Risultato finale

20 Febbraio 2016 20:45

Inter
28' (2t) Icardi
12' (2t) Miranda
23' D'Ambrosio
3 - 1
Sampdoria
47' (2t) Quagliarella
arbitro Davide Massa / guardalinee Marzaloni, De Pinto / 4° uomo Barbirati / assistenti Orsato, Pinzani
Guarda gli highlights
Minuti Cronaca
45' Si chiude senza recupero la prima frazione di gioco. 1-0 al "Meazza", con l'Inter in vantaggio grazie al gol di D'Ambrosio
43' Traversone dalla destra di Soriano, colpo di testa di Ranocchia, che non inquadra lo specchio della porta
42' Ammonizione per Brozovic, che era diffidato e salterà Juventus-Inter
39' Affondo di Eder, che affronta la difesa blucerchiato ma viene tradito da un rimpallo
35' Icardi per Eder, chiuso al momento della conclusione da Ranocchia
33' Ripartenza di Biabiany, steso da Dodò. Giallo per l'esterno blucerchiato
29' Altro intervento irregolare su Icardi. Questa volta l'autore è Cassani. Si riparte con una punizione per i nerazzurrri
23' GOOOOOOOOOOOOOL!!! Su corner di Brozovic, spizzata di Murillo e deviazione vincente di D'Ambrosio, che firma il vantaggio
23' Contropiede di Biabiany, che percorre 70 metri palla al piede e guadagna calcio d'angolo sulla chiusura di Cassani
20' Sugli sviluppi di un corner, destro dal limite di Biabiany. Palla fuori
18' Duro intervento da dietro di Ranocchia su Eder. Cartellino giallo per il difensore classe '88
13' Conclusione di prima intenzione di Quagliarella. Palla fuori di poco alla destra di Handanovic
12' Colpo di testa di Ranocchia. Palla alta sopra la traversa
11' Sinistro da distanza ravvicinata di Quagliarella. Handanovic respinge con il piede. Corner per la formazione blucerchiata
9' Conclusione di Fernando da fuori area. Palla distante dalla porta di Handanovic
7' Icardi cerca il filtrante per Eder. Palla leggermente troppo lunga per il numero 23 nerazzurro
4' Lancio in profondità per Eder, anticipato dall'uscita di Viviano
1' Comincia il match! Primo pallone giocato dalla formazione di Vincenzo Montella
1' Squadre in campo. L'Inter di mister Mancini si schiera con un 4-4-2 che vede Eder-Icardi come coppia d'attacco
1' Quasi tutto pronto a San Siro per il calcio d'inizio di Inter-Sampdoria
Minuti Cronaca
48' Finisce qui! L'Inter conquista i tre punti battendo la Sampdoria 3-1. In gol D'Ambrosio, Miranda e Icardi
47' Quagliarella, su assist di Muriel, batte Handanovic con un destro a incrociare che colpisce il palo interno e termina in rete: 3-1
45' Segnalati tre minuti di recupero
44' Handanovic respinge con il piede la conclusione di Muriel dall'interno dell'area
43' Ultimo cambio per Mancini: Jovetic per Brozovic
40' Conclusione dalla distanza di Gnoukouri, che non centra lo specchio della porta
39' Lazaros Christodoulopoulos fa il suo ingresso in campo al posto di Ricky Alvarez
37' Brozovic fermato per un fuorigioco inesistente. Proteste nerazzurre
34' Sostituzione anche nelle file blucerchiate: Krsticic rileva Correa
33' Secondo cambio per l'Inter: Biabiany lascia il posto a Gnoukouri
28' GOOOOOOOOOOOOOOL! Icardi elude l'intervento di Ranocchia, scappa palla al piede e trafigge Viviano: 3-0 al "Meazza"
27' Fallo di mano di Nagatomo. Cartellino giallo per lui
23' Cambio nella Sampdoria: Ivan lascia il posto a Muriel
22' Tentativo di Quagliarella, ma il gioco è fermo per posizione irregolare del numero 27 blucerchiato
17' Primo cambio nell'Inter: Eder lascia il posto a Ljajic
12' GOOOOOOOOOOOL!!! Miranda sfrutta la sponda di Felipe Melo e di testa batte Viviano per il 2-0
10' Icardi lavora bene il pallone in area e con il tacco prova a servire Perisic. La difesa della Sampdoria si salva in qualche modo
8' Perisic lanciato verso la porta blucerchiata viene fermato per un fuorigioco dubbio
6' Deviazione di Dodò per Ranocchia, che sbuca sul secondo palo ma non arriva in tempo per il tap-in vincente
5' Miranda trattiene Correa. Punizione sul lato corto dell'area per la Sampdoria e giallo per il difensore nerazzurro
2' Mischia nell'area blucerchiata, Melo colpisce la traversa ma l'arbitro ferma il gioco per un fallo del brasiliano su Silvestre
1' Via alla ripresa! Nessun cambio nelle due formazioni
Biabiany
6.93
6.93
Nagatomo
5.7
5.7
Handanovic
6.22
6.22
Icardi
6.94
6.94
D'Ambrosio
6.79
6.79
Gnoukouri
6.11
6.11
Brozovic
5.37
5.37
Miranda
6.58
6.58
Murillo
5.9
5.9
Jovetic
5.69
5.69
Perisic
5.46
5.46
Ljajic
5.48
5.48
Melo
6.05
6.05
Eder
5.3
5.3
Media squadra 6.04
3 tiri porta 3
3 tiri fuori 8
14 falli fatti 11
7 angoli 7
3 fuorigioco 7
44% possesso 56%
Scontri diretti

Sono 133 i precedenti nella massima Serie tra queste due squadre: nerazzurri in netto vantaggio con 71 successi contro i 21 dei blucerchiati, 41 i pareggi.

Una sola vittoria per i doriani nelle ultime 10 gare contro l'Inter (il match di ritorno della scorsa stagione, 1-0), il bilancio dice cinque vittorie nerazzurre e quattro pareggi.

I blucerchiati sono riusciti a segnare più di un gol all'Inter solamente in una delle ultime 18 sfide di campionato: sconfitta per 3-2 nell'ottobre 2012.

Ben 17 match sono terminati a reti inviolate, l'ultimo al "Meazza" nel febbraio 2010 - lo 0-0 rimane il punteggio finale più frequente in questa sfida.

Focus allenatori, arbitro e disciplina

Roberto Mancini e Vincenzo Montella sono stati compagni di squadra da giocatori alla Sampdoria nella stagione 1996/97, l'ultima per il Mancio in blucerchiato, la prima per Montella con la Doria. In quella stagione misero insieme 37 gol: 22 Montella, 15 Mancini, contribuendo al 62% delle reti totali della Samp in quella Serie A.

Il bilancio di Montella contro l'Inter è di quattro vittorie, un pareggio e tre sconfitte in otto gare da allenatore.

Montella ha vinto la sua prima e unica gara da allenatore a San Siro contro l'Inter (e Mancini) proprio nel suo ultimo incrocio con i nerazzurri, lo scorso marzo quando allenava la Fiorentina.

12 i precedenti per Mancini contro la Sampdoria in Serie A: il tecnico ha perso una sola volta, vincendo in sei sfide e pareggiandone cinque.

ARBITRO E DISCIPLINA

Solo il Napoli commette meno falli dell'Inter (310 contro 330), ma solo l'Atalanta ha subito più espulsioni dei neroazzurri (11 contro otto).

68ª direzione di gara per Davide Massa in Serie A, alla sua sesta stagione nella massima competizione.

Sei vittorie per l'Inter nelle nove gare nel massimo campionato dirette dall'arbitro Massa (1N, 2P) - tutte e sei arrivate negli ultimi sette incontri.

Solo il Napoli commette meno falli dell'Inter (310 contro 330), ma solo l'Atalanta ha subito più espulsioni dei neroazzurri (11 contro otto).

SQUALIFICATI:
Inter: Kondogbia (2), Medel (1), Telles (1)
Sampdoria: -

DIFFIDATI:
Inter: Brozovic, Palacio
Sampdoria: Cassani, Correa, Ivan

Stato di forma

L'Inter ha raccolto sei punti nelle prime sei giornate di questo girone di ritorno: ne aveva conquistati 15 nelle stesse partite del girone d'andata.

Erano anche quattro i 'clean sheets' dell'Inter nelle prime sei giornate del girone d'andata: in queste sei di ritorno i nerazzurri ne hanno ottenuto solo uno (contro il Chievo).

Nessuna squadra di Serie A ha raccolto meno punti della Sampdoria nelle ultime 13 giornate di campionato (solo nove), da quando cioè Montella è subentrato alla guida dei blucerchiati.

In questo campionato la Sampdoria ha sempre subito gol in trasferta (24 in 12 partite), i doriani hanno raccolto solo quattro punti nelle ultime sette (una vittoria, un pareggio e cinque sconfitte).

Statistiche generali e curiosità

La Sampdoria è la terza formazione di questa Serie A per percentuale di tiri nello specchio (47%) e prima per percentuale realizzativa (18%), ma si ritrova solo al terz'ultimo posto per conclusioni totali (269). È anche la squadra che crossa di meno su azione in questa Serie A (230 cross in totale).

L'Inter è invece la squadra, con il Bologna, che segna meno di testa in campionato, solo due le reti.

I nerazzurri condividono un altro record con i felsinei, questa volta positivo: la sola rete subita da fuori area, primato in Serie A.

Sfida tra la terza difesa del campionato (l'Inter con 22 reti subite) e la penultima, la Sampdoria, con 43 gol subiti.

Attenzione ai corner: solo il Genoa (sei gol), ha subito più reti da calcio d'angolo di Inter e Samp (cinque ciascuna) in questa Serie A.  

Nessuna squadra ha subito più gol della Samp nella prima mezz'ora di gioco (14) in questo campionato, ma in quel parziale l'Inter in casa ha segnato solo un gol (Biabiany contro il Frosinone).

Inter e Samp non hanno mai vinto in questo campionato da situazione di svantaggio: tre pareggi e sei sconfitte in nove gare per la squadra di Mancini, tre pareggi e 12 sconfitte in 15 per la formazione di Montella.

Focus giocatori

Mauro Icardi ha esordito in Serie A con la Samp, andando subito in doppia cifra al primo campionato (10 gol in 31 partite): l'attaccante dell'Inter è andato a segno l'unica volta che ha incontrato la Samp al Meazza (gol su rigore nell'1-0 nerazzurro di ottobre 2014).

Éder, che con la Samp in questo campionato ha segnato 12 reti in 19 presenze,non è ancora andato a bersaglio in Serie A con la maglia dell'Inter, pur avendo giocato 334 minuti. Nella prima parte di stagione con i doriani viaggiava a una media di un gol ogni 137 minuti giocati. L'italiano ha realizzato una rete nell'unica volta che ha affrontato la Samp in Serie A da avversario: il gol è arrivato quando l'italobrasiliano vestiva la maglia del Brescia, il primo maggio 2011.

Dalla partenza di Eder, Luis Muriel si è fatto carico dell'attacco doriano: il colombiano ha partecipato a tre degli ultimi cinque gol della Sampdoria con due reti ed un assist. Muriel ha segnato quattro gol in Serie A contro l'Inter, tra cui due nelle sue tre presenze a San Siro contro i nerazzurri.

Rodrigo Palacio ha segnato quattro gol nelle sette partite di Serie A giocate contro la Sampdoria in maglia nerazzurra, mentre con il Genoa non aveva mai segnato ai blucerchiati nel derby di Genova.

Ivan Perisic ha segnato nella gara d'andata il suo primo gol in Serie A: il croato ha segnato però una sola rete nelle ultime 15 gare, servendo tre assist.

Stevan Jovetic ha segnato un solo gol nelle ultime 16 presenze (all'Udinese) e non è mai andato a bersaglio nelle ultime sei presenze: il montenegrino ha segnato un solo gol in cinque presenze di Serie A contro la Samp.

Sfida tra il portiere con la più alta percentuale di parate (Handanovic, 79%) e quello che ha fatto più parate (Viviano, 100) in questo campionato.

Dell'attuale rosa della Sampdoria, Roberto Soriano è quello che ha partecipato a più mercature in questo campionato: 11, frutto di sette gol e quattro assist.

L'Inter è la 'bestia nera' di Fabio Quagliarella: un solo gol in 18 sfide di Serie A contro i nerazzurri, in media meno di qualunque altra squadra incontrata almeno tre volte nel massimo campionato.

Ex della partita il portiere Tommaso Berni: tre presenze in blucerchiato nel campionato 2012/13; anche per Jonathan Biabiany un passato con la Sampdoria (16 presenze ed un gol nel 2010/11). Antonio Cassano è un altro grande ex della partita, per lui in maglia nerazzurra 28 presenze, sette gol e nove assist nella stagione 2012/13: contro l'Inter cinque le reti in 15 partite, compresa la prima in A con la maglia del Bari (era il 18 dicembre 1999). Altri ex sono Angelo Palombo (appena tre presenze nel 2012), Matias Silvestre (nove partite nel 2012/13) ed Emiliano Viviano (con l'Inter non ha mai debuttato in Serie A). In questo mercato di gennaio alla Samp sono arrivati dall'Inter anche Andrea Ranocchia (129 presenze e sei reti in cinque stagioni e mezzo), Ricky Alvarez (73 gettoni e 11 reti) e Dodò (20 presenze ma nessuna in questa stagione).

La prossima sarà per Yuto Nagatomo la presenza numero 150 in Serie A.

vittorie(36) pareggi(16) sconfitte(8)

MILANO - L'Inter ritrova i tre punti battendo 3-1 a San Siro la Sampdoria grazie alle reti nel primo tempo di D'Ambrosio e nella ripresa di Miranda e del capitano Mauro Icardi, che festeggia nel migliore dei modi i 23 anni compiuti ieri. Mancini sceglie un 4-4-2 con Biabiany e Perisic larghi sulle fasce e gli ex blucerchiati Icardi ed Eder davanti.

Primo acuto al minuto 6, quando Icardi prova a dialogare al limite dell'area con Eder ma non trova l'ultimo passaggio. Due minuti dopo ci provano gli ospiti: Brozovic perde un contrasto al limite il pallone arriva sui piedi di Fernando che con il destro non inquadra la porta. Insistono i blucerchiati, stavolta con Quagliarella che, defilato sulla destra, chiama alla respinta di piede Handanovic. Sul corner seguente ci prova Ranocchia, ma il colpo di testa termina alto. L'attaccante nato a Castellammare di Stabia è di nuovo pericoloso al 12', imbeccato in profondità da Correa: il destro di prima a incrociare termina a lato. Tra il 17' ed il 18' i nerazzurri conquistano due corner grazie alle iniziative di Biabiany e D'Ambrosio. Sul secondo il francese prova la conclusione da fuori area che sorvola la traversa della porta difesa da Viviano. Al 23' il vantaggio dei nerazzurri: corner battuto da Brozovic, Murillo prolunga sul secondo palo dove D'Ambrosio è lesto a battere a rete con il mancino da distanza ravvicinata. La reazione dei blucerchiati è letteralmente murata a centro area da Felipe Melo, che si oppone con il petto alla conclusione di Silvestre.

L'Inter continua a spingere sulla fascia destra con Biabiany, dove prima Dodò e poi Soriano dimostrano di soffrire la rapidità dell'attaccante francese. Per due volte Eder viene fermato all'ingresso in area, prima da Dodò in copertura e poi da Ranocchia. Gli ospiti tornano a farsi vedere sul finale di primo tempo con una conclusione volante di Quagliarella e ancora con Ranocchia sugli sviluppi di un calcio d'angolo, senza mai chiamare però Handanovic alla parata. La prima frazione termina senza recupero.

Stessi 22 in campo alla ripresa del gioco. Primo brivido al 5' della ripresa quando Miranda trattiene Correa all'ingresso dell'area dal lato corto. Sulla punizione che ne segue, calciata da Fernando, Dodò prolunga sul secondo palo dove Ranocchia arriva con un attimo di ritardo. Al 56' il raddoppio. Angolo che spiove sul secondo palo, Melo trova la sponda per Miranda che colpisce di testa: Viviano proteso in volo respinge, ma il pallone ha abbondantemente oltrepassato la linea e Massa assegna la rete. Montella prova a invertire l'inerzia del match inserendo Muriel per Ivan, ma è l'Inter a passare ancora al 73': Icardi sfugge alla marcatura di Ranocchia a metà campo e scappa verso la porta, resiste al recupero dei centrali blucerchiati e col sinistro supera per la terza volta Viviano.

Il ritmo cala inevitabilmente nel quarto d'ora finale. Gli ospiti si affidano a qualche sporadica fiammata di Muriel, i nerazzurri gestiscono il triplo vantaggio passando a 3 a centrocampo con l'ingresso di Gnoukouri per Biabiany. All'87' Muriel impegna Handanovic ad una respinta con i piedi sul primo palo, un minuto dopo l'ingresso in campo anche di Jovetic per Brozovic, che riporta l'Inter al 4-4-2 iniziale. Nei 3' di recupero concessi dall'arbitro Massa di Imperia c'è tempo per il gol della bandiera di Quagliarella, servito in profondità da Muriel e bravo ad incrociare con il destro una conclusione che sbatte sulla faccia interna del palo prima di infilarsi alle spalle di Handanovic.

 

INTER-SAMPDORIA 3-1
Marcatori: D'Ambrosio (23'), Miranda (56'), Icardi (73'), Quagliarella (92')

INTER: 1 Handanovic; 33 D'Ambrosio, 25 Miranda, 24 Murillo, 55 Nagatomo; 11 Biabiany (78' Gnoukouri 27), 83 Melo, 77 Brozovic (87' Jovetic 10), 44 Perisic; 23 Eder (63' Ljajic 22), 9 Icardi.
A disposizione: 30 Carrizo, 46 Berni, 5 Jesus, 8 Palacio, 21 Santon, 31 Zonta, 56 Popa, 97 Manaj.
Allenatore: Roberto Mancini

SAMPDORIA: 2 Viviano; 5 Cassani, 16 Ranocchia, 26 Silvestre; 95 Ivan (68' Muriel 24), 21 Soriano, 7 Fernando, 11 Dodo; 25 Alvarez (84' Lazaros 18); 27 Quagliarella, 10 Correa (78' Krsticic).
A disposizione: 1 Puggioni, 57 Brignoli, 4 Moisander, 8 Barreto, 9 Rodriguez, 17 Palombo, 29 De Silvestri, 37 Skriniar, 99 Cassano.
Allenatore: Vincenzo Montella

Ammoniti: Ranocchia (18'), Dodò (32'), Brozovic (42'), Miranda (50'), Nagatomo (72')

Recupero: 0' - 3'

Arbitro: Massa
Assistenti: Marzaloni, De Pinto
IV uomo: Barbirati
Assistenti addizionali: Orsato, Pinzani

in campo

Handanovic 1 2 Viviano
D'Ambrosio 33 5 Cassani
Miranda 25 16 Ranocchia
Murillo 24 26 Silvestre
Nagatomo 55 95 Ivan
Biabiany 11 21 Soriano
Melo 83 7 Fernando
Brozovic 77 11 Dodò
Perisic 44 25 Alvarez
Eder 23 10 Correa
Icardi 9 27 Quagliarella

panchina

Carrizo 30 1 Puggioni
Berni 46 57 Brignoli
Jesus 5 4 Moisander
Palacio 8 8 Barreto
Jovetic 10 9 Rodriguez
Santon 21 17 Palombo
Ljajic 22 18 Lazaros
Gnoukouri 27 20 Krsticic
Zonta 31 24 Muriel
Popa 56 29 De Silvestri
Manaj 97 37 Skriniar
99 Cassano