Conte: “Contro la Lazio una gara difficile, tra due squadre che vogliono superarsi”

CONTE: “CONTRO LA LAZIO UNA GARA DIFFICILE, TRA DUE SQUADRE CHE VOGLIONO SUPERARSI”

La conferenza del tecnico nerazzurro alla vigilia della sfida all'Olimpico

APPIANO GENTILE - L'Inter si prepara ad affrontare la Lazio di Simone Inzaghi, in uno scontro d'alta classifica valido per la 24^ giornata di Serie A TIM. Alla vigilia della sfida Antonio Conte ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Sportivo Suning: " È una partita ad alto indice di difficoltà, stiamo parlando di una squadra che è una realtà consolidata del campionato italiano, l’anno scorso hanno vinto la Coppa Italia, quest’anno la Supercoppa, la Lazio è cresciuta tanto in questi anni mantenendo i giocatori forti e piano piano aggiungendone altri, oltre al lavoro che sta facendo Simone Inzaghi. Come la definirei? Una partita tra due outsider del campionato italiano, credo sia la definizione migliore per la gara di domani”.

L’Inter arriva al match contro i biancocelesti dopo il successo nel #DerbyMilano e la sconfitta contro il Napoli in Coppa Italia: “Milan e Napoli sono due partite diverse, con il Milan c’è stata una gara giocata a tutto campo, a viso aperto e ne è uscita una sfida spettacolare, con sei gol segnati. Quella contro il Napoli è stata una partita diversa contro una squadra che ha attuato una strategia molto difensiva ottenendo sicuramente un buonissimo risultato. Abbiamo avuto delle occasioni per segnare, le decisioni finali da parte nostra non sono state le migliori ma le situazioni per fare male ci sono state. Abbiamo rivisto entrambe le gare, il positivo e il negativo. Questa è un’altra partita contro una squadra molto forte, più avanti nei lavori di noi perchè stanno lavorando da tanto tempo insieme costruendo un gruppo forte, stanno facendo un ottimo lavoro”.

Su Eriksen e Lautaro Martinez: “Eriksen sta lavorando con noi, sta capendo sempre di più che tipo di situazioni vogliamo da parte sua, come ho detto dall’inizio ho fatto una cosa che non avevo mai fatto, quella di farlo giocare subito, sia con la Fiorentina, poi contro l’Udinese, ero forzato a fare questo tipo di valutazione ma credo che l’impiego che gli ho dato sia stata la cosa migliore, perchè ha potuto incidere nei minuti in cui è entrato, lo vedremo dall’inizio delle prossime gare quando lo riterrò opportuno. Nonostante la giovane età, visto che Lautaro ha 22 anni, penso che abbia la testa sulle spalle per capire che le voci di mercato contano pochissimo in generale. I giocatori sono concentrati, sanno che quello che fanno sul campo è la cosa più importante”.

Sul match dell’Olimpico: “La Lazio viene da prove di forza evidenti, credo che la partita se la giocheranno, come noi, ci sarà una strategia da parte loro come da parte nostra, cercheremo di esaltare i loro difetti e limitarne i pregi. È una partita che sia noi che loro vogliamo vincere quindi sarà una gara che si giocherà e che vinca il migliore alla fine. Le corsie esterne sono importanti soprattutto quando incontri squadre a specchio, cercare di creare superiorità numerica nell’uno contro uno. Al tempo stesso anche la Lazio utilizza due attaccanti come noi, in più loro hanno anche Milinkovic-Savic, un giocatore molto fisico che spesso si aggiunge alle due punte. Mi auguro sia una bella gara, soprattutto per chi assiste alla sfida, di vedere due squadre che si giocano la partita per cercare di superarsi”

Infine la rosa e gli infortuni: “È una stagione un po’ particolare perché siamo a 6/7 infortuni traumatici, che è un numero difficile da riscontare in una stagione. Quello che mi auguro è di avere tutti a disposizione perchè abbiamo tante competizioni, tante patite da giocare e sarà importante avere tutti”.


日本語版  中文版  Versión Española  Versi Bahasa Indonesia  English Version 

Load More