Conte: "Orgoglioso di guidare questo gruppo. Vittoria da dedicare ai nostri tifosi"

CONTE: "ORGOGLIOSO DI GUIDARE QUESTO GRUPPO. VITTORIA DA DEDICARE AI NOSTRI TIFOSI"

Le parole del tecnico nerazzurro dopo il successo contro il Milan: "Svantaggio immeritato, bravi a ribaltarla. Ora testa al Benevento"

MILANO - Il rigore di Lukaku e la punizione di Eriksen consegnano il #DerbyMilano valido per i quarti di finale di Coppa Italia all'Inter, che supera meritatamente in rimonta il Milan ribaltando nella ripresa l'iniziale 0-1 firmato da Ibrahimovic. I nerazzurri volano così in semifinale, dove affronteranno la vincente della sfida tra Juventus e SPAL. 

Questa l'analisi del Mister al termine del match ai microfoni di Rai Sport:  

"Per il secondo anno consecutivo centriamo l'accesso alla semifinale. È merito soprattutto dei ragazzi, che hanno avuto la giusta interpretazione dal primo all'ultimo secondo. Il fatto di aver eliminato un'ottima squadra come il Milan non può che renderci felici" ha esordito il tecnico nerazzurro.

Inter e Milan sono due squadre vicine come valori? 

"Il Milan ha dei valori importanti, così come noi. Anche in undici contro undici però abbiamo avuto occasioni importanti, stavamo facendo un'ottima partita e il loro portiere è stato il migliore in campo. Il risultato era bugiardo anche prima dell'espulsione di Ibrahimovic, poi siamo stati bravi a ribaltarla. Quello che ci deve far riflettere è che concretizziamo poco rispetto a quanto creiamo".

Che valutazione avete fatto delle scintille viste in campo? È stato un derby molto duro...

"Il derby è anche questo, era una partita sentita. Per questo dedichiamo la vittoria ai nostri tifosi, alcuni sono anche venuti ad accoglierci seguendo l'arrivo del pullman. Siamo contenti per loro perché sappiamo che ci tenevano. Adesso concentriamoci sul Benevento poi penseremo alla prima semifinale di Coppa Italia". 

Ha parlato con Lukaku dopo l'episodio di fine primo tempo?

"Non ho ancora parlato con Romelu, ma sono stato calciatore quindi so che durante una partita può succedere che gli animi si accendano. Può succedere che si scaldi la situazione, ma è giusto che tutto poi rientri. Mi è piaciuto vedere Romelu sul pezzo, sta crescendo anche dal punto di vista caratteriale. Riveste un ruolo importante per noi e se ogni tanto si arrabbia, possiamo solo guadagnarci". 

Eriksen rientra nel progetto? 

"Come dico da un mese, la nostra rosa è questa. Con Christian stiamo lavorando molto anche per trovare un'alternativa a Brozovic. Lui può fare il playmaker, ha qualità ed è molto intelligente dal punto di vista calcistico. Fa parte del progetto e sono contento che oggi abbia segnato il gol decisivo. L'ho esortato perché calciasse la punizione, è un po' timido e mi auguro che questo gol possa aiutarlo. Gli vogliamo tutti bene perché è un ragazzo pulito, forse fin troppo. Ce lo teniamo stretto, fa parte del nostro gruppo. Siamo questi e andremo avanti così fino alla fine, contenti di lavorare insieme". 

Qual è il bilancio dopo un anno e mezzo di lavoro? 

"Io sono di parte, quindi preferisco siano gli altri a tracciare i bilanci (sorride, ndr). Capisco sempre le aspettative nei miei confronti ma spesso ci si dimentica che ci sono dei percorsi da fare e credo che l'Inter abbia dei numeri importanti dal punto di vista statistico. Però con noi si cerca di guardare sempre il bicchiere mezzo vuoto, a differenza di altre squadre. Dobbiamo solo lavorare e continuare a migliorare, ci vorrà ancora un po' di tempo ma nonostante le difficoltà di questa annata un po' strana, stiamo rispondendo nella giusta maniera. Sono orgogliso di essere a capo di questo gruppo, che dà tutto per la maglia dell'Inter". 


Versión Española  English Version  Versi Bahasa Indonesia  中文版  日本語版 

Load More