L'Inter e la Germania: Gosens nono tedesco della storia nerazzurra

L'INTER E LA GERMANIA: GOSENS NONO TEDESCO DELLA STORIA NERAZZURRA

Il nuovo acquisto si aggiunge a un elenco di campioni che hanno segnato, in passato, la storia del Club

MILANO - Robin Gosens, nuovo acquisto nerazzurro, diventa il nono tedesco della storia dell'Inter. Quella tra il nerazzurro e la Germania è una storia calcistica legata in maniera indissolubile. Basti pensare che tra gli otto calciatori tedeschi che hanno vestito la maglia dell'Inter tre di loro hanno conquistato il Pallone d'Oro, uno ha sollevato la Coppa dei Campioni in nerazzurro e l'ultimo, prima di Gosens, è attualmente il terzo miglior marcatore nella storia della Die Mannschaft.

Gosens, classe 1994, ha debuttato con la maglia della nazionale tedesca il 3 settembre 2020 a Stoccarda, nel primo turno di Nations League: Germania-Spagna 1-1. Da quel giorno ha collezionato 13 presenze e 2 gol. Uno dei due lo ha realizzato agli ultimi Europei, disputati da titolare sulla fascia sinistra. In particolare ha ricevuto il premio di migliore in campo nel match Portogallo-Germania 2-4 nel quale ha segnato un gol, servito un assist e propiziato un'autorete.

Robin Gosens si aggiunge quindi a Horst Szymaniak, Karl-Heinz Rummenigge, Hansi Müller, Lothar Matthäus, Andreas Brehme, Jurgen Klinsmann, Matthias Sammer, Lukas Podolski.
 

Giocatore Ruolo Data di nascita Presenze Gol
Horst Szymaniak Centrocampista 29/08/1934 12 0
Karl-Heinz Rummenigge Attaccante 25/09/1955 107 42
Hansi Müller Centrocampista 27/07/1957 68 13
Lothar Matthäus Centrocampista 21/03/1961 153 53
Andreas Brehme Difensore 09/11/1960 154 12
Jurgen Klinsmann Attaccante 30/07/1964 123 40
Matthias Sammer Centrocampista 05/09/1967 12 4
Lukas Podolski Attaccante 04/06/1985 19 1


HORST SZYMANIAK 
Horst Szymaniak è stato il terzo calciatore tedesco a giocare in Italia e il primo a vestire la maglia dell'Inter. Sono 12 le presenze del centrocampista, tutte nella stagione 1963/1964: arrivato all'Inter dal Catania,fu un comprimario dell'Inter di Helenio Herrera e conquisterà la prima Coppa dei Campioni della storia nerazzurra.

HANSI MÜLLER
Hans-Peter "Hansi" Müller arriva nel 1982 dallo Stoccarda. Un fantasista con ottimi colpi che, però, in nerazzurro paga il dualismo con Evaristo Beccalossi. La prima stagione è complicata, la seconda è migliore. Lascia l'Inter nel 1984 dopo 68 partite e 13 gol.

KARL-HEINZ RUMMENIGGE
Pallone d'Oro 1980 e 1981, arriva all'Inter nel 1984 dopo aver perso la finale dei Mondiali '82 subendo la marcatura, tra gli altri, di Beppe Bergomi. Tre stagioni, dall'84 al 1987, senza alzare trofei, ma lascia un segno nella storia nerazzurra con gol indimenticabili e sprazzi di quel campione che aveva vinto tutto, davvero tutto, con il Bayern Monaco.

LOTHAR MATTHÄUS
Non bastano poche righe a descrivere la grandezza di Lothar, uno dei più forti giocatori della storia dell'Inter e il primo a vincere il Pallone d'Oro vestendo la maglia nerazzurra. Vince Scudetto, Supercoppa e Coppa Uefa. Giocatore totale, trascinatore dell'Inter dei Record, protagonista di un duello sportivo epico con Maradona, con la vittoria ai Mondiali del 1990. Nel 2018 è entrato nella Hall of Fame dell'Inter.

ANDREAS BREHME
Arriva all'Inter assieme a Matthaus e distrugge tutti gli avversari incontrati sulla fascia sinistra. Corsa e capacità balistiche senza precedenti. Non solo con il mancino, il suo piede, ma anche col destro. Un esempio per tutto: nella finale dei Mondiali a Roma nel 1990 segna il rigore decisivo contro l'Argentina calciando di destro.

JURGEN KLINSMANN
Arriva dopo lo scudetto dei record, per sostituire Diaz. I tifosi nerazzurri lo adorano, lui è generoso e spettacolare. 123 partite e 40 gol, vince la Supercoppa e la Coppa Uefa. Nel suo palmares anche un Mondiale e un Europeo con la Germania.

MATTHIAS SAMMER
L'Inter lo acquista dallo Stoccarda nel 1991, ma il debutto -  a causa delle regole sugli stranieri in rosa - arriva solo nel 1992. 12 partite e 4 gol, una classe non in discussione: l'ambientamento difficile e questioni tattiche con il tecnico Bagnoli lo fecero propendere per il ritorno in Germania. Al Borussia vince la Champions League e il Pallone d'Oro, anche in virtù dell'Europeo conquistato con la Germania nel 1996.

LUKAS PODOLSKI
"Printz Poldi", uno dei giocatori più amati dai tifosi tedeschi. Sei mesi in nerazzurro, da gennaio a giugno 2015, quando l'apice della carriera era già stato raggiunto tra Bayern, Colonia e Arsenal. Un solo gol, bellissimo. Conta 130 presenze e 49 gol in nazionale, terzo goleador della storia tedesca.


Versión Española  English Version 

Tags: gosens
Load More