Conte: "La prestazione migliore per prepararci a mercoledì"

CONTE: "LA PRESTAZIONE MIGLIORE PER PREPARARCI A MERCOLEDÌ"

Le parole del tecnico nerazzurro dopo il successo contro il Bologna: "Avevo chiesto concentrazione alla squadra, vittorie così fanno crescere l'autostima"

MILANO - Terza vittoria consecutiva in Serie A (la quarta considerando anche il successo in Champions League contro il Borussia Mönchengladbach) per l'Inter di Antonio Conte, che fa suo l'anticipo della 10^ giornata battendo 3-1 il Bologna grazie al gol di Lukaku e alla doppietta di un super Achraf Hakimi. 

Questa l'analisi del tecnico nerazzurro al termine della partita: 

Rispetto a quanto successo contro il Torino, stasera l'Inter sembra essersi comportata da grande squadra. È d'accordo? 

"Sì, anche se il gol del 2-1 è arrivato in maniera inaspettata e avremmo potuto fare meglio perché ci è già capitato di tenere aperte delle partite che stavamo dominando. A luglio ci è già capitato di vivere una brutta giornata contro il Bologna, perdendo 2-1 in superiorità numerica e dopo aver sbagliato un rigore. Oggi però siamo stati determinati e attenti, abbiamo avuto massimo rispetto per il Bologna, memori anche  di quanto successo qualche mese fa. I ragazzi sanno che devono tenere alta la concentrazione, perché quando ci comportiamo così diventa difficile giocare contro di noi. Se abbassiamo la soglia dell'attenzione prendiamo gol evitabili come quello di stasera. Era una partita importantissima per noi, per far crescere l'autostima anche in vista della partita contro lo Shakhtar di mercoledì. I ragazzi lo sapevano e sono contento di averlo trasmesso nella maniera giusta. Complimenti al gruppo per la prestazione". 

A livello tattico avete cambiato atteggiamento: aspettate di più l'avversario per trovare l'equilibrio giusto in fase difensiva? 

"In Italia si gioca un calcio molto tattico, quindi stiamo trovando il nostro equilibrio. Non portiamo sempre pressione alta perché gli avversari ti studiano, quindi cerchiamo di alternare i momenti avendo sempre una squadra molto corta. Questa è la cosa più importante, con gli attaccanti che accorciano in fase difensiva e i difensori in fase offensiva, per restare in 30-35 metri. Ci sentiamo più compatti ma sappiamo che in caso di necessità possiamo portare pressione alta".

Hakimi è devastante, a volte sembra frenato perché preoccupato tatticamente. È su questo che deve migliorare? Ha avuto da lui la risposta che si aspettava? 

"Stiamo parlando di un ragazzo di poco più di 20 anni, che ha fatto solo due stagioni a Dortmund e in Bundesliga si gioca un calcio meno tattico. È un calciatore che sta lavorando, ha capito le differenze del calcio italiano, dove ci sono meno spazi e più preparazione da parte delle squadre avversarie, che studiano le sue caratteristiche. Ha ampi margini di miglioramento, è nella squadra giusta e con l'allenatore giusto per diventare uno dei più forti nel suo ruolo. Deve lavorare tanto ma sono contento perché con questo tipo di prestazioni aumenta la fiducia. Deve trovare il giusto equilibrio ma noi sappiamo di avere un ragazzo con delle qualità, di grande potenzialità e sarà mio compito farlo diventare uno dei più top in quel ruolo. Le mie scelte sono sempre fatte pensando al bene dell'Inter, anche Darmian ha fatto bene martedì e lo stesso Perisic stasera". 

Ci sono ancora margini di miglioramento anche per uno come Lukaku? 

"Romelu può ancora crescere. Quando è arrivato l'ho definito un diamante grezzo perché aveva raggiunto un certo livello solo per merito delle sue qualità. Sapevo che lavorandoci sarebbe potuto diventare uno degli attaccanti più forti al mondo ed è sulla buona strada perché è un giocatore umile, che lavora tanto per la squadra e ha tutto: qualità fisiche ma anche gamba per incidere a campo aperto. È un giocatore da football americano (sorride, ndr). Ho insistito tanto, non solo all'Inter, per averlo perché per me ha caratteristiche uniche. Sono contento di lui, sono contento della squadra, di Lautaro e di Sanchez, che può diventare ancora più decisivo e fare anche qualche gol in più per le sue qualità. Viene però da due anni di quasi inattività al Manchester United, ora sta giocando tanto e anche quando entra a partita in corso è determinante". 

Com'è il rapporto con Eriksen? 

"Il rapporto con Christian, così come con tutti gli altri calciatori, è ottimo. Non mi stancherò mai di ripetere che tutte le scelte che faccio vengono prese per il bene dell'Inter. Faccio sempre valutazioni per la squadra, Christian si sta impegnando ed è uno dei giocatori a disposizione". 

Mercoledì vi aspettate uno Shakhtar Donetsk  chiuso come nella gara di andata? 

"Considerando anche le partite contro il Real Madrid, può essere arrivino qua per giocare una partita chiusa nel tentativo di fare male in contropiede per sfruttare la loro velocità e le abilità in ripartenza. Sapendo questo dovremo essere bravi a non concedere spazi in fase di possesso perché davanti avremo le nostre occasioni. Sarà una gara dura perché lo Shakhtar facendo risultato qui potrà passare il turno, ma anche noi vogliamo giocarci le nostre carte. Dobbiamo ragionare da grande squadra, mostrando la maturità giusta. È uno step ulteriore per noi ma ci arriviamo carichi, con il morale giusto. Oggi c'è stata la prestazione giusta per prepararci a partite come quella di mercoledì. Sappiamo di giocarci tanto, adesso è giusto che i ragazzi riposino perché abbiamo fatto tante partite ravvicinate nell'ultimo periodo. Domani avranno una giornata per stare con le loro famiglie e io cercherò di sfruttare qualsiasi momento per studiare la soluzione migliore che ci possa consentire di proseguire il nostro cammino in Europa".


Versión Española  English Version  中文版  Versi Bahasa Indonesia  日本語版 

INTER-BOLOGNA | LE PAROLE DI ANTONIO CONTE A INTER TV

Load More