Godin: “Domani ci vorrà la massima concentrazione”

GODIN: “DOMANI CI VORRÀ LA MASSIMA CONCENTRAZIONE”

Il difensore nerazzurro in conferenza: "Affronteremo la partita da squadra e con entusiasmo”

APPIANO GENTILE -  Al fianco di Antonio Conte nella conferenza stampa di vigilia di Inter-Barcellona, Matchday 6 della UEFA Champions League 2019-2020, Diego Godin ha risposto alle domande dei giornalisti presenti: “Il nostro obiettivo è la partita di domani, non stiamo pensando oltre, sarà la partita più importante contro una delle migliori squadre al mondo e che affronteremo con voglia di crescere, entusiasmo di giocare davanti al nostro pubblico per ottenere un risultato positivo e con la voglia di dare il massimo in campo, dare tutto per la squadra e qualificarci agli ottavi dopo un girone non semplice, con il Dortmund che è una squadra abituata a giocare in Champions, e con il Barcellona. L’obiettivo quindi è la partita di domani, il Barcellona non ha problemi di qualifica ma noi dobbiamo pensare a noi stessi e a vincere la partita”.

Tante le sfide vissute contro Messi e compagni per Godin: “Ho affrontato tante volte Messi, ma tutti lo conoscono, domani sarà una partita di squadra e quando devi affrontare squadre con tante individualità come il Barcellona quello che conta è il lavoro di squadra. Noi abbiamo preparato la partita negli allenamenti per minimizzare le loro qualità, aggredirli, fare male e provare a vincere domani. La partita che ricordo con più piacere è quando abbiamo vinto il campionato al Camp Nou nel 2014, perché abbiamo vinto con un mio gol e lo ricordo bene. Questa è una partita difficile, sappiamo che ci farà soffrire ma siamo pronti come lo sono anche i nostri tifosi. La concentrazione deve essere sempre massima perché è una squadra che può fare male in ogni momento. Dobbiamo essere pronti sia in fase offensiva che difensiva”.

Infine tra gli uomini copertina del match anche i due attaccanti Lautaro e Suarez: “Suarez lo conosco bene, è un grande attaccante, uno dei migliori al mondo. Lautaro lo vedevo l’anno scorso da fuori e quest’anno da vicino e penso che sia esploso, è cresciuto tantissimo perché si sente importante e forte a livello fisico. Se oggi ne parlano tante squadre vuol dire che sta facendo le cose bene. Oggi è un giocatore dell’Inter che è una delle migliori squadre al mondo, è giovane, ha tanti anni per crescere e dare tanto a questa squadra quindi siamo contenti di averlo con noi. Speriamo tutti che possa continuare così a fare il massimo in campo per aiutare la squadra”


Versi Bahasa Indonesia  Versión Española  中文版  English Version  日本語版 

Load More