Risultato finale

15 Maggio 2021 18:00

Juventus
43' (2t) Cuadrado (R)
48' Cuadrado
24' Cristiano Ronaldo
3 - 2
Inter
38' (2t) Aut Chiellini
35' Lukaku (R)
arbitro Gianpaolo Calvarese / guardalinee Longo, Valeriani / 4° uomo Guida / assistenti Irrati, Peretti
Guarda gli highlights

Minuti Cronaca
49' Si chiude la prima frazione di gioco a Torino: Juventus in vantaggio 2-1 sui nerazzurri grazie ai gol di Cristiano Ronaldo e Cuadrado dopo il pareggio momentaneo su rigore di Lukaku
48' La Juventus ritrova il vantaggio con il destro di Cuadrado deviato da Eriksen
46' Colpo di testa di Rabiot sul cross di Danilo. Blocca in due tempi Handanovic
45' Segnalati tre minuti di recupero
43' Destro dal limite di Chiesa, deviazione provvidenziale di Skriniar di testa. Corner per la Juventus
41' Incursione di Danilo che dopo un rimpallo prova a beffare Handanovic con un tocco in allungo. Palla sul fondo
37' Palla in profondità per Hakimi, che accende il turbo ma non può arrivare prima dell'uscita bassa di Szczesny
35' GOL! GOOOOOOL! GOOOOOOOOOOOOOOOOL! Lukakuuuuuuu! "Big Rom" dal dischetto non sbaglia e spiazza Szczesny per il pareggio nerazzurro: 1-1!!!
34' Calvarese concede calcio di rigore dopo un'altra on field review: questa volta per un pestone di De Ligt su Lautaro
32' Destro da fuori area di Danilo. Palla distante dalla porta di Handanovic
28' Hakimi cerca il filtrante per Brozovic, chiude la difesa della Juventus
24' Handanovic respinge il rigore di Cristiano Ronaldo, che però riesce a mettere dentro sulla ribattuta portando in vantaggio la Juventus
23' Il numero 36 nerazzurro viene anche ammonito
22' Calvarese concede calcio di rigore dopo on field review per una leggera trattenuta in area di Darmian su Chiellini
21' Errore in fase di impostazione di Bastoni, la Juventus riparte e prima Chiesa poi Kulusevski vengono murati. Corner per la formazione di casa
20' Trattenuta e fallo tattico di Bentancur su Lautaro: secondo cartellino giallo per la Juventus
17' Gioco fermo per un problema a Lukaku dopo uno scontro aereo con Rabiot
13' Ammonizione per Kulusevski dopo un pestone duro su Hakimi
11' Sponda aerea di Chiesa per la conclusione di Kulusevski da posizione favorevolissima, ma Skriniar è miracoloso nel deviare di testa in corner
8' Fase di studio per le due squadre, che fanno girare palla senza trovare però spazi nelle maglie avversarie, strettissime al momento
3' Lautaro servito in profondità, vince il duello fisico con De Ligt ma davanti a Szczesny viene fermato dall'intervento di Calvarese che giudica fallosa la spallata del "Toro"
1' È iniziato in questo momento il match: il fischio di Calvarese permette alla Juventus di giocare il primo pallone del derby d'Italia. Forza ragazzi, FORZA INTER!
1' Tante novità rispetto alla vittoria contro la Roma nell'undici titolare, schierato con l'ormai consolidato 3-5-2: Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Eriksen, Darmian; Lautaro, Lukaku
1' Penultima giornata e ultima trasferta della Serie A 2020-2021 per l'Inter di Antonio Conte ospite della Juventus a cui i nerazzurri hanno scucito lo Scudetto meno di due settimane fa
Minuti Cronaca
49' Non cambia più il risultato all'Allianz Stadium. Finisce 3-2 per la Juventus un match deciso dagli episodi. Non bastano all'Inter Campione d'Italia il gol di Lukaku e l'autogol di Chiellini
47' Finisce in anticipo anche la partita di Brozovic. Ristabiita la parità numerica
47' Fallo tattico di Brozovic su Cuadrado: secondo cartellino giallo per il centrocampista nerazzurro
45' Ammonizione per Cuadrado dopo un intervento in ritardo su Barella
45' Saranno quattro i minuti di recupero
43' Proteste nerazzurre e Brozovic viene ammonito da Calvarese
43' Cuadrado batte Handanovic e riporta la Juventus in vantaggio
42' Calvarese concede un altro rigore alla Juventus dopo un contatto tra Perisic e Cuadrado
40' Ammonito Chiellini
38' GOL! GOOOL! GOOOOOOOOL! Pareggio nerazzurro con l'autorete di Chiellini su cross di Barella! Calvarese fischia fallo di Lukaku sul difensore, ma è Chiellini che trattiene "Big Rom": dopo on field review è 2-2!!!
37' Miracolo di Szczesny sul colpo di testa a botta sicura di Vecino, che si rende subito pericolosissimo sul cross perfetto di Perisic
35' Terza sostituzione per i nerazzurri: Vecino prende il posto di Bastoni
32' Ammonizione per Bastoni dopo un fallo su Cuadrado
32' Destro di Barella, smarcato dal filtrante di Brozovic. Il centrocampista nerazzurro però chiude troppo la sua conclusione. Palla sul fondo
30' Lautaro manda al tiro Perisic, ma il destro a giro del numero 14 nerazzurro dall'interno dell'area termina altissimo
29' Cartellino giallo per Lautaro, che in ritardo colpisce involontariamente De Ligt
29' Hakimi stoppa al limite dell'area piccola poi mette palla al centro ma De Ligt è sulla traiettoria e anticipa Lautaro
28' Secondo cambio per Conte: dentro Sensi per Eriksen
25' Dentro anche Demiral al posto di Chiesa
25' Cambio nella Juventus: Morata prende il posto di Cristiano Ronaldo
20' Lautaro trova il pareggio con una spettacolare rovesciata ma il gioco era fermo per un fallo fischiato da Calvarese dopo un tocco leggero di Lukaku su Chiellini
17' Palla tesa di Perisic dalla sinistra, De Ligt in scivolata salva la Juventus
13' Destro di Eriksen, che si incarica della battuta della punizione: Szczesny si distende a terra e blocca il pallone in due tempi
12' Pirlo corre ai ripari inserendo McKennie al posto di Kulusevski
10' È il secondo giallo per il centrocampista uruguaiano, che chiude in anticipo la sua partita. Juventus in dieci uomini
10' Bentancur stende Lukaku sulla trequarti, Calvarese fischia fallo ed estrae il giallo
9' Buona trama di un'Inter che spinge sull'acceleratore: Hakimi scambia con Lautaro ma poi sbaglia il cross dal fondo
7' Grande giocata di Lautaro, che si sposta il pallone sul destro e fa partire una conclusione a giro che sorvola di poco la traversa
5' Pressione alta dei nerazzurri: Lukaku va a murare il rinvio di Szczesny che è fortunato nel vedere il pallone terminare sul fondo
1' Si riparte! Forza ragazzi, FORZA INTER!
1' Un cambio per l'Inter in vista della ripresa: Perisic prende il posto di Darmian sulla corsia di sinistra

Handanovic
4.41
4.41
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Brozovic
4.54
4.54
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Perisic
3.96
3.96
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Skriniar
5.63
5.63
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Vecino
5.45
5.45
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Martínez
7.06
7.06
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
de Vrij
5.84
5.84
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Sensi
4.56
4.56
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Barella
5.09
5.09
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Bastoni
4.8
4.8
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Lukaku
4.94
4.94
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Eriksen
4.49
4.49
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Hakimi
4.76
4.76
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Darmian
4.28
4.28
2 3 4 5 6 7 8 9 10 X
VOTA
Media squadra 4.99 INVIA VOTI
6 tiri porta 2
3 tiri fuori 3
10 falli fatti 11
4 angoli 2
0 fuorigioco 0
52% possesso 48%

La Juventus ha subito gol in tutte le ultime 13 partite giocate in tutte le competizioni: potrebbe arrivare a 14 consecutive con almeno una rete al passivo per la prima volta dal 1955 (serie poi quella arrivata a 21 partite di fila).

Dopo la sconfitta per 0-3 contro il Milan, la Juventus potrebbe perdere due gare interne di Serie A per la prima volta dal marzo 2011 (in quell'occasione non trovò la rete in entrambi gli incontri).

Sfida tra le due squadre che hanno segnato più gol di testa in questo campionato: 14 l’Inter, 13 la Juventus; quella nerazzura è anche la formazione che ha incassato meno reti con questo fondamentale (solo tre, come lo Spezia).

Tra i giocatori attualmente nella rosa della Juventus, Juan Cuadrado è quello che ha segnato più reti contro l’Inter in Serie A (tre); dall’altra parte, tra i giocatori nella rosa attuale dell’Inter, solo Alexis Sánchez ha realizzato più di un gol contro la Juventus in campionato (due per il cileno).

Cristiano Ronaldo ha esordito nella prima squadra dello Sporting Lisbona il 14/08/2002 contro l’Inter nel terzo turno di qualificazione alla Champions League. Il portoghese ha segnato quattro reti in 10 sfide in tutte le competizioni contro i nerazzurri (5V, 4N, 1P).

In quattro sfide ufficiali con la maglia dell’Inter contro la Juventus, Romelu Lukaku non ha segnato alcun gol; nel suo periodo in nerazzurro, contro nessun’altra squadra ha disputato più match senza trovare il gol considerando tutte le competizioni – al pari di Atalanta e Verona.

Dopo il 2-0 della gara d'andata, l'Inter potrebbe vincere due partite consecutive contro la Juventus in Serie A per la prima volta dal 2003/04, con Alberto Zaccheroni in panchina.

L’Inter potrebbe tenere la porta inviolata in entrambe le gare stagionali di un campionato di Serie A contro la Juventus per la prima volta dal 1994/95 (in quel caso due pareggi a reti inviolate).

L'Inter non ha trovato il gol in nessuna delle ultime cinque trasferte di Serie A allo Stadium contro la Juventus; soltanto contro la Reggina (sette) i bianconeri vantano una striscia aperta più lunga di clean sheet consecutivi in casa nella competizione.

L'ultimo successo dell'Inter, allo Stadium, contro la Juventus in Serie A risale al novembre 2012 (3-1 con doppietta di Diego Milito e gol di Palacio); in quell'occasione, alla guida dei bianconeri c’era Antonio Conte.

Cristiano Ronaldo ha sbagliato due degli ultimi cinque rigori calciati con la Juventus, dopo che non aveva trasformato solo tre dei precedenti 29 tiri dagli 11 metri con i bianconeri in tutte le competizioni.

Nelle ultime 10 stagioni nei top-5 campionati europei, solo Andrea Consigli e Benoît Costil (entrambi 16) hanno parato più rigori di Samir Handanovic (14).

Romelu Lukaku è solo il 4° giocatore nella storia dell'Inter a segnare almeno 23 gol in due stagioni consecutive con i nerazzurri in Serie A, dopo Mauro Icardi, Stefano Nyers e Giuseppe Meazza.

Prima di Romelu Lukaku, l'ultimo giocatore che ha trasformato tutti i primi 12 rigori calciati in Serie A è stato Paulo Dybala, nel 2017.

vittorie(15) pareggi(19) sconfitte(68)

TORINO - Tre calci di rigore, due espulsioni, tre on-field-review. Juventus-Inter, mai partita banale. Finisce 3-2 per i bianconeri ma il risultato sembra davvero qualcosa di casuale, emerso in un vortice di episodi e chiamate arbitrali che hanno caratterizzato il match dell'Allianz Stadium. Prima Ronaldo, dopo il rigore parato da Handanovic, in gol sulla respinta; poi Lukaku dal dischetto, il tiro di Cuadrado deviato, l'autogol di Chiellini e infine il rigore sempre di Cuadrado dopo un presunto contatto con Perisic. L'Inter trova la terza sconfitta stagionale che non fa male, ovviamente: quando manca una giornata al termine della Serie A sono 88 i punti in classifica, 13 in più dei bianconeri.

Continuare a macinare punti, nonostante il traguardo sia già stato tagliato da due settimane. L'Inter Campione d'Italia scende in campo all'Allianz Stadium consapevole che il tricolore ora sulle maglie bianconere si sposterà presto sulle nostre, e si staglierà al centro del nerazzurro. Non è un motivo valido, lo Scudetto già conquistato, per prendere sotto gamba un derby d'Italia. Che, per inciso, ai bianconeri pesa come un macigno nella ricerca di un posto tra le prime quattro. La squadra di Conte, invece, è libera: di gambe e di pensiero. E la tensione classica di una sfida con i bianconeri viene diluita, per quanto possibile, dal titolo di Campioni d'Italia già in tasca.

Contro Sampdoria e Roma l'Inter aveva già dimostrato di non aver alzato il piede dall'acceleratore. Otto gol nelle ultime due partite, una dichiarazione di intenti chiara: non si molla nulla, fino in fondo. Torino, trasferta come sempre rovente, diventa il luogo simbolico della detronizzazione. Non ci si risparmia, in campo, tra scontri, duelli e contrasti che accendono il match, nonostante l'avvio nerazzurro non sia fulminante.

Più Juve, dopo il fischio d'inizio. Il nerazzurro più dominante è Skriniar, che in un paio di occasioni si oppone alla sua maniera a conclusioni avversarie, ergendo il classico muro. Quando al 23' Calvarese viene richiamato alla on-field-review dal VAR sugli sviluppi di una palla inattiva in campo regnano attimi nei quali non si coglie il motivo del richiamo al direttore di gara. Tutto si traduce in un giallo a Darmian e in un rigore per la Juventus: dal dischetto Ronaldo, con Handanovic che para alla grande. Sulla respinta, proprio come Ibrahimovic nel derby d'andata, il portoghese deposita in rete.

Uno svantaggio che non abbatte l'Inter e che di fatto non cambia la partita: Juve con il suo 4-4-2 che in fondo non punge e squadra di Conte con l'atteggiamento classico. Arriva al minuto 35 il pareggio dei nerazzurri, in un'occasione sviluppata con palla a terra e nella quale De Ligt colpisce Lautaro da dietro. Calvarese non se ne accorge, il VAR lo richiama e il rigore, netto, viene trasformato con la solita freddezza da Lukaku. La Juve ha bisogno de tre punti e nonostante con il gioco non riesca ad imporsi, ecco il nuovo vantaggio sul finire del primo tempo, con un destro dal limite di Cuadrado deviato da Eriksen. Handanovic battuto e al riposo con il 2-1 per i bianconeri.

La ripresa dell'Inter ha un obiettivo chiaro: schiacciare la Juve per cercare il pareggio. Il rosso per doppia ammonizione a Bentancur al 56' mette la Juve in grande difficoltà. Pirlo si copre e di fatto i biaconeri non escono mai dal centrocampo, con l'Inter stanziata nella metà campo biaconera alla ricerca del varco giusto. L'ingresso di Vecino nel  finale dà una scossa, con gli inserimenti dell'uruguaiano che mandano in tilt la retroguardia biaconera. L'Inter il pareggio lo trova con una bella palla tagliata di Barella per Lukaku: belga anticipato da Chiellini, che devia la palla nella propria porta. Autogol e... gol al momento annullato da Calvarese, che poi lo assegna in seguito alla on-field-review. Situazione simile a qualche minuto prima: Lautaro in gol con una semirovesciata meravigliosa e gioco fermo per un presunto contatto tra Lukaku e Chiellini, fischiato da Calvarese.

Non è finita: dopo il 2-2 ecco il  rigore che decide il match. Cuadrado punta Perisic e va a terra, l'arbitro assegna il rigore trasformato dal colombiano. Dubbi sulla concessione del penalty e finale di gara acceso, con Brozovic espulso per doppio giallo e con la pressione finale dell'Inter che non produce il gol del pareggio.

IL TABELLINO

JUVENTUS (4-4-2): 1 Szczesny; 13 Danilo, 4 De Ligt, 3 Chiellini, 12 Alex Sandro; 16 Cuadrado, 30 Bentancur, 25 Rabiot, 22 Chiesa (28 Demiral 70'); 44 Kulusevski (14 McKennie 58'), 7 C. Ronaldo (9 Morata 70').
A disposizione: 31 Pinsoglio, 77 Buffon, 5 Arthur, 8 Ramsey, 10 Dybala, 19 Bonucci, 33 Bernardeschi, 53 Felix Correira.
Allenatore: Andrea Pirlo.

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 37 Skriniar, 6 de Vrij, 95 Bastoni (8 Vecino 80'); 2 Hakimi, 23 Barella, 77 Brozovic, 24 Eriksen (12 Sensi 73'), 36 Darmian (14 Perisic 46'); 9 Lukaku, 10 Lautaro.
A disposizione: 27 Padelli, 97 Radu, 5 Gagliardini, 13 Ranocchia, 15 Young, 33 D'Ambrosio, 99 Pinamonti.
Allenatore: Antonio Conte.

Marcatori: 24' C. Ronaldo (J), 35' Lukaku (I) su rig., 48' pt Cuadrado (J), 83' autogol Chiellini (J), 88' Cuadrado (J) su rig.
Ammoniti: Kulusevski (J), Darmian (I), Lautaro (I), Bastoni (I), Chiellini (J), Cuadrado (J)
Espulsi: Bentancur (J) al 56' per doppia ammonizione; Brozovic (I) al 92' per doppia ammonizione.
Recupero: 3' - 4'.

Arbitro: Calvarese.
Assistenti: Longo, Valeriani.
Quarto Uomo: Guida.
VAR: Irrati.
Assistente VAR: Peretti.

in campo

Szczesny 1 1 Handanovic
Danilo 13 37 Skriniar
De Ligt 4 6 de Vrij
Chiellini 3 95 Bastoni
Alex Sandro 12 2 Hakimi
Cuadrado 16 23 Barella
Bentancur 30 77 Brozovic
Rabiot 25 24 Eriksen
Chiesa 22 36 Darmian
Kulusevski 44 9 Lukaku
Cristiano Ronaldo 7 10 Martínez

panchina

Buffon 77 97 Radu
Pinsoglio 31 27 Padelli
Arthur 5 5 Gagliardini
Ramsey 8 8 Vecino
Morata 9 12 Sensi
Dybala 10 13 Ranocchia
McKennie 14 14 Perisic
Bonucci 19 15 Young
Demiral 28 33 D'Ambrosio
Bernardeschi 33 99 Pinamonti
Felix Correira 53

Scegli le azioni e rivivi la partita in ogni singolo dettaglio.