ADRIANO: COMPLEANNO, DERBY E RICORDI. AUGURI, IMPERATORE!

Oggi compie 39 anni l'attaccante brasiliano, in gol nei derby del 2005 e del 2009

1/14
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!
Adriano: compleanno, derby e ricordi. Auguri, Imperatore!

È come se stesse accadendo in questo momento: guardiamo Juan Sebastian Veron che si appresta a battere il calcio d'angolo e siamo lì, arrabbiati per il gol di Stam e quel 2-2 che ci stava tanto stretto. Ma ancora speranzosi, fiduciosi. Vediamo la palla che parte, che fa una curva bella e veloce e va in picchiata, nel cuore dell'area. Ci sono mille maglie, nerazzurre e rossonere. Burdisso prova ad avventarsi, Christian Vieri in maglia Milan prova ad opporsi. Ma su tutti si erge, si innalza, svetta, lui: il nostro numero 10, Adriano. Va in cielo, una ricerca del pallone ad altezze vertiginose. Colpo di testa. Gol. Delirio. Vittoria nel derby. Era il 12 dicembre 2005: Inter-Milan 3-2.

Oggi, 17 febbraio 2021, Adriano Leite Ribeiro compie 39 anni. Gli mandiamo tutti gli abbracci e gli auguri possibili, tutto il nostro affetto nerazzurro.

Un compleanno speciale, che arriva proprio alla vigilia del derby. Una sfida, con il Milan, nella quale Adriano ha lasciato il segno in due occasioni. Tre gol e due vittorie, entrambe da ricordare.

Quello del 2005, come detto. Una partita totale, dell'Imperatore. Inarrestabile, nel pieno della sua forza, meraviglioso nell'intesa con Martins. In quel derby di dicembre Adriano regalò una delle sue prestazioni più complete e travolgenti. Il rigore nel primo tempo con cui spiazzò Dida, poi nella ripresa la punizione dalla distanza non trattenuta dal portiere brasiliano, seguita dal tap-in vincente di Oba-Oba. Infine il gol di testa del 3-2, festeggiato alla sua maniera, con la maglia dell'Inter agitata come una bandiera e il bacio allo stemma nerazzurro. 

Nel 2009 un altro derby da ricordare, a febbraio, giorno 15. José Mourinho in panchina, Adriano in squadra in quella stagione dopo il prestito al San Paolo. Di fronte il Milan di Pato e Ronaldinho, Inter con Adriano-Ibrahimovic coppia d'attacco. Il gol di Adriano apre la partita: un cross di Maicon dalla destra, un colpo di testa non preciso, ma che sbatte casualmente sul braccio del brasiliano e si infila in porta. L'esultanza di Adriano è una corsa e un abbraccio sentito verso Mourinho e una dedica al figlio dell'allenatore, che aveva indicato proprio il brasiliano come suo giocatore preferito. Anche un gol simbolico, per Adriano, l'ultimo dei 74 segnati in maglia nerazzurra in 177 presenze. Una vittoria, in quel derby, per 2-1, grazie al gol di Dejan Stankovic.

E allora, alla vigilia del derby di campionato, ribadiamo di nuovo gli auguri più sentiti e nerazzurri possibili a Adriano, il nostro imperatore.


English Version  Versión Española  Versi Bahasa Indonesia  日本語版  中文版 

Load More