COPPA ITALIA: POKER AL CAGLIARI, L'INTER VA AI QUARTI

A San Siro i nerazzurri vincono 4-1 con le reti di Lukaku (2), Borja Valero e Ranocchia

MILANO - Dall'inizio alla fine. Senza passi falsi, concedendo il meno possibile. Una missione: vincere e andare avanti nel cammino in Coppa Italia. L'Inter lo fa con sicurezza e bel gioco, dando spettacolo e tenendo il Cagliari fuori dal match praticamente dal fischio d'inizio. 4-1, le firme di Lukaku, Borja Valero e Ranocchia: superato l'ostacolo ottavi, i nerazzurri si regalano i quarti di finale di Coppa Italia. A San Siro arriverà la vincente dello scontro tra Atalanta e Fiorentina. Ma quello che importa è la consistenza del match nerazzurro, la bontà dei gol, la capacità di coinvolgere più calciatori possibili nella rosa. 

Impossibile iniziare meglio, impossibile partire con più grinta e sprint. Pronti via, il tempo di salutare il fischio d'inizio con il boato di un San Siro sempre caldo nonostante la serata gelida, e palla in buca: retropassaggio di Oliva, Lukaku che si avventa sul pallone, esitazione e sinistro nell'angolo. 1-0 dopo 21" per il gol più veloce della stagione, un timbro importante sul match che viene indirizzato su binari che non verranno più abbandonati dal treno nerazzurro. La squadra di Conte da subito dà grande pressione e continuità dopo il vantaggio immediato. E lo fa con grande piglio e bel gioco, con fraseggi nello stretto che coinvolgono Borja Valero e soprattutto Alexis Sanchez, molto attivo nel giorno del rientro in campo dopo l'infortunio patito in nazionale. Al 12' San Siro sussulta di nuovo, ma il VAR conferma l'annullamento del gol nato dal cross di Dimarco e sfiorato di testa da Lukaku. Nella costruzione del gioco l'Inter trova trame interessanti che mettono Dimarco e Sanchez a un passo da Olsen, ma è Borja Valero a bucare il portiere svedese per il secondo gol. La fascia destra è quella in cui Lazaro e Barella trovano terreno fertile, il cross del centrocampista è al bacio per lo spagnolo che da due passi prima colpisce la traversa e poi batte Olsen per il suo secondo gol stagionale.

Il primo tempo è un monologo nerazzurro in cui il Cagliari non si presenta praticamente dalle parti di Handanovic. Anzi, nel calcolo delle occasioni della squadra di Conte si sommano i tiri di Lukaku e quello di Brozovic, propiziato da una sortita offensiva di Brozovic.

La consistenza dell'Inter, concentrata e sul pezzo, si manifesta anche nella ripresa, con il gol del 3-0 al 4'. Ancora una volta è Lukaku a mettere la firma, la 18esima stagionale, con un bellissimo colpo di testa su cross di Barella, attivato da un corner battuto rapidamente da Lazaro. Con la partita sul 3-0 l'Inter rallenta, mantenendo il pallino del gioco ma senza affondare più dalle parti di Olsen. Il Cagliari, con orgoglio, prova dunque a scorllarsi di dosso un torpore durato troppo a lungo. A suonare la carica Nainggolan, con un gran destro che finisce sul palo ad Handanovic battuto. Due minuti più tardi è Oliva a farsi perdonare il peccato originale del retropassaggio iniziale siglando il bel gol del 3-1, con un gran destro in area su assist di tacco di Cerri. 

Una rete che ridà un pizzico di fiato agli ospiti, che provano ancora dalla distanza a spaventare Handanovic. Ma è una fiammella che si spegne subito: Biraghi, appena entrato, dipinge un corner perfetto sulla testa di Ranocchia, per il 4-1 definitivo. Un gol bello e significativo per il centrale nerazzurro, al suo primo centro stagionale, il 12esimo con la maglia nerazzurra. L'epilogo del match vede protagonisti Sensi ed Esposito, con la gestione di una partita condotta in porto con grande consapevolezza. Ai quarti, sempre a San Siro, arriverà una tra Atalanta o Fiorentina. Ora la testa è solo al Lecce, che sfideremo domenica in campionato alle 15. Forza Inter, sempre!

INTER-CAGLIARI 4-1

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 2 Godin, 13 Ranocchia, 37 Skriniar; 19 Lazaro, 23 Barella, 77 Brozovic (12 Sensi 69'), 20 Borja Valero, 21 Dimarco (34 Biraghi 78'); 7 Sanchez (30 Esposito 69'), 9 Lukaku.
A disposizione: 27 Padelli, 46 Berni, 6 de Vrij, 10 Lautaro, 31 Pirola, 32 Agoumé, 87 Candreva, 95 Bastoni.
Allenatore: Antonio Conte.

CAGLIARI (4-3-2-1): 90 Olsen; 24 Faragò, 40 Walukiewicz, 19 Pisacane, 22 Lykogiannis; 18 Nandez (14 Birsa 79'), 17 Oliva, 21 Ionita (10 Joao Pedro 79'); 29 Castro (6 Rog 46'), 4 Nainggolan; 9 Cerri.
A disposizione: 1 Rafael, 28 Cragno, 8 Cigarini, 15 Klavan, 33 Pellegrini, Simeone.
Allenatore: Rolando Maran.

Marcatori: 1' Lukaku (I), 22' Borja Valero (I), 49' Lukaku (I), 72' Oliva (C), 80' Ranocchia (I)
Ammoniti: Lykogiannis (C), Godin (I), Sensi (I)
Recupero: 2' - 3'

Arbitro: Chiffi.
Assistenti: Paganessi, Imperiale.
Quarto Uomo: Marini.
VAR e Assistente VAR: Di Paolo, Lo Cicero.


日本語版  Versi Bahasa Indonesia  English Version  中文版  Versión Española 

Tags: coppa italia
Load More