Risultato finale

12 Dicembre 2007 20:45

PSV Eindhoven
0 - 1
Inter
19' (2t) Cruz
arbitro Markus Merk / guardalinee , / 4° uomo
MinutiCronaca
46'Si chiude sul punteggio di 0-0 la prima frazione di gioco
45'Il direttore di gara Merk concede 1 minuto di recupero
40'Suazo penetra in area dalla sinistra, tiro di Crespo che diventa un assist per Cruz, conclusione potente, un difensore avversario respinge con un braccio in prossimità della linea di porta
38'Lazovic, entra in area, supera Materazzi e calcia d'interno a giro sul palo lungo, la palla termina a lato di un soffio
31'Pregevole combinazione Cruz-Maxwell, la conclusione del brasiliano è deviata in angolo
28'Espulso Mendez che atterra da tergo Suazo lanciato a rete da Materazzi
26'Calcio di punizione di Zonneveld da oltre 30 metri, conclusione tagliata che sfiora il palo alla sinistra di Julio Cesar
21'Stop di petto e conclusione di collo destro di Culina, Julio Cesar blocca in presa
17'Suazo riceve palla sulla trequarti, supera un avversario e calcia a rete, la palla termina alta sopra la traversa della porta di Gomes
7'Solari servito da Suazo entra in area e calcia a rete di sinistro, Gomes è chiamato ad una difficile respinta di piede
4'Punizione di Farfan dai 25 metri respinta dalla barriera nerazzurra
2'Cross dalla sinistra, conclusione di controbalzo di Culina che sfiora il palo alla sinistra di Julio Cesar
1'Calcio d'inizio battuto dai padroni di casa
MinutiCronaca
46'Termina l'incontro, l'Inter passa anche a Eindhoven, grazie al gol di Cruz
45'Calcio di punizione per gli olandesi dal limite dell'area, calcia Jonathan, palla sulla barriera
45'Il direttore di gara Merk concede un solo minuto di recupero
41'Nuovo cambio tra i nerazzurri: dentro Zanetti, fuori Maxwell
40'Cambiasso lancia Suazo in profondità, conclusione potente ma imprecisa che si perde sul fondo
39'Jonathan rileva Lazovic
38'Perez supera Materazzi e calcia a giro dal limite dell'area, palla di poco a lato
35'Solari arpiona un cross proveniente dalla fascia sinistra, spettacolare veronica e conclusione che si infrange sulla base del palo
30'Esordio in prima squadra per Puccio che rileva Cruz
29'Alcides atterra Suazo lanciato a rete
23'Mancini inserisce Cambiasso al posto di Chivu
20'Aissati rileva Afellay
19'Suazo si beve mezza difesa avversaria e sforna un assist al bacio per Cruz che di sinistro tocca in rete da distanza ravvicinata
17'Wouters inserisce Perez al posto di Farfan
15'Assist di Suazo per Cruz che controlla il pallone, entra in area e calcia sorprendentemente alto da ottima posizione
13'Conclusione potente ma imprecisa di Salcido dal vertice sinistro dell'area interista, la sfera sorvola la traversa della porta di Gomes
10'Combinazione Cruz-Maxwell-Cruz, la conclusione dell'argentino termina alta di pochissimo
4'Punizione di Farfan dai 25 metri respinta dalla barriera nerazzurra
1'Si apre la seconda frazione di gioco: calcio d'avvio battuto dai nerazzurri
Zanetti
7.68
7.68
Cordoba
7.52
7.52
Materazzi
7.66
7.66
Crespo
6.92
6.92
Cruz
8.14
8.14
Cambiasso
7.96
7.96
Solari
7.13
7.13
Julio Cesar
7.48
7.48
Maxwell
7.44
7.44
Bolzoni
7.74
7.74
Suazo
8.96
8.96
Rivas
7.49
7.49
Chivu
7.91
7.91
Puccio
7.57
7.57
Media squadra7.69
1tiri porta3
11tiri fuori6
13falli fatti13
3angoli3
2fuorigioco2
27:28possesso25:11
L'arbitro Merk

Markus Merk, della federazione tedesca, è nato il 15 marzo 1962 a Kaiserslautern ed è internazionale dal 1992. Nelle coppe europee 2007/08 ha diretto 2 gare: Celtic-Milan 2-1 e Liverpool-Besiktas 8-0 (fase a gironi Champions League). Primo incrocio tra Merk e Psv. L’Inter ritrova il fischietto tedesco dopo la famosa notte del derby europeo sospeso contro il Milan per i lanci a Dida e dato poi perduto 0-3 a tavolino dai nerazzurri; in assoluto i nerazzurri vantano precedenti con Merk, nei quali il bilancio è di 4 vittorie, 1 pareggio e la sconfitta di cui sopra.

La sfida Wouters-Mancini

Primo confronto ufficiale assoluto tra Wouters e Mancini.

La sfida PSV-Inter

Primo confronto ufficiale assoluto tra Psv Eindhoven ed Inter in terra olandese.

La sfida PSV-Italia

Il Psv Eindhoven ospita per l’ottava volta una rivale italiana in gare ufficiali e finora non ha mai pareggiato: 6 successi ed 1 sconfitta, il bilancio. Da notare che in queste 7 gare interne gli olandesi hanno sempre segnato, per un totale di 12 gol all’attivo.

La sfida Inter-Olanda

L’Inter è alla nona trasferta ufficiale in Olanda (conteggiando anche la finale della coppa Campioni 1971/72 perduta per 0-2 a Rotterdam contro l’Ajax) e finora ha un bilancio di 1 vittoria, 4 pareggi e 3 sconfitte.

Psv agli ottavi di finale se...

Per accedere agli ottavi di finale il Psv deve assolutamente vincere e sperare che non faccia altrettanto il Fenerbahçe. Gli olandesi hanno infatti un punto di ritardo rispetto ai turchi ma per sopravanzarli in classifica devono operare il sorpasso: in caso di arrivo a pari merito a quota 8 punti (unico caso possibile), infatti, il Psv sarebbe eliminato dalla Champions League a causa degli scontri diretti negativi: pareggio casalingo per 0-0 e sconfitta per 0-2 in Turchia. Se il Psv non riuscisse a qualificarsi per gli ottavi avrebbe comunque la certezza di essere ripescato in coppa Uefa, avendo 7 lunghezze di vantaggio sul fanalino di coda Cska Mosca.

Inter già certa del primato

Grazie al successo casalingo per 3-0 contro il Fenerbahçe, l’Inter ha guadagnato non solo l’aritmetica qualificazione agli ottavi di finale di Champions League, ma anche la certezza di chiudere al primo posto il proprio girone.

Inter a –2 dai 200 conquistati in coppa Campioni/Champions League….

L’Inter sta per tagliare il traguardo dei 200 punti conquistati nella propria storia nella coppa Campioni/Champions League: sono infatti 198 i punti ottenuti fino a questo momento dai nerazzurri nella competizione, sommando il periodo in cui la vittoria valeva 2 e quello odierno in cui vale 3. Il primo punto è datato 18 settembre 1963, 0-0 a Liverpool contro l’ Everton.

….e ad un passo dal 100° risultato utile nel torneo

Con 63 vittorie e 36 pareggi in 124 gare disputate in coppa Campioni-Champions League, l’Inter è ad un passo dal 100° risultato utile nella massima competizione europea. Anche in questo caso il primo risultato positivo è lo 0-0 a casa-Everton nel settembre 1963.

Un solo k.o. nelle ultime 11 gare europee in assoluto

L’Inter ha perduto solamente una delle ultime 11 gare europee disputate in assoluto: è accaduto il 19 settembre scorso quando, in Champions League, venne sconfitta per 0-1 proprio in casa del Fenerbahçe. Nelle altre 10 gare prese in esame i nerazzurri hanno un bilancio di 7 successi e 3 pareggi.

Inter imbattuta da 16 partite ufficiali

L’ultima sconfitta ufficiale dell’Inter risale al 19 settembre scorso: 0-1 in casa del Fenerbahçe, in Champions League. Da allora lo score nerazzurro, tra serie A e Champions League, è di 13 vittorie e 3 pareggi.

Inter a porta chiusa in assoluto da 411’

L’Inter non subisce gol in assoluto in gare ufficiali dal 24 novembre scorso quando, in serie A, si impose in casa per 2-1 contro l’Atalanta. L’autore del gol bergamasco fu Floccari al 39’: da allora si contano i restanti 51’ di quel match, più le intere gare vinte contro Fenerbahçe (3-0 casalingo in Champions League), Fiorentina (2-0 esterno in campionato), Lazio (3-0 interno in serie A) e Torino (4-0 casalingo in campionato), per un totale di 411’ di inviolabilità.

DA IMPLEMENTARE
vittorie(1)pareggi(0)sconfitte(0)

EINDHOVEN (Olanda) - Quinta vittoria consecutiva in Uefa Champions League, diciasettesimo risultato utile tra campionato ed Europa: l'Inter non si ferma neppure quando (come dicevano tutti alla vigilia... ) avrebbe dovuto solo timbrare il cartellino della presenza. Invece, e Roberto Mancini lo aveva sottolineato, questa squadra ha una sola mentalità, un solo obiettivo nella sua testa: il successo. Gli ultimi tre punti nel girone trionfale di qualificazione agli ottavi li firma Julio Ricardo Cruz, al decimo sigillo stagionale. Prima gara da titolare in Champions per Francesco Bolzoni, esordio assoluto per Gabriele Puccio. Ci sono solo belle cose da ricordare.

Già qualificata da prima del gruppo, l'Inter scende in campo con una formazione studiata su misura da Mancini per distribuire al meglio le forze disponibili, ma rispettando il palco europeo. Infatti, tra i giovani, l'unico titolare (ed è la prima volta nella Uefa Champions League) è Francesco Bolzoni, alla terza presenza ufficiale in prima squadra. E l'attacco è un tridente intrigante: Julio Ricardo Cruz, Hernan Crespo, David Suazo. In difesa, con Ivan Cordoba a destra, al centro ritorna Nelson Rivas, il colombiano che - malgrado la sconfitta - bene si era comportato a Istanbul. Il Psv sgomita ancora per la qualificazione e si fa vedere subito con Culina: destro a lato (1'). Pronta la replica nerazzurra (7'), ed è la prima palla-gol: bel duetto in velocità Suazo-Solari, il tiro in corsa dell'argentino è respinto con i piedi da Gomes.

Gli olandesi non pressano, l'Inter è compatta, difende dietro la linea della palla e (18') ci prova ancora con Suazo: conclusione alta dal limite. Sembra una partita appesa al filo della tranquillità. Julio Cesar (21') controlla un tentativo di Culina. È velenosa una punizione di Zonneveld (26'), peccato che il fallo di Rivas dalla quale "nasce" non c'era. Quando il Psv sembra poter spingere, un millimetrico rilancio lungo di Marco Materazzi (alla seconda consecutiva da titolare) innesca Suazo che viaggia velocissimo verso la porta, poi viene agganciato e steso al limite da Mendez. Fallo netto da ultimo uomo: espulsione (28') sacrosanta fischiata dal tedesco Marcus Merk alla sua ultima desigrazione Uefa (raggiunti limiti d'età).

Per gli olandesi giocare in inferiorità numerica è ancora più difficile, allora ci provano con il contropiede. Lazovic (37') fa tutto da solo, anche bene, però calcia a lato. Un minuto dopo ecco un'armonica azione d'attacco nerazzurra che lancia al cross corto da sinistra Suazo, Crespo fa cilecca in mezzo all'area (strano, ma può capitare anche a lui... ), Cruz arriva da destra e conclude in diagonale. A terra Gomes e Zonneveld (quest'ultimo forse con un braccio) respingono in qualche modo sul primo palo. Il primo tempo si chiude qui, col dubbio da rigore: 0-0.

La prima conclusione nel secondo tempo è di Afellay (49'): una telefonata per Julio Cesar. Che bella la trinagolazione Suazo-Cruz-Maxwell: dopo aver dettato l'azione, Cruz arriva in area per la conclusione, che è da applausi, seppur alta (54'). L'Inter quando cambia la marcia è spettacolo, il Psv cerca di fare la comunque la partita malgrado l'inferiorità numerica. Clamorosa (60') palla gol per i nerazzurri: Crespo recupera di testa la palla a centrocampo e serve Suazo, attira i difensori attorno a sè, quindi smista a Cruz che, tradito da un rimbalzo fasullo del pallone, da solo calcia molto, molto alto.

L'Inter non si ripete mai. Soprattutto se sbaglia. Infatti, al minuto 64, nerazzurri in vantaggio: Suazo decolla sulla fascia sinistra, salta due avversari in corsa, fa girare la testa a Salcido e la passa a Cruz, che ha seguito l'azione e arriva puntuale al tocco in porta: 0-1, decima rete stagionale per il bomber argentino, un gol a partita, una sentenza di bravura. Il Psv ha ancora il coraggio di provarci, ma la coppia Rivas-Materazzi, con l'aiuto dei terzini Cordoba e Maxwell, abbassa la saracinesca.

E' il minuto 75 quando Gabriele Puccio, classe 1989, timbra la sua prima presenza ufficiale con l'Inter. Il centrocampista entra al posto di Cruz e si sistema sulla fascia sinistra di un modulo che è ora 4-4-2: è il 19esimo Primavera al quale Mancini regala l'emozione dell'esordio in prima squadra, il secondo consecutivo (dopo Bolzoni all'andata sempre contro il Psv) che parte addirittura dalla Champions League. Sfortuna nerazzurra (80'): un elegantissimo Solari (spostato a destra nel finale) addomestica uno strano pallone, incrocia un diagonale perfetto, ma il palo gli stoppa la gioia in gola. E Crespo, rapacemente appostato, non arriva per un soffio sul rimbalzo. Dopo quattro giri d'orologio una nuova occasione per Suazo, ma il tiro in corsa è smirato. Va bene lo stesso. Vince l'Inter, ancora. Ed è giusto così.


PSV: 1 Gomes; 24 Marcellis, 3 Salcido, 13 Alcides, 8 Mendez; 6 Simons, 20 Afellay (64' Aissati), 15 Culina, 5 Zonneveld; 17 Farfan (61' Perez), 9 Lazovic (83' Jonathan).

A disposizione: 21 Roorda, 14 Rajkovic, 23 Fagner, 28 Bakkal.

All.: Wouters.

INTER: 12 Julio Cesar; 2 Cordoba, 24 Rivas, 23 Materazzi, 6 Maxwell (85' Zanetti); 36 Bolzoni, 26 Chivu (67' Cambiasso), 21 Solari; 9 Cruz (75' Puccio), 18 Crespo, 29 Suazo.

A disposizione: 22 Orlandoni, 13 Maicon, 35 Esposito, 38 Federici.

All.: Mancini.

ARBITRO: Marcus Merk (Germania).

MARCATORI: 64' Cruz;

NOTE - Serata fredda, terreno in buone condizioni, ma scivoloso. Espulsi: Mendez (28' pt) per fallo da ultimo uomo. Recupero: 1' pt.; 2' st. Calci d'angolo: 3-3 per l'Inter.

in campo

Gomes12 Julio Cesar
Marcellis2 Cordoba
Salcido24 Rivas
Alcides23 Materazzi
Mendez6 Maxwell
Simons21 Solari
Afellay47 Bolzoni
Culina26 Chivu
Zonneveld18 Crespo
Farfan9 Cruz
Lazovic29 Suazo

panchina

Roorda22 Orlandoni
Perez4 Zanetti
Rajkovic46 Esposito
Aissati37 Puccio
Fagner19 Cambiasso
van der Leegte13 Maicon
Jonathan38 Federici