Lazio-Inter 2-1, non basta il gol di Young

LAZIO-INTER 2-1, NON BASTA IL GOL DI YOUNG

All’Olimpico dopo il primo gol in Serie A dell'esterno nerazzurro a fine primo tempo, arrivano nella ripresa le reti di Immobile su rigore e di Milinkovic-Savic

ROMA – L’Inter dopo una partita combattuta fino all’ultimo minuto di recupero, registra la seconda sconfitta stagionale in campionato. La Lazio, in striscia positiva dal 25 settembre, quando il gol di D’Ambrosio decise il match di andata a San Siro, rimonta il risultato rispondendo con Immobile dal dischetto e Milinkovic-Savic al primo gol in Serie A di Young.

Conte ritrova Lautaro Martinez in campionato al fianco di Lukaku. Nell’undici di partenza, Padelli tra i pali, Godin insieme a de Vrij e Skriniar a completare la difesa, Candreva e Young sulle fasce e Vecino titolare nel terzetto con Brozovic e Barella. Per Simone Inzaghi fuori Lulic per infortunio e Jony sulla fascia, con Caicedo al fianco di Immobile, Marusic titolare sulla corsia di destra e Radu rientrato dopo la squalifica a completare la difesa con Luiz Felipe e Acerbi.

Squadre a specchio con il 3-5-2 e Inter subito propositiva, con la prima azione offensiva al quarto minuto di gioco, quando Godin, in campo nel giorno del suo 34° compleanno, ci prova di testa sul calcio d’angolo battuto da Candreva ma la palla finisce alta sopra la porta. La risposta della Lazio e il primo brivido del match, arriva 5 minuti dopo con il tiro dalla distanza di Milinkovic-Savic che colpisce la traversa.

Dopo una prima fase di studio i nerazzurri provano a sbloccare la partita, prima su iniziativa di Candreva che dal fondo riesce a servire Lautaro anticipato da Luiz Felipe, poi con la prima vera occasione del primo tempo, la ripartenza innescata da Brozovic che dialoga con Lukaku e il belga che tenta la conclusione incrociando di sinistro dopo 60 metri di corsa. La partita si accende e a metà del primo tempo ci prova anche Luiz Alberto che però conclude alto sopra la traversa.

L’Inter cerca il varco giusto per colpire sfruttando le fasce e Candreva si conferma uno degli uomini chiave della prima frazione di gioco, per l’esterno ex della sfida conclusione deviata in calcio d’angolo dopo un’azione nata da un inserimento di Vecino. Squadre concentrate nel concedere il meno possibile agli avversari, per i biancocelesti, Jony ci prova con due traversoni intercettati prima da de Vrij che anticipa l’uscita di Padelli, poi da Young.

Al 44’ il vantaggio dell’Inter: è proprio il calciatore inglese a sbloccare il match, è lui a far ripartire l’azione e a chiudere con un tap in vincente sul tiro di Candreva. Per Young, perfetto nel trovare la coordinazione e il tiro, arriva così il primo gol in Serie A e con la maglia nerazzurra. Con la sua rete si chiude il primo tempo con i nerazzurri in vantaggio.

La ripresa inizia con una doccia fredda, la Lazio trova il pareggio dopo cinque minuti con Immobile che trasforma dal dischetto dopo il fischio di Rocchi sull’intervento di de Vrij. L’Inter reagisce con Lukaku che prima tira alto sopra la traversa, poi servito da Lautaro ci prova con il sinistro ma viene chiuso da Acerbi. Ad affacciarsi nuovamente nella metà campo dei biancocelesti è ancora Young, che viene fermato da Luiz Felipe.

È però la Lazio a colpire nuovamente trovando il vantaggio con Milinkovic-Savic che conclude alle spalle di Padelli dopo il clamoroso salvataggio di Brozovic sul tiro di Marusic. L’Inter cerca di reagire ma il traversone di Young per Lukaku viene intercettato da Strakosha. Fanno il loro ingresso Eriksen e Moses e il danese è subito protagonista con una delle occasioni più limpide del secondo tempo: il suo tiro di potenza ribattuto da Strakosha viene raccolto da Young che serve Lautaro, ma la conclusione vincente del numero 10 nerazzurro è viziata da posizione di fuorigioco. A cinque minuti dalla fine Immobile cerca la doppietta personale ma viene fermato da un bell'intervento di Padelli. Al novantesimo l’Inter sfiora il pareggio con Lukaku servito d’esterno da Eriksen, ma sul tiro di potenza del belga si immola Acerbi.

Il match si chiude dopo 5 minuti di recupero con l’Inter ancora in attacco che subisce la seconda sconfitta stagionale in Campionato. Prossimo appuntamento giovedì 20 febbraio per Ludogorets-Inter, gara valida per i sedicesimi di finale di Europa League.  

LAZIO-INTER 2-1

LAZIO (3-5-2): 1 Strakosha; 3 Luiz Felipe, 33 Acerbi, 26 Radu; 77 Marusic, 21 Milinkovic-Savic, 6 Leiva (32 Cataldi ’80), 10 Luis Alberto, 22 Jony (29 Lazzari 63’); 17 Immobile, 20 Caicedo (11 Correa 63’).
A disposizione: 23 Guerrieri, 24 Proto, 4 Patric, 5 J. Lukaku, 11 Correa, 15 Bastos, 16 Parolo, 28 A. Anderson, 29 Lazzari, 32 Cataldi, 34 Adekanye, 93 Vavro. 
Allenatore: Simone Inzaghi

INTER (3-5-2): 27 Padelli; 2 Godin (7 Sanchez ’86), 6 de Vrij, 37 Skriniar; 87 Candreva (11 Moses 76’), 8 Vecino, 77 Brozovic (24 Eriksen 76’), 23 Barella, 15 Young; 9 Lukaku, 10 Lautaro.
A disposizione: 1 Handanovic, 35 Stankovic, 46 Berni, 7 Sanchez, 11 Moses, 13 Ranocchia, 20 Borja Valero, 24 Eriksen, 32 Agoumé, 33 D'Ambrosio, 34 Biraghi, 95 Bastoni.

Allenatore: Antonio Conte.

Marcatori: 44’ Young, 50’ Immobile, 69’ Milinkovic-Savic
Ammoniti: de Vrij (I), Leiva (L), Luiz Felipe (L), Godin (I), Milinkovic-Savic (L)
Recupero: 3’, 5

Arbitro: Rocchi
Assistenti: Alassio, Costanzo
Quarto uomo: Pasqua
VAR e Assistente VAR: Mazzoleni, Vivenzi


中文版  Versi Bahasa Indonesia  English Version  Versión Española  日本語版 

Load More