Legends

17 lug 2022

Il 18 luglio 1942 nasceva a Treviglio una delle più grandi e significative figure della storia nerazzurra


Basta ascoltare. Chiudere gli occhi e ascoltare le parole, il tono. Fermezza e pudore, cuore e ragione. Nessuno strepito, solo tante cose belle, messe in fila con candore ed eleganza. E fermezza.

Poi, se si aprono gli occhi, si vedono anche le gesta. Le corse che hanno rivoluzionato il calcio, l’interpretazione di un ruolo che ha fatto storia, le braccia alzate dopo i gol, l’amore per i compagni, l’orgoglio nell’indossare la maglia nerazzurra.

Giacinto Facchetti. Nacque 80 anni fa, il 18 luglio 1942, a Treviglio. Un giorno benedetto per tanti, perché quel ragazzo alto e distinto sarebbe diventato un uomo bellissimo, un marito e padre amorevole, un giocatore unico, un dirigente e un presidente dedicato al bene sempre e solo di una squadra, l’Inter.

Compirebbe 80 anni, oggi, il Cipe, come lo avevano ribattezzato i compagni dopo che Herrera ne storpiò il cognome in Cipelletti. Ci manca, invece, dal 2006. Troppo tempo, troppo presto.

Non solo è diventato una delle più grandi leggende nerazzurre, ma ha lasciato un'eredità che sarà eterna. Il bello del calcio, l'essenza dell'interismo. Un ponte lungo 80 anni. Da Treviglio ai campi dove crescono i nuovi talenti dell'Inter: con, negli occhi, le parole e le gesta del Cipe. Unico, per sempre.


Versione Inglese
Legends

Notizie correlate

Tutte le notizie
Rummenigge - Selezionata per Agenda Inter 2010 - Pubblicata - DFP

Legends

domenica

Buon compleanno, Karl-Heinz Rummenigge


Altre notizie

Tutte le notizie

Squadra


Tutti i partner

  • Notizie
  • Squadra
  • Inter tv
  • Inter Online Store
  • Inter Official App
  • Inter Club

    • Diventa socio
    • Experience
    • Benefit

Seleziona la lingua

Termini e condizioniPrivacyCookies

Copyright © 1995 — 2022 F.C. Internazionale Milano P.IVA 04231750151