Match review: Inter-Cagliari 1-1

MATCH REVIEW: INTER-CAGLIARI 1-1

Terzo pareggio consecutivo per i nerazzurri

MILANO - La tensione e la rabbia nei minuti finali sono un po' la fotografia del nostro match, il terzo pareggiato per 1-1, il terzo in cui veniamo raggiunti. Anche con il Cagliari siamo andati in vantaggio, abbiamo costruito tante occasioni da gol, alcune clamorose, ma non abbiamo avuto la cattiveria di affondare il colpo del ko. E così usciamo da San Siro con un punto.

18 tiri totali, ben 13 da dentro l'area di rigore. Se è vero che l'Inter ha lasciato al Cagliari il possesso palla, è altrettanto vero che i nerazzurri hanno avuto un impatto ben differente rispetto agli ospiti in zona gol. E' mancato, davvero, il gol del raddoppio, nei primi venti minuti della ripresa domniati e nel quale abbiamo confezionato occasioni da gol a ripetizione.

Il Cagliari ha optato per un possesso palla, se si può definire così, difensivo: mai realmente pericoloso, la squadra di Maran ha sollecitato con costanza in particolare un difensore nerazzurro, Stefan de Vrij. L'olandese ha giganteggiato con 10 respinte, trascinando l'intera retroguardia nerazzurra.

La produzione offensiva dell'Inter è stata tutta opera di un trio davvero ispirato: Sensi-Lukaku-Lautaro. Ognuno di loro ha concluso cinque volte verso la porta, supportati dalle corse di Barella, che ha percorso oltre 13 km, meno solo di un instancabile Borja Valero. Lautaro Martinez, espulso nell'ultimo minuto di recupero per proteste, ha dato prova, ancora una volta, della sua capacità di aprire le partite. Con il quarto gol in quattro sfide contro il Cagliari il Toro ha trovato il suo 16esimo gol stagionale: 12 delle 16 reti sono state messe a segno nei primi 30 minuti di gioco (75%). Il gol è arrivato su cross perfetto di Ashley Young, ma soprattutto è arrivato su colpo di testa, un fondamentale molto importante per l'Inter: solo Liverpool (13) ed Everton (10) hanno realizzato più gol di testa dell'Inter (nove) in questa stagione nei top-5 campionati europei.

I numeri di questo match testimoniano che l'Inter ha creato, è stata pericolosa, ma ha mancato il raddoppio e ha subito il pareggio con il tiro da fuori di Nainggolan, deviato. Lukaku, subito dopo il pareggio, ha provato con uno strappo dei suoi a riportare il match su binari solo nerazzurri. Non è stata giornata, con il pallone che è sibilato a fil di palo, come troppe volte durante il match.

Ora bisogna solo concentrarsi su Inter-Fiorentina di Coppa Italia, raccogliere le energie e ripartire, con ancora più convinzione.


Load More