Inter-Barcellona 1-2, match review

INTER-BARCELLONA 1-2, MATCH REVIEW

Nerazzurri sconfitti a San Siro dai blaugrana: terzo posto nel girone

MILANO - Cinismo e precisione. Doti che spesso hanno accompagnato l'Inter in questo avvio di stagione. Sono venute a mancare nel momento decisivo, quello di massimo sforzo. Una sconfitta per 1-2 che ci fa male, ci elimina dalla Champions League e che ci lascia l'amarezza per un cammino bacato dalla rimonta subita a Dortmund e dalle innumerevoli occasioni sfiorate. 

Il ritmo del Barcellona non è stato alto: Valverde ha proposto un 3-4-1-2 che ha puntato a soffocare la costruzione di gioco di Brozovic, per poi sfruttare le accelerazioni di Carles Perez, scatenato al suo debutto in Champions League. L'Inter ha giocato un match gagliardo, a tratti arrembante nel primo tempo. Aggressione, proposta offensiva con l'aiuto di centrocampisti ed esterni.

18 tiri, 8 in totale nello specchio, 4 per tempo. Un gol, di Lukaku; tre annullati per fuorigioco. L'Inter ha duellato a centrocampo, dove Brozovic, pur giocando la solita quantità di palloni (82), è stato chiuso nella morsa blaugrana, con il giovane Alena che ha catalizzato la maggior parte delle azioni degli ospiti. Non aveva bisogno di un ritmo elevato, il Barcellona. Si è limitato, per così dire, a giocare a memoria pur con interpreti differenti dal solito e con un modulo inedito: gli scambi nello stretto e le giocate improvvise hanno creato qualche difficoltà all'Inter. Il più attivo è stato Carles Perez, autore del primo gol e autentica spina: scatti negli spazi, tiri pericolosi col mancino.

L'apporto alla manovra nerazzurra ha visto il contributo dei difensori, con Godin, Skriniar (13 possessi guardagnati) e De Vrij molto aggressivi. La produzione offensiva è passata, come sempre, dai duelli di Lautaro Martinez e Romelu Lukaku. Il Toro, in particolare, ha lavorato in profondità, spalle alla porta, indirizzando le giocate offensive della squadra, senza temere gli uno contro uno con i giganti della difesa del Barcellona. L'argentino ha concluso quattro volte in porta, ha trovato due gol annullati, ha servito l'assist a Lukaku. La coppia nerazzurra ha segnato le ultime sette reti dell'Inter: tre per il belga, quattro per l'argentino. Un lavoro enorme, che ha visto qualche intoppo in zona conclusiva, per questioni probabilmente da iimputare a eccessiva voglia, frenesia, stanchezza e sfortuna.

Il grande sforzo nerazzurro non è bastato, ma il pubblico ha tributato il giusto omaggio a una squadra che ha davvero dato tutto, fino all'ultimo, anche dopo la rete di Ansu Fati, il più giovane marcatore nella storia della Champions League (17 anni e 40 giorni). Ci resta un'identità forte di squadra, l'appoggio totale del pubblico, un cammino in campionato tutto da scrivere, una Coppa Italia alla quale aspirare e, lunedì, il sorteggio di Europa League.


English Version  中文版 

Load More