Adriano: “L’Inter è la mia seconda casa. La punizione contro il Real Madrid? È nata...”

Adriano: “L’Inter è la mia seconda casa. La punizione contro il Real Madrid? È nata...”



Legends

3 giu 2022

L’Imperatore si racconta nella prima puntata di Careers dedicata alle leggende nerazzurre: da Ronaldo ai gol più belli, con un ringraziamento speciale per i tifosi


La potenza dei suoi gol è molto simile alla forza delle sue parole. Quando racconta dell'Inter Adriano ha il potere di emozionare ed emozionarsi ricordando chi l’ha battezzato ”Imperatore”, cantando i cori che i tifosi gli dedicavano dagli spalti o ridisegnando con la sua voce gol bellissimi come l’incredibile sigillo contro l’Udinese dopo sessanta metri di fuga. Talento e pura passione per il calcio, con quella voglia di rincorrere il pallone a tutti i costi e di buttarlo in rete: all’Inter l’ha fatto 74 volte, facendo alzare spesso in piedi i tifosi.

Protagonista della prima puntata del format di Inter TV “Careers” dedicato alle leggende nerazzurre (segui Inter TV su DAZN), Adriano è partito proprio da uno di questi gol, il primo, quello che l’ha presentato al pubblico nerazzurro e al mondo intero:

GUARDA CAREERS LEGEND CON ADRIANO

«Questa è stata la mia prima partita con la maglia dell’Inter, avevo 19 anni, è la punizione contro il Real Madrid e me la ricordo benissimo. La settimana prima in allenamento ci eravamo fermati a tirare delle punizioni io e Seedorf e lui aveva visto che calciavo forte. È stato lui a suggerire che la battessi io perché in realtà la voleva tirare Materazzi ma lui ha detto “Questa è di Adri” e avere questa fiducia è stato importante, ero appena arrivato all’Inter e per fortuna ho fatto un bel gol. Quando ho segnato non ci credevo, avevo 19 anni e per me era un sogno giocare nell’Inter: c'erano con grandi campioni e io ero lì a fare parte di quella squadra. Ho avuto molta fortuna a giocare con quei calciatori, per me e la mia famiglia è stato molto importante. La volontà di dimostrare quello che potevo fare era tanta e mi ha dato la giusta fiducia».

«Ronaldo, Seedorf e io piccolino. Avere vicino campioni così è stata un’emozione incredibile, anche adesso quando rivedo le foto mi sembra strano. Se ho sentito il paragone con Ronaldo? No, non c’è paragone, lui è un Fenomeno, lo ha dimostrato nella sua carriera ma non possiamo essere uguali. Lui mi portava alla Pinetina perché per un po’ io ho abitato a casa sua e ricordo che mi diceva sempre che se volevo arrivare lontano dovevo lottare, guardando sempre avanti per aiutare la mia famiglia, è stato come un fratello maggiore per me».

«Riguardando certi gol ancora non ci credo, ancora adesso non mi capacito. In quel momento stavo bene e facevo delle cose che mi venivano in automatico, quando stai così bene di testa e fisicamente anche cose incredibili ti vengono naturali, è stato un bel gol quello contro l’Udinese. Prima di quella partita ero di ritorno dal Brasile e con il fuso avevo riposato poco ma volevo giocare. Cosa pensavo in quel momento? Ad andare verso la porta, c’erano tre giocatori, il primo l’ho saltato subito, gli altri due erano in area di rigore, quindi sono andato a sinistra e l’ho messa all’incrocio...non c’era nulla da fare. Con il gol in finale di Copa America questo è uno dei più belli che ho fatto credo. Nella mia vita sono sempre stato me stesso e ho sempre ascoltato tutti e questo è molto importante. Dobbiamo ascoltare gli altri perché c’è sempre qualcosa da imparare: dobbiamo essere umili per migliorarci sempre di più».

«Il derby è una responsabilità grandissima, c’è tutto in quella partita, tante emozioni tutte insieme. Quando sono tornato allo stadio per il derby mi è passato tutto un film nella testa, è stato molto emozionante. È difficile spiegare come si vive questa partita, chi l’ha giocata lo sa, prima della sfida siamo tutti concentrati e agitati per fare bene, ma la stracittadina è anche una responsabilità immensa. Quando stavo bene era difficile prendermi, Materazzi delle volte quando non giocavo al massimo e poi facevo una grande partita diceva “È tornato l’Imperatore”. L’importante per me è che quando ero in campo ho sempre fatto tutto per aiutare la mia squadra. Quando ho passato momenti difficili l’Inter mi è stata sempre vicina e avere degli amici che mi hanno visto non solo come un giocatore ma anche come un fratello è stato molto importante e ringrazio tutti».


Versione IngleseChinese version
Legends

Notizie correlate

Tutte le notizie
MILANO,06-01-04 DFP/FOTO MARCO DE PONTI.INTER-LECCE:    ESULTANZA DOPO GOAL  IVAN  CORDOBA

Legends

Ieri

Tanti auguri Ivan Cordoba!


Altre notizie

Tutte le notizie

Squadra


Tutti i partner


Seleziona la lingua

Termini e condizioniPrivacyCookies

Copyright © 1995 — 2022 F.C. Internazionale Milano P.IVA 04231750151