Conte: "I numeri dicono che abbiamo raccolto meno di quanto avremmo meritato"

CONTE: "I NUMERI DICONO CHE ABBIAMO RACCOLTO MENO DI QUANTO AVREMMO MERITATO"

L'analisi del tecnico nerazzurro dopo il successo per 3-0 sul campo del Genoa: "Sicuramente possiamo e dobbiamo migliorare, ma i ragazzi non stanno mollando"

GENOVA - Vittoria netta e meritata per l'Inter di Antonio Conte, che si riporta al secondo posto in classifica battendo 3-0 il Genoa al "Ferraris" nel match valido per la 36^ giornata di Serie A. Queste le parole del tecnico nerazzurro nelle interviste post-partita: 

Vista nei numeri (76 punti in classifica - miglior risultato dal 2010/11 - miglior difesa e secondo miglior attacco) la stagione e il secondo posto dell'Inter non sono così male, vero? 

"Non so perché ma nell'ultimo periodo si è sempre cercato di vedere il bicchiere mezzo vuoto. Ci sono dei numeri, però, che parlano chiaro e confortano. Questi ragazzi stanno facendo cose buonissime. Sicuramente si può e si deve migliorare, ma al tempo stesso devo fare i complimenti al gruppo perché sta facendo bene. Abbiamo ragazzi seri, che si impegnano e non stanno mollando. Dispiace per alcune partite, ma purtroppo ci sono delle annate dove si raccoglie meno di quanto si meriterebbe. Credo sia successo a noi quest'anno". 

Quanto vi dispiacerebbe non avere a disposizione per l'intera fase finale dell'Europa League il Sanchez visto nelle ultime partite?

"Mi auguro che il Club riesca a risolvere la situazione perché finora abbiamo avuto poco a disposizione Alexis, giocando 3/4 di campionato con i soli Lautaro e Lukaku, oltre a un giovane come Esposito, che deve però fare ancora il suo percorso. Avere a disposizione un'alternativa di valore per l'attacco diventa fondamentale per noi". 

Come affronterà l'Inter le ultime due partite considerando il calendario molto fitto in vista della ripresa dell'Europa League?

"Dobbiamo chiudere questo campionato nel migliore dei modi, lo meritano i nostri tifosi e lo meritiamo noi. I numeri contano e voglio che i nostri numeri a fine stagione testimonino il buon lavoro fatto dai ragazzi. Quindi abbiamo l'ambizione di arrivare il più in alto possibile. Non vinceremo il campionato, ma dobbiamo avere la fame di arrivare il più in alto possibile". 

Vincere l'Europa League vi aiuterebbe ad accelerare il percorso di crescita?

"Vincere non è mai facile, in Europa League ci sono grandi squadre, il Manchester United su tutte. Noi sicuramente vogliamo fare del nostro meglio e dico sempre ai ragazzi che non dobbiamo porci limiti. Al tempo stesso dobbiamo essere consci del nostro percorso, del fatto che dobbiamo crescere. Il Getafe è una squadra tignosa, che ha fatto soffrire anche Barcellona e Real Madrid. Non sarà semplice, anche perché arriviamo a giocarci l'Europa League al termine di un percorso estenuante. Mi auguro di avere tutti a disposizione per quella partita perché quest'anno, specialmente a centrocampo, abbiamo avuto parecchi problemi. Vecino e Sensi, così come Sanchez, sono state assenze inaspettate e dobbiamo ringraziare un calciatore come Borja  Valero perché ci ha salvato in tantissime situazioni in cui eravamo tirati, dando risposte eccezionali".


日本語版  中文版  English Version  Versión Española  Versi Bahasa Indonesia 

Load More