekel, D.J. Higler
Guarda gli highlights

Minuti Cronaca
47' Si chiude la prima frazione di gioco al "Meazza" tra gli applausi dei tifosi nerazzurri: 1-1 grazie al pareggio di Lukaku dopo il vantaggio di Perez
46' Cartellino giallo per Borja Valero
45' Segnalati due minuti di recupero
44' GOL! GOOOOOOL! GOOOOOOOOOOOL! Straordinario lavoro di Lautaro che difende palla e appoggia per Lukaku, che fa partire un sinistro su cui Neto non può arrivare: 1-1!!!
41' Bella apertura di Lautaro per D'Ambrosio, il cui cross viene respinto dalla difesa del Barcellona
36' Cross di Lukaku per l'inserimento di D'Ambrosio che di testa sfiora l'incrocio
35' Aggancio strepitoso e sinistro di Lautaro: Neto mette in corner con un grande intervento
34' Duro intervento di Lenglet su D'Ambrosio: giallo per il difensore blaugrana
33' Chance per il raddoppio sui piedi di Lenglet dopo un rimpallo fortunato, ma il difensore del Barcellona calcia fuori
30' Rakitic da fuori, palla lontana dalla porta di Handanovic
29' Tentativo dalla distanza di Vecino, che non impensierisce però Neto
23' Il Barcellona passa in vantaggio alla prima vera occasione con Perez, che mette dentro dal limite dell'area piccola su assist di Vidal
21' Pericolo nell'area blaugrana: punizione tagliata di Biraghi dalla trequarti, non tocca nessuno il pallone ma Neto riesce a salvarsi in due tempi
19' Grande azione dei nerazzurri: Lautaro prende il tempo a Firpo, trova Lukaku che apre per Biraghi. Mancino di prima intenzione ma Neto respinge in tuffo
15' Skriniar per Lukaku, che controlla di petto e serve nello spazio Lautaro. Bel filtrante del numero 9 nerazzurro, letto però da Neto che anticipa Lautaro in uscita bassa
10' Altra grande occasione per l'Inter: Vecino affonda poi serve Lukaku, che mette a sedere Umtiti e poi calcia a botta sicura, ma l'intervento alla disperata di Lenglet salva il Barça. Solo corner per i nerazzurri!
9' Parata di Handanovic, che si distende sulla conclusione incrociata da posizione defilata di Perez, poi Skriniar evita il tap-in di Griezmann!
7' Lukaku mette dentro su assist di Godin con un sinistro potente e angolato, ma il guardalinee alza la bandierina. C'è fuorigioco, si resta sullo 0-0
5' Chance per l'Inter: Borja Valero penetra centralmente poi serve D'Ambrosio all'interno dell'area. Destro potente ma alto!
1' Ci prova subito Lautaro ma il suo destro dal limite viene murato dalla difesa blaugrana
1' Si parte: comincia Inter-Barcellona. Forza ragazzi, FORZA INTER!!!
1' Inter e Barcellona fanno il loro ingresso sul terreno di gioco: tra pochi istanti il calcio d'inizio del matchday 6 del Gruppo F
1' Ultimo appuntamento della fase a gironi della UEFA Champions League 2019-2020 con un "Meazza" che veste l'abito delle grandi occasioni per Inter-Barcellona
Minuti Cronaca
49' Si chiude il match al "Meazza": non basta il gol di Lukaku all'Inter, che chiude il gruppo F al terzo posto
47' Ci prova a giro Lautaro, blocca Neto
46' Ammonizione per Godin
45' Quattro minuti di recupero
45' Chance per Politano, che tarda però troppo a concludere sul cross di Esposito
43' Ammonizione per De Vrij dopo un fallo su Suarez
41' Il Barcellona torna in vantaggio con il destro dal limite di Ansu Fati, che tocca il palo interno e termina in rete
39' Cambio nel Barcellona: Ansu Fati rileva Perez
37' Vecino murato dal limite poi riparte di Barcellona che spreca in contropiede con Perez
35' Altro gol annullato all'Inter dopo il tiro di Politano, Lukaku è in fuorigico sul gol di Lautaro
31' Conte si gioca il tutto per tutto con Esposito al posto di Borja Valero
30' Bordata di Brozovic da fuori area, palla alta
30' Cambio per l'Inter: Politano prende il posto di D'Ambrosio, con Lazaro che si sposta a destra
29' Lautaro mette dentro in acrobazia su assist di Godin ma il guardalinee alza la bandierina. C'è fuorigioco
28' Insiste l'Inter: sinistro a giro di Lukaku e Neto blocca a terra
27' Grande giocata di Lautaro e sinistro che mette i brividi a Neto ma non trova la porta di un soffio
23' Primo cambio per Conte: dentro Lazaro per Biraghi
23' Destro di Vidal e palla fuori di un soffio
21' Destro da fuori area di Wague, palla fuori alla destra di Handanovic
19' Altra occasione per Lukaku sul filtrante di Lautaro: il numero 9 nerazzurro salta Neto ma si allunga troppo il pallone
18' Fuori Rakitic e Griezmann nel Barcellona, dentro Suarez e De Jong
17' Chance clamorosa per Lukaku, che vince il duello fisico con Umtiti poi conclude addosso a Neto, che salva il Barcellona
13' Bordata di Griezmann da posizione defilata, Handanovic devia in tuffo poi D'Ambrosio libera con l'aiuto di Borja Valero
12' Traversone di Lukaku, palla troppo su Neto, che blocca facilmente
7' Sinistro di Rakitic dopo una penetrazione centrale, palla deviata in corner
3' Tunnel di D'Ambrosio a Firpo, che trattiene il numero 33 nerazzurro e si prende il giallo
1' Si riparte con gli stessi 22 del primo tempo. Forza ragazzi, FORZA INTER!!!

Biraghi
4.54
4.54
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Handanovic
5.31
5.31
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
D'Ambrosio
5.46
5.46
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Brozovic
4.88
4.88
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Skriniar
5.78
5.78
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Valero
5.33
5.33
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Vecino
4.63
4.63
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Politano
4.38
4.38
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Martínez
7.62
7.62
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
de Vrij
6.3
6.3
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Esposito
5.27
5.27
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Godin
5.67
5.67
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Lazaro
3.59
3.59
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Lukaku
4.84
4.84
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Media squadra 5.26 INVIA VOTI
8 tiri porta 5
5 tiri fuori 6
13 falli fatti 11
4 angoli 1
5 fuorigioco 1
36% possesso 64%

L'Inter non ha mai perso una partita interna contro squadre spagnole in Champions League/Coppa Campioni (6V, 6N, 0P). I nerazzurri hanno giocato più partite casalinghe di Champions League/Coppa Campioni contro squadre spagnole senza sconfitta rispetto a formazioni di qualsiasi altro paese (12).

Il Barcellona, che ha vinto il suo gruppo in Champions League per la 13ª stagione consecutiva, potrebbe vincere due trasferte consecutive nella competizione per la prima volta da aprile 2015.

Il Barcellona ha perso solo una delle ultime 33 partite della fase a gironi di Champions League (1-3 v Man City a novembre 2016). Gli spagnoli sono imbattuti da 19 partite in questa fase (13V, 6N), solo il Real Madrid ha registrato una striscia senza sconfitte più lunga nelle fasi a gironi della competizione (30 tra il 2012 e il 2017).

Il Barcellona non ha trovato il gol già in due partite di questa Champions League (0-0 contro il Dortmund alla 1ª giornata e 0-0 contro lo Slavia Praga alla 3ª). Non ha mai mancato l’appuntamento con la rete in tre diverse partite della fase a gironi in una singola edizione della competizione.

Luis Suarez del Barcellona ha segnato due gol nella sfida d’andata in questa stagione - solo contro la Roma (2015-16) e il PSG (2014-15) l'uruguaiano ha segnato tre reti contro una singola squadra in una singola stagione di Champions League.

Lionel Messi del Barcellona non è riuscito a segnare in tutte e quattro le sue presenze in Champions League contro l'Inter, anche se ha fornito un assist nell'ultima, per il gol della vittoria di Luis Suarez.

Il Barcellona non schierava una formazione titolare più giovane rispetto a quella di questa sera (25 anni e 237 giorni) in Champions League dall'11 dicembre 2018 (vs Tottenham - età media 25 anni e 17 giorni) - anche in quel caso l'ultima gara della fase a gironi.

Il Barcellona è rimasto imbattuto nelle ultime sette partite di Champions League senza Lionel Messi (6V, 1N).

Carles Pérez ha segnato sia all'esordio in Liga che in Champions League con il Barcellona.

Carles Pérez (21 anni e 297 giorni) è lo spagnolo più giovane a segnare all'esordio in Champions League a partire da Cristian Tello (20 anni e 209 giorni) v Bayer Leverkusen a marzo 2012.

Quattro delle sei precedenti partite tra Inter e Barcellona a San Siro sono terminate in pareggio, con una vittoria per parte a completare il bilancio.

Con una Vittoria l'Inter raggiungerà la fase a eliminazione diretta della Champions League per la nona volta nelle ultime 10 partecipazioni alla competizione, l’unica eccezione è stata nella scorsa stagione.

Lautaro Martínez ha segnato in ciascuna delle sue ultime quattro partite di Champions League per l'Inter in questa stagione, cinque gol in totale. Nessun giocatore dell'Inter ha mai trovato il gol in cinque presenze consecutive di Coppa dei Campioni/Champions League, con Samuel Eto’o nel 2010 l'ultimo a riuscirci per quattro di fila.

Romelu Lukaku ha preso parte attiva a quattro gol nelle ultime due presenze di Champions League, tante quante nelle precedenti 14 gare nel torneo.

Per la seconda volta in carriera Romelu Lukaku ha segnato in due match consecutivi di Champions League - la prima nelle prime due gare in assoluto nel torneo (nel settembre 2017 con il Man Utd).

Tutte le ultime sette reti dell'Inter tra Serie A e Champions League sono state firmate dal duo Lukaku (tre) -Martinez (quattro).

vittorie(1) pareggi(3) sconfitte(1)

MILANO - Poi arriverà anche il momento delle analisi, dei ragionamenti. Ma adesso, al fischio finale di Kuipers, San Siro non può far altro che tributare un grande, sentito e sincero applauso ai nerazzurri in campo. Che escono sconfitti dal Barcellona, eliminati dalla Champions League, delusi per l'andamento di un match che, a giuidicare da occasioni e giocate, poteva essere nostro. L'impegno e il cuore sono stati totali, la dedizione e la ricerca della vittoria non sono mancate nemmeno dopo l'1-2 mortifero del giovane Ansu Fati. Finisce qui la nostra Champions League, complice quella sfortunata notte di Dortmund. Il Borussia fa il suo, battendo 2-1 lo Slavia Praga tra mille patemi. L'Inter dei 18 tiri, del gol di Lukaku, delle tre reti annullate (tutte giustamente per fuorigioco) si ritrova in Europa League. Abbiamo dato tutto, come ha chiesto il mister.

Con il primo posto già in cassaforte, Valverde arriva a Milano con la possibilità di dare un turno di riposo ad alcuni elementi: Messi rimasto a Barcellona, Suarez e De Jong in panchina. Il Barcellona però ha una miniera di qualità e si presenta a San Siro con un 3-4-1-2 nel quale Rakitic e Vidal danno peso ed esperienza in una mediana con Alena, Firpo e Wague, a supportare Griezmann e Carles Perez, al debutto in Champions. Un modulo che cerca di specchiare quello di Antonio Conte e nel quale l'ago della bilancia è Vidal: più alto dei due mediani, col compito di disturbare Brozovic e di buttarsi negli spazi con i suoi tempi di inserimento. 

La partenza, però, è tutta a tinte nerazzurre. Un avvio di gara sospinto dall'energia di un San Siro caldissimo. Le occasioni sono in serie per l'Inter, che è brava a innescare le punte alle spalle dei centrocampisti. Duelli totali, quelli di Lautaro e Lukaku contro la difesa a tre blaugrana, che portano alla conclusione, alta, D'Ambrosio. E' lo squillo per iniziare a pié sospinto. Al 7' Lukaku trova il gol, ma in offside. Le possibilità per trovare il vantaggio sono addirittura clamorose: al 10' Lukaku si fa murare la conclusione a colpo sicuro da Lenglet, al 19' è il sinistro di Biraghi a scaldare i guantoni di Neto. Una partecipazione corale che subisce un colpo d'arresto all'improvviso. Al 23' il Barcellona trova il vantaggio con Carles Perez, svelto di sinistro a fulminare Handanovic dopo un intervento di Godin a fermare Vidal. L'attaccante spagnolo è la vera scheggia impazzita per il Barcellona: già al 9' aveva costretto Handnaovic alla grande parata. L'Inter accusa il colpo e per 10' non trova più le contromisure e le giocate per aprire il campo, tanto è vero che Lenglet spreca un'incredibile chance per raddoppiare. Poi l'Inter ricomincia a spingere: lo fa con coraggio, grazie agli strappi di Lautaro. Il sinistro del Toro trova Neto, poi D'Ambrosio non trova la deviazione. Infine il pareggio meritatissimo: Lautaro protegge un pallone difficilissimo al limite e lo serve a Lukaku, il cui sinistro deviato batte Neto. Un gol bello e atteso, necessario e voluto. 

La ripresa nerazzurra è un mix di tensione, forza di volontà e anche qualche errore di misura in più. Il Barcellona è più in controllo e nel primo quarto d'ora gestisce il pallone con un ritmo più compassato. Perez è il velocizzatore di ogni azione offensiva del Barcellona e l'ispiratore: Griezmann impegna severamente Handanovic. Ma i nerazzurri hanno cuore e gambe per andare alla ricerca di una vittoria necessaria. Nel giro di tre minuti si materializzano due incredibili occasioni per Romelu Lukaku: al 61' spara su Neto da pochi passi, poco dopo lo salta senza trovare più il pallone. Sono lampi più estemporanei ma di incredibile volontà. Lautaro sale in cattedra e, come fatto per tutta la partita, crea occasioni dal nulla, giostrando a piacere con i centrali del Barcellona. Al 72' il suo sinsitro sfiora il palo, poi in sei minuti trova due gol belli ma inutili, annullati entrambi giustamente per off-side. Lo sforzo è massimo, il pareggio non basta, perché il Borussia Dortmund conduce per 2-1 sullo Slavia Praga. Conte getta nella mischia Politano ed Esposito per un tutto per tutto disperato e arrembante, che lascia però ampi spazi ai contropiedi dei blaugrana.

La sentenza sul match la mette il più giovane in campo: Ansu Fati, classe 2002, con un destro da fuori che bacia il palo fulmina Handanovic. E' il colpo dell'1-2, quello che chiude definitivamente, all'87', il cammino in Champions League dei nerazzurri. I quali, fieri e mai domi, provano con un ulteriore moto d'orgoglio a gettarsi in avanti. Non arrivano gol, ma gli applausi dei tifosi nerazzurri che salutano con grande affetto e riconoscenza l'immenso sforzo dei ragazzi di Conte.

Si chiude quindi così l'avventura nella Champions League 2019/2020: con il terzo posto nel Gruppo F l'Inter ora è attesa dal sorteggio dei sedicesimi di finale in Europa League. Lunedì sapremo da dove ripartirà il nostro viaggio europeo. #ForzaInter, sempre

INTER-BARCELLONA 1-2

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 2 Godin, 6 de Vrij, 37 Skriniar; 33 D'Ambrosio (16 Politano 75'), 8 Vecino, 77 Brozovic, 20 Borja Valero (30 Esposito 77'), 34 Biraghi (19 Lazaro 68'); 9 Lukaku, 10 Lautaro.
A disposizione: 27 Padelli, 21 Dimarco, 87 Candreva, 95 Bastoni.
Allenatore: Antonio Conte.

BARCELLONA (3-4-1-2): 13 Neto; 6 Todibo, 23 Umtiti, 15 Lenglet; 16 Wague, 4 Rakitic (21 De Jong 62'), 19 Alena, 24 Junior Firpo; 22 Vidal; 17 Griezmann (9 Suarez 62'), 27 Perez (31 Ansu Fati 85').
A disposizione: 1 ter Stegen, 5 Busquets, 33 Araujo, 35 Morer
Allenatore: Ernesto Valverde.

Marcatori: 23' Perez (B), 44' Lukaku (I), 87' Ansu Fati (B)
Ammoniti: Lenglet (B), Borja Valero (I), Junior Firpo (B), de Vrij (I), Godin (I)
Recupero: 2' - 

Arbitro: Björn Kuipers (NED)
Assistenti: Sander van Roekel, Erwin Zeinstra
Quarto Uomo: Serdar Gözübüyük
VAR e Assistente VAR: Paulus van Boekel, Dennis Johan Higler

in campo

Handanovic 1 13 Neto
Godin 2 16 Wague
de Vrij 6 23 Umtiti
Skriniar 37 15 Lenglet
D'Ambrosio 33 24 Junior Firpo
Vecino 8 4 Rakitic
Brozovic 77 6 Todibo
Valero 20 22 Vidal
Biraghi 34 19 Alena
Martínez 10 17 Griezmann
Lukaku 9 27 Perez

panchina

Padelli 27 1 ter Stegen
Politano 16 5 Busquets
Lazaro 19 9 Suarez
Dimarco 21 21 De Jong
Esposito 30 31 Ansu Fati
Candreva 87 33 Araujo
Bastoni 95 35 Morer

Scegli le azioni e rivivi la partita in ogni singolo dettaglio.